50 nuovi progetti per i prossimi 50 anni: ecco come gli Emirati affronteranno il futuro

da Set 9, 2021Business, Highlights, News

TRENDING

NYU Abu Dhabi: “l’università del futuro” festeggia un decennio di eccellenza

Se si tratta di eccellenze nel mondo Arabo non si può non parlare di NYU Abu Dhabi (NYUAD). Nel giro di 10 anni, questa università fondata con il benestare di sua altezza reale Khalifa Al Nahyan, è riuscita a diventare una delle più prestigiose e selettive al mondo....

Traduttore freelance o agenzia di traduzioni… quale è la scelta migliore per la tua attività?

Quante volte ci siamo ritrovati ad aver necessità di tradurre documenti ufficiali? Documenti di viaggio, di residenza o transazioni, il processo di traduzione ci impone di ricercare la figura più adatta alle nostre esigenze: un abile traduttore freelance che ci...

La capitale della Blue economy è italiana e vola a Dubai: la Liguria ad Expo 2020

Blu economy, nautica e tutto ciò che ruota attorno al sistema mare caratterizzerà la partecipazione della Liguria ad Expo 2020. La Regione conclude la sessantunesima edizione del Salone Nautico che consacra Genova Hub della nautica e vola a Dubai per condividere con...

Planet Farms, le insalatine da vertical farm alla conquista degli italiani

Insalatine ed erbe aromatiche che crescono in un ambiente incontaminato senza mai vedere la luce del sole? Succede a Cavenago, alle porte di Milano, nella vertical farm ad elevato tasso tecnologico di Planet Farms, start-up milanese fondata da Luca Travaglini e...

Expo Dubai, chiusa la missione di Regione Lazio e Lazio Innova: inaugurato il “Lazio Region Business Hub”

L’hub, realizzato dalla Camera di commercio italiana negli EAU su mandato della Regione Lazio, sarà uno strumento di supporto per il business delle imprese del Lazio che vorranno cogliere le opportunità offerte dall’Esposizione emiratina, soprattutto durante gli...

Inaugurato il Lazio Region Business Hub per l’internazionalizzazione delle imprese laziali

L’Hub, realizzato dalla Camera di Commercio su mandato della Regione Lazio, sarà uno strumento di supporto per il business delle imprese del Lazio che vorranno cogliere le opportunità offerte dall’Expo di Dubai  Dubai, 16  settembre 2021 - Inaugurato ieri a Dubai il...

L’Italia vola nei cieli di Expo con Leonardo S.p.A

Innovazione e sostenibilità, ma anche mobilità ingegno e tecnologia. Se c’è un’azienda italiana che coniuga alla perfezione i temi centrali di Expo 2020 questa è la Leonardo S.p.A. La società guidata da Alessandro Profumo è leader mondiale nei settori della difesa,...

Con “The Beauty of Imaging” la medicina approda ad Expo2020

“Connettere le menti, generare il futuro”, è questo il grande tema di Expo 2020. Il Padiglione Italia si allaccia al claim della fiera mondiale di ottobre con un proprio leitmotiv, La Bellezza unisce le Persone, a suggerire che l’incanto dei territori ed il fascino...

Expo 2020 Dubai: le PMI laziali sbarcano a Dubai

Le piccole e medie imprese del Lazio, da oggi, avranno una possibilità in più di internazionalizzazione ed export negli Emirati Arabi Uniti e nell’area del Golfo.   Oggi, infatti, alle ore 11, alla Camera di Commercio Italiana di Dubai , si terrà la presentazione...

50 nuovi progetti per i prossimi 50 anni: ecco come gli Emirati affronteranno il futuro

A meno di 21 giorni dall’inaugurazione di Expo, alcuni potevano pensare che il governo Emiratino avrebbe aspettato di valutare i risultati di questo evento cosi tanto atteso prima di annunciare nuovi progetti a lungo termine. Invece, eccoci qua a commentare una nuova...
Tempo di lettura stimato: 5 minuti

A meno di 21 giorni dall’inaugurazione di Expo, alcuni potevano pensare che il governo Emiratino avrebbe aspettato di valutare i risultati di questo evento cosi tanto atteso prima di annunciare nuovi progetti a lungo termine. Invece, eccoci qua a commentare una nuova iniziativa che punta ad attrarre oltre 150 miliardi di dollari nel corso dei prossimi nove anni. 

I 50 progetti degli Emirati sanciscono il 50esimo compleanno della nazione. Se i 50 anni passati sono stati all’insegna della crescita aggressiva, quasi asfissiante, sia dal punto di vista industriale che da quello demografico, i prossimi 50 anni saranno all’insegna di una crescita sostenibile, che metterà l’innovazione tecnologica, il rispetto dell’ambiente, e l’inclusione sociale al centro di ogni iniziativa.

