Connect with us

Arts & Culture

Women Heritage Walk 2020: cinque donne italiane nel deserto

Per la prima volta hanno partecipato cinque Sand Sisters di nazionalità italiana, riunite nel deserto degli Emirati Arabi da tutto il mondo.

Published

on

Women Heritage Walk 2020: cinque donne italiane nel deserto
Tempo di lettura stimato: 6 minuti

* di Adriana Ranalli e Giacinta Acerbi

Si è da poco conclusa la Women Heritage Walk, quest’anno alla sua sesta edizione. Cinque giorni di cammino nel deserto alla scoperta delle più profonde tradizioni emiratine, insieme a donne da tutto il mondo. L’iniziativa è nata nel 2015, grazie a Jody Ballard, americana, e Asma Sedeeq Al Mutawa, emiratina. Ringraziamo Adriana Ranalli e Giacinta Acerbi per avere condiviso con noi la loro esperienza e per avere scritto questo articolo.

Un viaggio sulle orme degli antenati degli Emirati Arabi
La Women Heritage Walk è un trekking culturale annuale di cinque giorni, da Abu Dhabi ad Al Ain, negli Emirati Arabi Uniti. La camminata, di 125 km, ricrea il viaggio stagionale fatto dagli antenati: dalla costa all’oasi nell’entroterra, dove le famiglie si univano tradizionalmente alla raccolta dei datteri e godevano del clima più fresco di Al Ain, durante i mesi più caldi dell’anno. Istituita nel 2015, la Women’s Heritage Walk è un’esperienza di vita che accompagna le partecipanti in un viaggio attraverso la storia, le collega al patrimonio e alla cultura degli Emirati Arabi e le aiuta a stringere legami più profondi con sé stesse e con gli altri, attraverso lo sviluppo fisico, mentale ed emotivo.

Per la prima volta un gruppo italiano
Per la prima volta quest’anno, la Women Heritage Walk ha visto il coinvolgimento di cinque Sand Sisters di nazionalità italiana. Vivono all’estero e hanno scelto di ritrovarsi negli Emirati Arabi per condividere una once in a lifetime experience. Adriana arriva da Baku (Azerbaijan), ma ha vissuto per alcuni anni a Dubai come Giacinta, ora rientrata a Milano. Cristiana ha raggiunto il gruppo da Dallas (Texas) mentre Milena da Phuket (Tailandia). Unica presenza ancora “locale” è Marta, che vive con la famiglia a Dubai. Ancora una volta gli Emirati Arabi si confermano un hub internazionale in cui è naturale darsi appuntamento per vivere esperienze uniche in contesti multiculturali, sempre pronti all’accoglienza.

L’esperienza di Adriana e Giacinta
Abbiamo partecipato alla recente edizione di Women Heritage Walk 2020 perché abbiamo amato il deserto sin dal primo camping fatto con famiglia e amici, anni fa. Poter ripetere l’esperienza prolungata per cinque giorni, con una forte componente culturale, ci è sembrata un’occasione da non perdere. Con altre tre italiane abbiamo arricchito il team delle sessanta Sand Sisters, di varie nazionalità: da emiratine, a siriane, palestinesi, libanesi, svedesi, australiane, canadesi, svizzere, francesi, belghe e molte altre ancora. 125 km in cinque giorni per raggiungere le oasi di Al Ain, partendo da Abu Dhabi. Circa 25/30 km giornalieri di cammino tra le dune, percorrendo una traccia segnata dalle bandiere degli Emirati Arabi per conquistare, prima del tramonto, il campo preparato per la notte. La sfida è stata fisica e mentale, in una cornice magica di solidarietà femminile e di rievocazione delle tradizioni nomadi emiratine. Dal rituale del tè alla preparazione del caffè, all’ascolto delle testimonianze di meravigliose donne che oggi arricchiscono il panorama culturale e lavorativo degli Emirati Arabi. Poi l’osservazione delle stelle, guidata dagli astronomi del centro astronomico di Al Ain, e ancora la sensibilizzazione per il recupero e il salvataggio dei cani Saluki, razza autoctona del deserto. Ai tanti cammelli e gazzelle che incontravamo nel nostro cammino. La componente culturale ha giocato un ruolo molto forte a nostro parere, perché oltre a distrarci dalla fatica, ci ha permesso di conoscere e approfondire aspetti legati alla vita del deserto che per tanti turisti o residenti nei Paesi del Golfo sono poco conosciuti. E poi lo spirito di squadra, la voglia di raggiungere la meta insieme alle tue Sand Sisters, o anche la discussione preliminare su quale strategia adoperare per affrontare meglio questa o quella duna, per alleggerire il cammino o semplicemente per alleviare il dolore ai piedi. Momenti di goliardia misti a tanta tenacia. La condivisione dei gesti quotidiani con donne di molteplici culture e religioni ha rappresentato per noi un altissimo valore aggiunto di questa marcia. La consigliamo vivamente a chi avesse la possibilità di staccare la spina per qualche giorno e volesse entrare in simbiosi con il deserto, tanto inospitale all’apparenza, ma così ricco di storie e di vita.

