Connect with us

Emirati: economia più competitiva tra i Paesi arabi

Emirati: economia più competitiva tra i Paesi arabi

Dubaistart

Emirati: economia più competitiva tra i Paesi arabi

Anche quest’anno, per il quarto consecutivo, gli Emirati Arabi Uniti sono al primo posto, quanto a competitività economica, tra i Paesi Arabi e del Nord Africa. Guadagnando, rispetto al 2018, due posizioni. A dirlo è il Global Competitiveness Report 2019, pubblicato ogni anno dal World Economic Forum.

Complessivamente, ovvero sui 141 Paesi presi in esame, gli Emirati Arabi si trovano al 25esimo posto, migliorando il loro punteggio in particolare su alcuni indicatori (in totale sono 12), come la stabilità macroeconomica, le infrastrutture, la tecnologia, il dinamismo aziendale. Come si legge nel rapporto, il World Economic Forum riconosce agli Emirati la capacità di rispondere velocemente alle trasformazioni globali e di saper adottare le tecnologie più avanzate in diversi campi.

Quale è il Pese più competitivo di tutto il mondo? Singapore, che ha superato gli Stati Uniti. Terzo Hong Kong, poi Paesi Bassi, Svizzera, Giappone, Germania, Svezia, Inghilterra, Danimarca (l’Italia è trentesima).

Tornando al modo arabo, l’Arabia Saudita, che è la più grande economia della regione, si è classificata al 36esimo posto, mentre il Bahrein, al contrario la più piccola economia della zona, è 45esima, seguita dal Kuwait. Al 29esimo posto troviamo il Qatar, l’Oman è sceso di sei tacche alla 53esima posizione, mentre la Giordania è salita di tre livelli al 70esimo posto. Il Marocco e la Tunisia sono rimasti alla stessa posizione, rispettivamente al 75esimo e all’87esimo posto, mentre il Libano è sceso di otto livelli, all’88esimo.

Gli Emirati Arabi, come ha sottolineato Mohammad bin Abdullah Al Gergawi, Ministro degli affari del governo, sono impegnati in un percorso legislativo per modernizzare e razionalizzare le procedure e la burocrazie nel Paese. Come abbiamo visto, in questi ultimi mesi, sono state parecchie le riforme, in particolare per agevolare gli investimenti stranieri: dalle nuove norme che, in alcuni settori, consentono il 100% della proprietà alle aziende straniere, fino alle nuove leggi per i visti di residenza anche a lungo termine e alle Virtual Commercial License, che non richiedono la residenza nel Paese per aprire un società e operare.

Come sottolinea il Rapporto del World Economic Forum, a dieci anni dalla crisi finanziaria globale, l’economia mondiale rimane però rallentata, in un ciclo di crescita della produttività bassa, nonostante l’iniezione di oltre 10 trilioni di dollari da parte delle banche centrali. Nonostante queste misure senza precedenti, prosegue il Rapporto, abbiano scongiurato una recessione più profonda, non sono sufficienti da sole. Secondo il World Economic Forum, poiché le politiche monetarie iniziano a esaurirsi, è fondamentale per le economie promuovere ora la ricerca e lo sviluppo, migliorare la base di competenze della forza lavoro attuale e futura, sviluppare nuove infrastrutture e utilizzare in ogni settore le nuove tecnologie.

Per approfondire: The Global Competitiveness Report 2019

 

L’esperienza maturata in anni di collaborazione con società multinazionali e un team di professionisti affermati nel campo della consulenza aziendale, ha creato Dubai Start. Siamo il punto di riferimento per chi vuole esplorare, conoscere e iniziare business in una delle più importanti capitali della finanza mondiale. La nostra offerta è strutturata in pacchetti con servizi trasparenti e prezzi competitivi, per le esigenze di ogni genere di business e attività.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

More in Dubaistart

RSS Arabian Business –

WAM.AE News

Authors

Trends

Tags

To Top
it_ITIT
en_GBEN it_ITIT