Connettiti con noi

Lifestyle

Dubai-Abu Dhabi: una galleria d’arte per gli automobilisti 

Pubblicato

su

Dubai-Abu Dhabi: la galleria d’arte per gli automobilisti 
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Quanti di noi percorrono ogni giorno l’autostrada che collega Dubai ad Abu Dhabi? Per intrattenere gli automobilisti che si trovano a guidare su questa lunga e monotona strada, hanno fatto la loro comparsa delle grandi riproduzioni delle opere in mostra al Louvre di Abu Dhabi, formato cartelloni pubblicitari.

Ovviamente l’iniziativa entrerà nei record come prima Highway Gallery del mondo, ovvero la prima galleria d’arte autostradale mai esistita. Ma bisogna ammettere che è un’idea intelligente, non solo per pubblicizzare in maniera originale Louvre di Abu Dhabi, ma anche per diffondere la cultura o, meglio, l’abitudine all’arte, che qui ancora non c’è. Un modo, appunto, per non lasciare il piacere dell’arte a pochi, chiusa dentro ad un museo, ma portarla fuori, renderla accessibile tutti.

Sí, perché l’iniziativa non si limita a dare un assaggio delle opere esposte all’interno del Louvre, ma sintonizzandosi su Radio 1 FM (100.5 FM), Classic FM (91.6 FM) o Emarat FM (95.8 FM), ogni volta che un’auto si avvicina ad un cartellone, partono clip audio di 30 secondi che raccontano e spiegano i quadri e le opere che si incontrano strada facendo.

Ogni 10 chilometri, ci si imbatte in un nuovo cartellone: tra gli altri, il leone Mari-Cha, un’antica opera islamica; il sarcofago egizio della principessa Hentuttawy; La Belle Ferronnière di Leonardo da Vinci (prestito del Musée du Louvre e prima opera di da Vinci mai mostrata negli Emirati); un autoritratto di Van Gogh (prestato dal museo d’Orsay) e una composizione con blu, rosso, giallo e nero di Piet Mondrian.

L’iniziativa fa parte delle celebrazioni per lo UAE Innovation Month“Pensavamo di fare, per questo mese di innovazione, qualcosa di pionieristico – ha sottolineato Saif Ghobash, direttore generale del Department of Culture and Tourism di Abu Dhabi (DCT) -. Abbiamo deciso di lanciare la prima galleria d’arte autostradale del mondo. Il concetto è semplice: sei sull’autostrada per circa un’ora e mezza e abbiamo un sacco di arte qui, così ti abbiamo portato l’arte sulla strada. Puoi vedere qualche opera e ascoltarne una spiegazione ben curata. È divertente ed educativo per chi guida e per i bambini, se sono in macchina”.

Gli spot radiofonici sono in arabo e inglese, nella direzione Dubai-Abu Dhabi, per ora in onda solo fino a metà marzo.

Elisabetta Norzi arriva a Dubai nel 2008. Nata e cresciuta a Torino, dopo una laurea in Lettere Moderne si trasferisce a Bologna per un master di specializzazione in giornalismo. Qui conosce la realtà dell'associazionismo emiliano e decide di occuparsi di tematiche sociali. Entra nella redazione dell'agenzia di stampa Redattore Sociale, collabora per il Segretariato Sociale della Rai e per il gruppo Espresso-Repubblica. Giramondo per passione, comincia a scrivere reportage come freelance con un servizio sulla Birmania durante la “rivoluzione zafferano”, ripreso dalle principali testate e televisioni italiane. Dopo diversi anni come corrispondente da Dubai (Peacereporter, Linkiesta), fonda Dubaitaly.

Clicca per commentare

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Health

Italian Healthcare World compie un anno

La prima piattaforma Web di medici e professionisti sanitari italiani all’estero spegne la prima candelina. I risultati raggiunti sono più che soddisfacenti: la WebApp ad oggi ha ottenuto oltre 24.000 impressions con una media di circa 100 utilizzatori al giorno e non solo italiani.

Pubblicato

su

Italian Healthcare compie un anno
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

27/01/2019 – 27/01/2020: Italian Healthcare World (IHW), la prima piattaforma Web di medici e professionisti sanitari italiani all’estero, oggi spegne la prima candelina. E’ nata a Dubai, su iniziativa del dott. Pierdanilo Sanna, come valido strumento in grado di connettere la comunità italiana con i medici e professionisti sanitari all’estero mettendo in evidenza il valore aggiunto e il significativo contributo apportati dalle professionalità italiane del settore sanitario nel mondo.