La parola alle fondatrici della Women Heritage Walk
“Sono arrivata ad Abu Dhabi nel 2010 – ci ha spiegato Jody Ballard – e mi sono resa conto che sapevo molto poco di questa regione, della sua cultura e del suo patrimonio. Ho iniziato a leggere tutto ciò che ho potuto sulla storia e ho scoperto questo ‘spostamento’ stagionale ad Al Ain, che veniva fatto dalla popolazione locale durante il periodo più caldo dell’anno. L’ho trovato intrigante. Poi, nell’ottobre 2011, ho letto un articolo sulla prima pagina del The National che parlava di un avventuriero, Adrian Hayes, il quale aveva appena seguito le orme di Wilfred Thesiger. Ho studiato questo articolo e ho pensato: dov’erano le donne? Come era per loro percorrere questa distanza in stato di gravidanza o con bambini e anziani? Io mi occupo di programmi per il benessere delle donne sin dai primi anni Novanta e sapevo che sperimentare la difficoltà di camminare nel deserto avrebbe giovato le donne, permettendo di conoscere molte usanze e abitudini beduine e di creare un legame, una piccola comunità femminile. I primi anni siamo state io e Brenda O’Regan a imparare questa lezione di perseveranza. Ci siamo poi avvicinate alla Salama Bint Hamdan Al Nahyan Foundation, alla DCA e siamo state premiate con il loro sostegno, che continua ancora oggi”.

Asma Sedeeq Al Mutawa ci tiene a ricordare, prima di tutto, le parole dello Sceicco Zayed Bin Sultan Al Nahyan, fondatore degli Emirati Arabi Uniti: “Chi non conosce il proprio passato – diceva lo Sceicco – non può trarre il meglio dal presente e dal futuro, perché è dal passato che impariamo”.

“Io credo che vivere la propria verità significhi viverla in ogni luce​​ – ci spiega invece Asma Sedeeq Al Mutawa -. Leggere della propria storia o sentirne parlare è molto diverso dallo sperimentarla fisicamente sulle stesse orme di coloro che erano qui prima di noi. Coloro che ci hanno dato gli strumenti per arrivare dove siamo oggi. Camminare nei deserti degli Emirati Arabi, da Abu Dhabi ad Al Ain, mi ha insegnato la pazienza con me stessa e con le mie sorelle di cammino, al mio fianco, la perseveranza mentale e fisica, un profondo apprezzamento e gratitudine per la mia cultura e la mia identità che si basano sull’ospitalità e che permettono a tutti di sentirsi i benvenuti, come in una famiglia. Quando si percorre una stessa strada con un obiettivo collettivo, lo si fa armoniosamente, proteggendosi e aiutandosi a vicenda, liberandosi dei propri averi, perché tutto appartiene a tutti. Alla fine, si raggiunge la meta con un solo cuore e le mani unite. Che risultato, la Women Heritage Walk è più che una camminata, è il senso più profondo della vera appartenenza”.


Click to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Arts & Culture

Come sopravvivere alla pandemia guardando le serie sud-coreane

Ne emerge una società complessa e sfaccettata, che per certi versi trova riscontro in quel poco che ho potuto capire frequentando qualche esponente della comunità sud coreana qui a Dubai.

