Connect with us

Che cos’è l’Isra’ wal Miraj?

Che cos'è l'Isra’ wal Miraj?

City Guide

Che cos’è l’Isra’ wal Miraj?

Il ventisettesimo giorno del mese di Rajab, che quest’anno cade domenica 23 aprile, nei Paesi musulmani si celebra una ricorrenza importante: Isra’ wal Miraj, ovvero l’ascensione del Profeta Maometto a Dio

Il ventisettesimo giorno del mese di Rajab, che quest’anno cade domenica 23 aprile, nei Paesi musulmani si celebra una ricorrenza importante: Isra’ wal Miraj, ovvero l’ascensione del Profeta Maometto a Dio. In vista di questo lungo fine settimana, festa sia per il settore pubblico che per quello privato, vediamo che cosa rappresenta la celebrazione.

Isra in arabo significa “viaggio”, wal “e”, Miraj “ascensione”, quindi, letteralmente, “il viaggio e l’ascensione”. In una notte, intorno al 621, secondo la religione Allah accompagnò Maometto dalla Mecca a Gerusalemme e poi in paradiso. Dio fece fare al Profeta un viaggio diviso in due tappe: il primo dalla Mecca alla “moschea lontana”, ovvero alla moschea di Al Aqsa di Gerusalemme. Dopodiché Maometto salì sulla Roccia (la Cupola della Roccia) e da qui, cavalcando il Burāq, una creatura alata, salì verso il cielo.

Nella seconda parte del suo viaggio, l’ascesa appunto (al Miraj), Maometto attraversò l’inferno e i sette cieli, fino in paradiso, dove incontrò tutti i profeti, tra i quali Adamo, Giovanni Battista, Gesù, Mosè, Abramo. Al settimo cielo, Dio diede a Maometto le istruzioni per la preghiera, tra cui il precetto di pregare cinque volte al giorno. Quindi Maometto ridiscese alla Mecca e la mattina seguente cominciò a raccontare l’accaduto, ma non tutti gli credettero.

L’ambiguità dell’esperienza di Maometto non fu chiara ai suoi testimoni e per lungo tempo si discusse se il profeta si fosse riferito a una vicenda reale o a una “visone”. Prevalse, infine, l’opinione che questo fatto accadde realmente.

Ma l’importanza di questo episodio della vita di Maometto sta chiaramente nel suo lato simbolico: quella notte, venne rivelato al Profeta il versetto che racchiude il credo dell’Islam, quindi il cuore della fede verso Dio. “Il Messaggero crede in quello che è stato fatto scendere su di lui da parte del suo Signore, come del resto, i credenti: tutti credono in Allah, nei Suoi Angeli, nei Suoi Libri e nei Suoi Messaggeri. Non facciamo differenza alcuna tra i Suoi Messaggeri. E dicono: Abbiamo ascoltato e obbediamo. Perdono, Signore! E’ a Te che tutto ritorna”. (Corano II, 285)

Elisabetta Norzi arriva a Dubai nel 2008. Nata e cresciuta a Torino, dopo una laurea in Lettere Moderne si trasferisce a Bologna per un master di specializzazione in giornalismo. Qui conosce la realtà dell'associazionismo emiliano e decide di occuparsi di tematiche sociali. Entra nella redazione dell'agenzia di stampa Redattore Sociale, collabora per il Segretariato Sociale della Rai e per il gruppo Espresso-Repubblica. Giramondo per passione, comincia a scrivere reportage come freelance con un servizio sulla Birmania durante la “rivoluzione zafferano”, ripreso dalle principali testate e televisioni italiane. Dopo diversi anni come corrispondente da Dubai (Peacereporter, Linkiesta), fonda Dubaitaly.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in City Guide

RSS Arabian Business –

WAM.AE News

Authors

Trends

Tags

To Top
it_ITIT
en_GBEN it_ITIT