Ad un anno dal lancio avvenuto il 27 gennaio scorso in occasione dell’evento “When Technology Meets Networking: an interactive showcase of the Excellent Italian Medical Expertise and Research in the UAE” sotto gli auspici delle autorità italiane presenti sul territorio degli UAE, Italian Healthcare World (IHW) fa il primo bilancio. I risultati raggiunti sono più che soddisfacenti: la WebApp ad oggi ha ottenuto oltre 24.000 impressions con una media di circa 100 utilizzatori al giorno e non solo italiani.

Oltre ai medici fanno parte del network anche dentisti, psicologi, fisioterapisti, infermieri, nutrizionisti, osteopati, omeopati, logopedisti e chiropratici.

Ad oggi negli Emirati Arabi Uniti lavorano oltre 100 professionisti sanitari italiani di cui 80 presenti nella WebApp.

Come si evince dal nome, l’obiettivo è quello di coinvolgere il maggior numero di medici e professionisti sanitari italiani che esercitano la professione all’estero. Negli ultimi 3 mesi c’è stata una sensibile espansione del network con adesioni da paesi quali l’Arabia Saudita, l’UK, l’Olanda, il Belgio e la Francia.

La WebApp copre la maggior parte delle specialità: 16 di medicina interna e 14 di chirurgia.

La piattaforma IHW è inoltre corredata del magazine online The Journal of Italian Healthcare World, con articoli di interesse generale sulla salute, informazioni specifiche sulla sanità e sulle attività, i premi e riconoscimenti ottenuti dai professionisti del network IHW nel Paese di riferimento. Ad oggi ha ricevuto oltre 89.000 impressions e 22.000 visitatori da moltissime parti del mondo.

Italian Healthcare World rappresenta una novità nel campo dell’Healthcare italiano all’estero. Proprio in occasione della riunione d’area Consolare, tenutasi ad Abu Dhabi lo scorso 23 gennaio nella suggestiva location del Ferrari World, la piattaforma è stata definita dall’Ambasciatore d’Italia Nicola Lener come esempio di best practice, alla presenza, tra gli altri, del Ministro Luigi Maria Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le politiche migratorie e del precedente Ambasciatore d’Italia negli U.A.E. Liborio Stellino.

Nel corso dell’incontro il Dr Pierdanilo Sanna, ha illustrato le diverse funzioni di IHW, prima fra tutte quella di connettere i professionisti tra loro in un solido network a disposizione dei cittadini residenti all’estero e ai turisti. Sono intervenuti il Dr Sergio Valenti (Urologo presso la Valiant Clinic), la Dr.ssa Patrizia Porcu (Oncologa al Mediclinic City Hospital) e Daniel Rigel (Chiropratico al Chiropractic Neurology Center) e hanno spiegato, in qualità di membri del network, quali sono le altre potenzialità di IHW come il valore del referral tra specialisti in base alla loro competenza, l’importanza dell’accoglienza e la presentazione alla comunità dei nuovi professionisti ed infine la possibilità di dare supporto, insieme all’azione delle Istituzioni, ai pazienti nei casi di emergenza (su IHW TV trovate il video).

Come funziona la webApp di IHW?

La WebApp, pratica ed intuitiva, è in versione italiana e inglese. Dopo il sign up è possibile consultare i profili dei diversi professionisti, prendere un appuntamento in direct call, inviare una mail o individuare su mappa con navigatore integrato le strutture dove lavorano gli specialisti. In alcuni casi, grazie ad una chat end-to-end su Telegram, quando lo specialista si rende disponibile l’utente può interagire, per brevi informazioni, direttamente con il medico.

La WebApp di Italian Healthcare World è raggiungibile gratuitamente da qualunque dispositivo mobile o fisso e con qualunque sistema operativo (potete scaricarla qui). Nella home page è presente un link che riporta ai numeri di emergenza sanitaria delle Istituzioni più vicine e un altro link che consente l’accesso ai contenuti del Journal of IHW.

Continua a leggere

Business

Piccola guida: aziende italiane in volo a Dubai

Come dare avvio al proprio sviluppo commerciale negli Emirati Arabi senza uno sponsor locale? Regole, rischi e cautele spiegate dall’avvocato Davide Parolin

Pubblicato

su

Piccola guida: aziende italiane in volo a Dubai
Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Come dare avvio al proprio sviluppo commerciale negli Emirati Arabi senza uno sponsor locale: panoramica su regole, rischi e cautele.