Published

on

Come sopravvivere alla pandemia guardando le serie sud-coreane
Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Leggere World War Z (il libro di Max Brooks) non è stata la migliore delle pensate per rilassarmi e addormentarmi serenamente durante questi mesi di allarme pandemia. Dopo il primo mese di angoscia e insonnia però, ho creduto di aver trovato la soluzione: ammazzarmi di serie sud-coreane su Netflix, che le distribuisce sul territorio emiratino con successo crescente anche fra la popolazione non coreana. Alla fine di un episodio in lingua originale e sottotitoli in inglese lo stordimento sarà assicurato e dormirò, pensavo.

Eh, mica tanto.

È vero che la lingua alle nostre orecchie sembra quasi una cantilena, ma a ben ascoltare è molto modulata e l’intonazione della voce fa molto nel convogliare questo o quel messaggio. Inoltre, il contrasto fra sottotitolo inglese a volte brevissimo, monosillabico, e attore che va avanti a lungo a dire qualcosa non invita al sonno. Almeno, non me, che su dettagli di questo tipo mi fisso fino alla decodifica (ancora non avvenuta, in questo caso).

Le storie, quasi sempre suddivise in 16 episodi di 70 minuti l’uno, sono variegate e raccontate con una serie di flashback, flashforward, te lo rifaccio se vuoi, adesso ti ripeto la scena di tre puntate fa da una prospettiva diversa magari pure al rallentatore che non si sa mai: il che a volte è divertente e a volte annoia, ma non si può scorrere veloce in avanti perché a ogni ripetizione viene fornito un dettaglio chiave e quello no, non verrà mai più ripetuto.

Si va dall’avventura al fantasy, dal futuristico allo storico, dalla ricostruzione d’epoca alla storia d’amore più impossibile e contrastata. Anzi, l’aspetto della coppia di innamorati che prima si odiano e poi si amano in un gioco di tensione crescente contro il destino cinico e baro è ricorrente. Sono storie sentimentali sempre molto lente nella costruzione, raccontate con delicati dettagli adolescenziali per certi versi (credo sia per questo che riscuotono tanto successo e sono tanto apprezzate dalla popolazione locale qui).

Sembra che non succeda mai nulla tranne una sequenza di primi piani sugli occhi e di fermi-immagine con effetto seppia anticato dei due protagonisti, immancabilmente in piedi ritti come fusi l’uno di fronte all’altra in silenzio con sottofondo di musica romanticissima. Il tanto atteso bacio, quando arriva, è a fior di labbra, salvo a volte continuare nella puntata successiva con qualcosa di un po’ più accalorato (poco), reso sempre, e giuro sempre, dal primo piano sulla mano di lui che arriccia la stoffa sulla schiena del vestito griffatissimo e inamidatissimo di lei.

Il “taffettà, amore, taffettà” di Frankenstein Junior qui raggiunge nuove vette. In effetti il look degli attori è sempre molto curato e azzimato, da rivista di moda, e le attrici e gli attori stessi sembrano bambole levigate e perfette nei lineamenti, soprattutto quelli di nuova generazione. Eppure riescono a convogliare sentimenti ed emozioni molto profondi, con scene e picchi di bravura tanto più sorprendenti quanto infantile e fastidiosa può essere in altri momenti la recitazione quasi macchiettistica, soprattutto nei battibecchi e nelle schermaglie e dispettucci che vorrebbero essere comici ma che a me non fanno ridere. Però, inutile negarlo, mi immedesimo e alla fine piango sempre tanto (in genere a partire dalla dodicesima puntata fino alla fine).

Sorprendente è anche l’introduzione di episodi più crudi emotivamente, senza sconti nel raccontare situazioni difficili o dolorose soprattutto riguardo i bambini, e, almeno per me, sorprendente pure la bellezza decisa della natura e di alcune delle città rappresentate.

Ne emerge una società complessa e sfaccettata, che per certi versi trova riscontro in quel poco che ho potuto capire frequentando occasionalmente qualche esponente della comunità sud coreana qui a Dubai… poco, perché la barriera della lingua e in particolare della comprensione reciproca delle rispettive pronunce purtroppo c’è: è una società ambiziosa, molto orientata al successo e al riconoscimento personale tramite affermazione professionale ed economica (la figura del Manager è l’equivalente del Principe Azzurro, non parliamo del mito del CEO) e status symbol particolari, che vanno dal macchinone alla bigiotteria di Swarovski, apprezzatissima, seppure con improvvise contraddizioni legate alla consapevolezza degli affetti veri, al rispetto di determinate tradizioni, al legame con la famiglia, all’importanza dello studio e della cultura.

A tal proposito, mi è tornato in mente un episodio di vita vissuta. È una divagazione che merita di essere raccontata in questo contesto: mi trovavo un giorno per una serie di motivi seduta a un tavolo a far conversazione con un gruppo di tre donne di Seoul, qui a Dubai; stavo per allontanarmi con una scusa, infastidita dai luoghi comuni e dall’ossessione per l’apparire che mi sembrava di percepire in loro e che fra me e me avevo bollato come provinciale, quando una, incoraggiata dalle altre che sapevano che sono italiana, mi ha detto tutta timida che il suo sogno era visitare una città della quale ho capito solo l’iniziale, F, perché vi si svolgeva il suo libro preferito, scritto da un autore del quale ho capito solo il nome proprio un po’ deformato dalla pronuncia, Giorgio.

Insomma, com’è come non è, queste tre giovani signore, perfettamente truccate, pettinate e vestite alle 10 di mattina come per una serata a teatro, hanno tirato fuori carta e penna, hanno disegnato degli occhiali, accanto ci hanno messo una catenina dorata di una di loro… e io ho capito che si parlava de “Gli occhiali d’oro”, di Bassani. Giorgio Bassani, e Ferrara la città dei sogni da visitare, appunto.

Mi sono sentita di uno stupido e di un superficiale per essere stata sull’orlo dell’etichetta facile basata sul pregiudizio, che non so descrivere. Superato il momento, ci siamo messe a chiacchierare, continuando a non capire una parola che è una di quello che ci dicevamo, ma in uno stato di condivisione emozionale molto più efficace dello stentato formalismo di poco prima.

Ecco, le serie sono così. Bisogna arrivare fino alla fine senza giudicare in fretta, per capirle. Anche il mangiare vi è ben rappresentato, e anche su questo si possono ricavare, a fare attenzione, dettagli che corrispondono alla realtà sia come abitudini alimentari che come socialità. Non ho notato particolari aspetti discriminatori nei confronti delle donne, anzi, le protagoniste sono spesso eroine forti e indipendenti o che comunque crescono nel corso della storia. Le scene d’azione possono essere spettacolari, le trame complessissime con tantissimi colpi di scena e non si dipanano completamente se non fino all’ultimo episodio a meno di “cliffhanger” in vista della stagione successiva (e a questo punto, peggio per chi ha fatto lo scorrimento veloce durante uno dei tanti flashback e flashforward precedenti).

Insomma, non so se si è capito, ma l’effetto soporifero nel quale speravo non è arrivato.

Le mie preferite? Senza fare spoiler, sinora sono “Vagabond”: azione, spionaggio, complotti, veramente bella. Poi “Memories of the Alahamra”, anche se a tratti lenta e confusa nella narrazione, ma con effetti speciali e trama molto originali (guardando la storia del videogioco basato su intelligenza artificale che inizia a interferire con la vita umana, non facevo che pensare: chissà se ne faranno un remake hollywoodiano) e attore protagonista di bell’aspetto. È lo stesso protagonista della famosissima, anche in Italia, “Crash Landing on You”, che ho trovato meno superficiale di quanto mi aspettassi, con la contrapposizione fra le due Coree rappresentata in chiave spesso affettuosamente ironica ma non frettolosa (ho pianto tanto pure qui, soprattutto per la storia fra due personaggi secondari). Pare tuttavia che, secondo gli standard della Corea del Nord, il fascino sottolineato nella trama dell’attore protagonista non sarebbe credibile: lì in realtà piacciono uomini decisamente più corpulenti rispetto a quelli che piacciono in Corea del Sud, mi dicono. Sto seguendo con interesse anche “The Last Empress” e, sebbene smaccatamente più telenovela (gotica ma pur sempre telenovela), “Hotel del Luna”

E vi dirò, a parte le attuali difficoltà a muoverci da e per gli Emirati, mi piacerebbe prima o poi riuscire a fare una vacanza in Corea del Sud, a questo punto.