Quando una ditta italiana rivolge il suo sguardo verso questa area geografica, inevitabilmente sorgono alcune questioni di fondo, riguardanti il modo con cui dare attuazione alla propria “internazionalizzazione”, che sia rispettosa delle normative e regole locali. Si tratta di un quesito tipico, che è corretto porsi ogniqualvolta la propria attività esca dai confini nazionali ed europei.

Non disponendo ancora di una propria organizzazione di vendita, la ditta italiana dovrà decidere come sostenere il proprio sviluppo commerciale nella regione. Nulla le vieta di vendere direttamente i propri prodotti dall’Italia ai propri clienti stabiliti negli Emirati, tramite normali contratti di vendita e fornitura internazionale.

Facile a dirsi, ma spesso rischioso in considerazione del fatto che i prodotti stranieri possono essere importati negli EAU solo da soggetti ivi stabiliti, già muniti di apposite licenze di importazione e capaci di completare le relative pratiche doganali (non alla portata di tutti, quindi). In ogni caso questa soluzione non risponde all’esigenza di dare impulso alle vendite, promuovere i prodotti, e cercare i clienti; svolgere insomma delle chiare iniziative di “business development”. L’alternativa tipica è di affidarsi a delle figure di intermediari (agenti, distributori).

Quindi, per le aziende che desiderano accedere al mercato degli Emirati Arabi Uniti la prima decisione importante è se utilizzare un intermediario (Commercial Agent e/o Distributor) o creare un ufficio (rep. Office, Branch) o costituire una società commerciale locale (UAE Trading company).

Gli accordi di agenzia commerciale e di distribuzione negli Emirati Arabi Uniti sono regolati dalla Legge Federale 18 del 1981, e successive modifiche. L’utilizzo di un agente è per certi aspetti la via più semplice ed economica nel breve termine, in quanto non comporta alcun costo o investimento iniziale (diversamente dal costituire una società ad hoc) e significherà dare inizio alla propria attività in modo pressoché immediato. L’azienda italiana si appoggerà alla società ed alla licenza dell’agente, che proporrà e venderà il prodotto italiano; l’agente addebita in genere una percentuale sulle vendite procacciate, oltre – in vari casi – ad un corrispettivo fisso mensile (operare negli Emirati solo “a risultato”, spesso non è sostenibile, stante gli alti costi di vita e di sviluppo commerciale in genere).

Tuttavia, l’utilizzo di un agente significa anche dover rinunciare al proprio controllo sulle iniziative e relazioni commerciali, poiché attuerà una forte azione di monopolio sul brand e sui prodotti italiani importati negli Emirati Arabi. Come in ogni sistema normativo, anche qui esiste una normativa posta a tutela dell’agente locale, che rende spesso di difficile gestione la fine del rapporto contrattuale, con l’esigenza di dovere adire una corte locale (dove evidentemente la ditta italiana gioca “fuori casa”) che sia chiamata a sancire al fine del rapporto d’agenzia.

Va ricordato che la legge sull’agenzia si applica solo se l’accordo è “registrato” presso il Ministero dell’Economia degli Emirati Arabi Uniti. Gli accordi non registrati non vengono sottoposto alla protezione della legge sull’agenzia. Poi esiste una vasta tipologia di accordi di agenzia pur registrati ma “fittizi”, con l’interposizione di agenti emiratini a supporto di developer stranieri (da cui derivano varie implicazioni e conseguenze).

Affinché un agente possa beneficiare della protezione garantita dalla legge sull’agenzia, devono essere soddisfatti i seguenti criteri:

  • l’agente deve essere un cittadino Emiratino o una società interamente di proprietà di cittadini Emiratini;
  • l’incarico prevede l’esclusiva a favore dell’agente;
    deve riguardare un territorio definito (che può essere anche per solo alcuni gli Emirati;
  • l’accordo di agenzia commerciale deve essere registrato presso il Ministero dell’Economia.

Una volta registrato il contratto di agenzia, da questo scaturiscono importanti effetti ed anche vincoli particolarmente gravosi per la ditta italiana committente:

  • il diritto alla provvigione su tutte le vendite effettuate negli EAU indipendentemente dal fatto che l’agente effettui o contribuisca a tali vendite;
  • il diritto di impedire alla azienda italiana di nominare un nuovo agente;
  • il diritto al risarcimento in caso di revoca dell’incarico;
  • il diritto di impedire l’importazione dei prodotti dell’azienda italiana, svolta da altri soggetti;
  • protezione contro la risoluzione o il mancato rinnovo dell’accordo (anche se l’accordo è a tempo determinato, ed il termine è scaduto).