Nel frattempo, continuo a guardare le serie TV e a fare le ore piccole invece di dormire.

Continue Reading

Cinema

Passione Cinema: grandi registi per grandi guerre

Due pellicole uscite negli ultimi anni che hanno sicuramente lasciato il segno per la qualità artistica: Dunkirk di Christopher Nolan e 1917 di Sam Mendes.

Published

on

Passione Cinema: grandi registi per grandi guerre
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Il tema della guerra nel cinema americano ha sempre suscitato grande interesse, vuoi per la loro sindrome da salvatori dell’umanità, o forse perché il tema stesso aiuta a creare storie di coraggio ed eroismo che sono fra le spezie essenziali del cinema. Fatto sta che ancora oggi la fabbrica dei sogni ci racconta storie appassionanti di cosa à stato vivere e purtroppo morire durante le due guerre mondiali.

Vi parlo oggi di due pellicole uscite negli ultimi anni che hanno sicuramente lasciato il segno per la qualità artistica che sono riuscite ad esprimere. Del resto, entrambe sono dirette da due grandissimi registi che negli anni hanno dimostrato capacità decisamente sopra la media. Sto parlando di Dunkirk (2017), di Christopher Nolan ambientato durante la Seconda guerra mondiale e 1917 (2019), di Sam Mendes.

Entrambi i film riprendono episodi realmente accaduti. Dunkirk è la storia di un gruppo di soldati che cerca di sopravvivere mentre si trovano accerchiati dall’esercito tedesco. Sono le truppe inglesi in ritirata a Dunkerque (nome francese), paesino nel Nord della Francia che si affaccia sul mare. La potenza della macchina bellica nazista è soverchiante e se l’Inghilterra non riuscirà a mandare velocemente delle navi a recuperarli, sarà un bagno di sangue senza precedenti e una tale perdita di vite umane per l’esercito di Sua Maestà la regina, che il Regno Unito dovrà prendere in considerazione l’idea di arrendersi.

Film maestoso, da godere in 4k, Nolan è maestro nel girare scene magnificenti, basti ricordare che stiamo parlando del regista di Inception e della trilogia di Batman con Christian Bale. Per godere veramente a pieno del film e della sua collocazione storica vi consiglio vivissimamente di guardare prima The Darkest Hour. Pellicola bellissima, che parla di come Churchill si sia trovato a guidare un’Inghilterra spiazzata di fronte al disastro che stava avvenendo in Germania. Nel film si vede anche tutta la storia dell’operazione Dunkirk, ma dal punto di vista di Londra, della politica e di tutti i retroscena. Film strepitoso che ha vinto tantissimi premi fra cui spicca l’Oscar per il miglior attore a Gary Oldman nei panni di Churchill.

Andando invece indietro nel tempo storico, ma avanti nel tempo cinematografico, 1917, distribuito nelle sale nel 2019, diretto da Sam Mendes, ci porta ai tempi della Prima guerra mondiale. Il regista è un altro peso massimo del panorama cinematografico americano, stiamo parlando del maestro che ha realizzato American Beauty, con l’indimenticabile Kevin Spacey che fantastica su Mena Suvari in un vasca ricoperta di petali di rose, e il grandioso 007 Skyfall, film che oltre alla trama ricca e perfettamente orchestrata, è già di per sé una gioia per gli occhi, viste le scenografie mozzafiato.

In 1917 la potenza delle immagini la fa ancora da padrone, coadiuvata da uno stile registico all’avanguardia e stiloso, come solo un vero autore può fare. Tutto il film sembra un intero piano sequenza con la telecamera che praticamente non stacca mai il suo occhio dai due giovani protagonisti. I tagli fra una scena e l’altra sono quasi invisibili e questo crea un senso della realtà e un ritmo mozzafiato. La trama, tratta da una storia vera, racconta di due adolescenti che devono portare un messaggio a una compagnia che si trova oltre le linee nemiche, per avvertirli di non avanzare perché stanno per cadere in una trappola e verranno tutti sterminati. Riusciranno nell’impresa? A voi scoprirlo.

Continue Reading

Arts & Culture

Passione Cinema: l’horror è un sottogenere?

Quanti di voi non leggono neanche la trama di un film se sanno che è un horror? Eppure, malgrado questo stereotipo che vale tanto da noi quanto negli altri Paesi, questo genere riesce ancora a partorire film di qualità.

Published

on

Passione Cinema: l'horror è un sottogenere?
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Come accade per altre forme d’arte, il cinema viene, per comodità di fruizione e catalogazione, diviso in generi. Dai western ai noir, dai drammi alla fantascienza. Tutti dignitosi, perché in fin dei conti quello che fa la differenza è sempre la qualità della regia, degli attori, della sceneggiatura più che il contesto.

Uno solo di questi generi, però, gode da sempre di un trattamento speciale: l’horror, considerato da molti un genere di serie B, da ragazzini, da evitare direttamente. Quanti di voi non leggono neanche la trama di un film se sanno che è un film “di paura”? Eppure, malgrado questo stereotipo che vale tanto da noi quanto negli altri Paesi, il genere horror riesce ancora a partorire film di qualità, film che molte volte hanno molto retropensiero e ben poco sangue.

Vi vado pertanto, se avete voglia di una nottata in compagnia di film non scontati, ma di sicuro elettrizzanti, ad elencare qualche ottima pellicola uscita negli ultimi anni che vi farà, nel caso foste fra gli scettici, rivedere i vostri pregiudizi sul genere.

Partiamo dal più recente, un’operazione nostalgia decisamente riuscita, Dr. Sleep (2019). Preso dall’omonimo libro di Steven King, trattasi nientepopodimeno che del sequel di Shining. Ebbene si lor signori, il bambino di Shining, Danny Torrance, è diventato adulto e deve ancora lottare coi ricordi terribili della sua infanzia oltre che con nuovi e agguerritissmi nemici.

Non stiamo parlando di un capolavoro assoluto che entrerà nei libri di storia del cinema come il suo precedessore, l’inarrivabile Shining di Stanley Kubrik, ma siamo comunque davanti ad un ottimo prodotto, ben girato, ben curato in ogni dettaglio e che vi metterà subito nel giusto stato mentale fin dal primo minuto, quando già dalle prime inquadrature sentirete suonare le stesse musiche che hanno fatto da colonna sonora al primo film.

Il mio secondo consiglio è l’ottimo Get Out, di Jordan Peel. Uscito nel 2017 ha conquistato pubblico e critica con un film a basso budget ma tante idee, giusto ritmo e recitazione di attori poco conosciuti ma assolutamente efficaci. Una storia che può sembrare quasi comica all’inizio: una coppia interraziale, lui afroamericano e lei caucasica, si sta preparando per passare il fine settimana dai genitori di lei. Che neanche a dirlo sono ricchissimi e vivono in quella provincia del Sud americano dove ancora si sente forte il fetore del razzismo.

Quando stanno per partire, a lei sfugge la confessione di non aver neanche pensato di informare i genitori del colore della pelle del ragazzo perché tanto in casa sono tutti progressisti e grandi stimatori di Obama. Sarà proprio così? A voi scoprirlo.

Terzo e ultimo consiglio sempre dello stesso regista: due anni dopo, nel 2019, esce US. Jordan Peele nuovamente si dedica all’horror, ma sempre col piglio della critica sociale. Una famiglia benestante afroamericana si ritrova barricata in casa mentre delle persone fuori stanno cercando di entrare per far loro del male. D’un tratto scopriranno che queste persone sono identiche a loro, cosa vuol dire? Cosa vogliono veramente? Altro film di grandissimo successo, ad un budget di 20 milioni di dollari, che in America è medio basso, e che ha fatto un incasso di 255 milioni.

Buona visione a tutti!

Continue Reading

WAM.AE News

Trending

Copyright © 2014-2020 Dubaitaly

Vai alla barra degli strumenti