Quest’ultima circostanza, in particolare, dovrà essere sempre valutata con molta attenzione. La cessazione dell’incarico con l’agente è consentita solo per specifici motivi (peraltro non definiti dalla legge). Ecco quali “ragioni” per chiudere il rapporto si potrebbero contemplare:

  • le inadempienze dell’agente (ad es. il mancato rispetto da parte dell’agente degli obiettivi di vendita o dei minimi di acquisto);
  • qualsiasi violazione della legge dell’agenzia da parte dell’agente;
    l’agente che intraprende attività in concorrenza con i prodotti o servizi della società estera;
  • l’agente che non riesce a tutelare l’immagine della società straniera o agisce in modo tale da danneggiare la reputazione della società straniera o dei suoi prodotti o servizi.

Si capisce quindi come questa soluzione (l’assunzione di un Agente locale), in apparenza la più semplice ed economica, presenti dei risvolti assolutamente critici che non vanno mai trascurati, pena l’impossibilità di svincolarsi poi dalla relazione con l‘agente medesimo, che potrebbe così attuare una condotta tale da impedire ogni altra successiva azione commerciale della ditta Italiana, fino ad impedire l’accesso dei prodotti Italiani all’interno del territorio Emiratino.

Quali tipi di intermediari esistono?

COMMERCIAL AGENT – Agente commerciale
Un contratto di agenzia commerciale negli Emirati Arabi è normalmente un contratto esclusivo tra la parte straniera e un’agenzia commerciale di proprietà di emiratini. L’agente commerciale avrà il controllo della commercializzazione e delle vendite del prodotto o servizio negli Emirati Arabi. Se il partner straniero vuole riprendersi il pieno controllo in futuro, ciò – come appena visto – potrebbe essere relativamente complesso da ottenere, in quanto l’agente commerciale registrato dovrebbe accettare il cambio di scenario propostogli.

DISTRIBUTION AGENT – Agente di distribuzione
Un contratto con un agente di distribuzione è un contratto non necessariamente esclusivo con un partner locale emiratino, il quale assume il diritto di commercializzare e rivendere i prodotti e i servizi della società italiana. La Parte straniera può entrare in relazione con più agenti di distribuzione. Se l’accordo non è ben redatto, il distributore potrebbe sostenere che la sostanza dell’accordo stipulato sia qualificabile come un’agenzia commerciale, con le problematiche sopra evidenziate. Si noti peraltro che alcuni prodotti richiedono comunque l’intermediazione di un agente commerciale registrato per vendere questo tipo di prodotti negli Emirati Arabi (ad esempio i farmaci).

NATIONAL SERVICE AGENT/LOCAL SERVICE AGENT – Agente locale
Se ad esempio l’azienda italiana costituisce una propria filiale estera, un ufficio di rappresentanza o simili entità (Foreign Branch, Sole Establishment, Rep. Office), questa dovrà essere “sponsorizzata” da un partner locale emiratino (o società emiratina) che diventerà il suo agente di servizio nazionale. La cosa interessante è che la ditta italiana potrà comunque detenere al 100% la proprietà sull’entità locale costituita negli Emirati; ma in questo caso dovrà fruire comunque del supporto sotto forma di “local agent”. L’ agente di servizio locale (da notare è che un agente di servizio locale – LSA – e un agente di servizio nazionale – NSA – sono la stessa cosa) non assume alcuna responsabilità né alcun impegno finanziario nei confronti della società italiana. La sua responsabilità è garantire che la filiale possa svolgere la propria attività a Dubai, e non avrà quindi alcun interesse legale nell’amministrazione (governance) nella proprietà società, negli utili (profits) o nei beni (assets) della sede locale della ditta Italiana. L’agente locale svolge un ruolo di firmatario per l’adempimento dei vari oneri imposti dalla normativa, prestando in merito un evidente supporto innanzi all’autorità locale. Ad esempio potrà curare gli aspetti autorizzativi e di certificazione dei prodotti.

Queste in sintesi sono le regole applicabili laddove la ditta italiana operi normalmente nel territorio emiratino (cosidetto “Mainland”), senza la necessità di dover condividere alcuna proprietà delle proprie entità con sponsor o partner locali. Altre e ben diverse le regole applicabili all’interno delle tante e ben organizzate zone franche (“Free Trade Zone”), che magari analizzeremo in seguito.

Continua a leggere

Business

Dubai Smart City: una App per i cittadini

“Una app per domarli, una app per trovarli, una app per ghermirli e nel telefono incatenarli”. Si sta ovviamente parlando degli accessi ai servizi e di come Dubai si prepari al nuovo decennio.

Pubblicato

su

Dubai Smart City: una App per i cittadini
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Al-Gollum stringe il cellulare con foga, gli occhi neri assetati di controllo, facendo trasparire la smania di possesso. “Il mio tesssssoro…“. Borbottando tra sé e il suo alter ego, Sir Smeagol, un gutturale mantra risuona nella pianura della Contea di Dubai. “Una App per domarli, una App per trovarli, una App per ghermirli e nel telefono incatenarli”. Si sta ovviamente parlando degli accessi ai servizi.

Non possiamo dargli torto: spesso e volentieri è una gran rottura di scatole doversi interfacciare con così tante App e soprattutto ricordarsi tutti i dannati login. Senza contare poi le varie claustrofobiche richieste di dati che ogni dipartimento sembra inventarsi assieme ad un selettivo gruppo di Elfi. Ebbene, finalmente sembra che ci sia qualcosa di veramente Smart, fatto su misura per noi Hobbit delle sabbie, che promette di semplificare la vita di tutti i giorni.

Gli Emirati sono tra i primi Paesi ad avere instaurato una struttura dedicata al servizio di Smart Government. Dubai si è focalizzata costantemente sulla digitalizzazione sin dal 2015, chiudendo gap tecnologici e semplificando la burocrazia, controllandone i movimenti. Per dare una visione generale è stato creato il sito dedicato, smartgoverment.ae, mentre è già una realtà diffusa l’App Dubai Now.

Smart City

La strada verso una vera Smart City vede l’implementazione di diverse strategie che unisco l’ottimizzazione dei processi, tramite l’uso di tecnologie. La trasformazione parte dallo studio del traffico e della viabilità, che è a tutti gli effetti (abbastanza stranamente, direi) il principale ago della bilancia per determinare il livello di intelligenza della città. Detta così, sembrerebbe che l’attenzione ai mezzi pubblici passi in secondo piano, mentre invece è proprio l’opposto. Le Smart City si basano, tra le altre cose, su una rete di sensori costantemente connessi, chiamata Internet Of Things (IoT, l’internet delle cose).

L’IoT è importante perché permette l’ottimizzazione di tutto, dalla circolazione di cose e persone alla distribuzione e all’accesso alle risorse. Questo impatta successivamente in diversi ambiti, soprattuto burocratici e servizi indiretti. Alcuni esempi sono l’eliminazione della carta, l’accesso continuo ai servizi pubblici, portali per impiego o pagamento garantiti, e non ultimo anche i trasporti e le attività connesse. Una volta messa in piedi la struttura, la città ha bisogno di automatizzare la raccolta di informazioni e richieste, e per farlo è certamente più veloce passare sulle proprietà pubbliche che non su quelle private.

Il risultato dopo quattro anni di sforzi si vede, oltre che nello snellimento dei servizi ai residenti e alle aziende, anche da altri fattori che rendono Dubai ogni giorno più vicina alla totale automazione. Government of happiness, registrazione online per fornitori di servizi, pagamento delle bollette, rinnovo assicurazione per la macchina e tanto altro, tutto online.

Che cos’è Dubai Now

Dubai Now è l’App sviluppata dal Governo locale per racchiudere tutti i servizi necessari a vivere e svolgere qualsiasi tipo di attività a Dubai. Al momento è possibile accedere a ben 50 servizi governativi. L’App è disponibile sugli store e si può accedere alla piattaforma anche da computer, tramite il sito ufficiale.

A parte l’ovvia comodità di avere a portata di mano qualsiasi servizio si stia cercando in maniera più semplice e diretta, l’App mostra anche gli sforzi del Governo di centralizzare le attività dei ben 22 dipartimenti emiratini, in ottemperanza alla visione di Sheikh Mohammed per Dubai 2021. Oltre alle bollette e alle multe, potrete accedere anche a servizi per la vostra NOL card, Dubai Police, sfogliare la lista dei medici e delle cliniche, raccogliere informazioni su come registrare un’azienda e molto altro.

Sicuramente questo fa parte di un piano più ampio, che la città ha messo in atto per gestire meglio le aspettative di una crescita e che sembra otterrà un’ulteriore spinta a partire da Expo 2020 e anche in vista delle trasformazioni che stanno avvenendo nella regione. Il Medio Oriente, capitanato dal colosso finanziario dell’Arabia Saudita, si sta aprendo sempre più ai mercati Occidentali e gli Emirati, ancora una volta, sono in corsa per record e adozione di tecnologie come mai prima d’ora.

Continua a leggere

WAM.AE News

Trending

Copyright © 2014-2020 Dubaitaly

it_ITIT
en_GBEN it_ITIT