I primi 13 progetti sono stati annunciati lo scorso 5 Settembre ad un evento a cui hanno partecipato tutti i maggiori esponenti del governo Emiratino. Già da questo primo assaggio, notiamo come gli Emirati puntino a cambiare radicalmente la concezione del paese negli occhi dei propri residenti. 

Un’iniziativa chiave in questo senso è l’estensione del permesso di soggiorno al termine di un rapporto lavorativo. Oggi, i residenti possono soggiornare per un massimo di 30 giorni all’interno del paese senza un visto lavorativo, ma con l’introduzione della nuova legge questo periodo si estenderà a 6 mesi. Questa iniziativa darà più tempo ai residenti per cercare un nuovo posto di lavoro e aiuterà gli Emirati ad evitare le fughe di cervello. 

Inoltre, la speranza è che gli Emirati vengano visti sempre di più come un posto dove costruire una carriera a lungo termine, con la possibilità di metter su famiglia e far crescere i propri figli all’interno del paese. In altre parole, la speranza è che si incominci a vedere questo paese come una vera e propria casa, invece che come un luogo di passaggio. Da questo punto di vista è importante sottolineare anche l’estensione dai 18 ai 25 anni per sponsorizzare la residenza dei figli sotto il visto lavorativo dei genitori. Questo cambiamento è mirato a trattenere le famiglie negli Emirati una volta che i figli completano il loro percorso di studi scolastico. Oggi, molte famiglie sono costrette a lasciare il paese per seguire i propri figli una volta che questi compiono 18 anni. 

L’introduzione di due nuovi visti amplieranno il numero di opzioni disponibili per ottenere un visto di residenza. Stiamo parlando del cosiddetto “green visa”, che permetterà ai laureati con il massimo dei voti e ai professionisti/imprenditori “altamente qualificati” di sponsorizzare se stessi, e al “freelance visa” che invece darà l’opportunità ai lavoratori autonomi di stare nel paese senza un datore di lavoro fisso. 

Dal punto di vista della diversificazione economica, la banca centrale degli Emirati ha allocato 1.36 miliardi di dollari per finanziare le piccole medio imprese emiratine e creare nuovi posti di lavoro per la popolazione locale. Questa iniziativa va vista nell’ambito del progetto di “emiratizzazione” del paese che punta a creare una classe dirigente locale che sia in grado di sopravvivere anche senza l’aiuto costante di lavoratori provenienti dall’occidente. 

Se l’apporto del mondo occidentale è ben visto e accolto a braccia aperte dal governo Emiratino, è altrettanto importante dimostrare al mondo intero che gli Emirati sono capaci di formare dei lavoratori efficienti sia per il settore pubblico, che è già ampiamente dominato dai locali, che per quello privato, che invece è ancora in larga parte in mano agli occidentali. 

La banca centrale degli Emirati metterà a disposizione altri 1.36 miliardi di dollari per finanziare l’avvento della cosiddetta “quarta rivoluzione industriale” in un progetto chiamato Tech Drive. Questi fondi verranno utilizzati nel corso dei prossimi 5 anni per automatizzare le tradizionali industrie manifatturiere con l’utilizzo della smart technology. 

Quest’ultima iniziativa va vista nell’ambito del progetto “300 miliardi” annunciato dagli Emirati lo scorso Aprile, che punta ad incrementare il contributo del settore industriale verso il prodotto interno lordo da 133 miliardi di dirham (circa 36 miliardi di dollari) a 300 miliardi (circa 82 miliardi di dollari) entro il 2031. Il tutto dovrà essere fatto rispettando le nuove linee guida dell’economica circolare coniate dagli Emirati proprio per assicurare una crescita nel rispetto della sostenibilità e di un efficiente utilizzo delle risorse a disposizione. Negli occhi del governo Emiratino, la quarta rivoluzione industriale dovrà ridurre l’impronta ambientale del settore industriale e al tempo stesso rafforzarne la competitività. 

Dal punto di vista giuridico, gli Emirati adotteranno una nuova legge sulla gestione e sull’utilizzo dei dati personali dei residenti. La “UAE Data Law” si pone come obbiettivo quello di incrementare il potere decisionale dei residenti sulla condivisione dei propri dati personali cosi da proteggerne la privacy. La legge è stata stilata di comune accordo con alcune delle più importanti aziende tecnologiche al mondo, a dimostrazione del fatto che gli Emirati non vogliono spaventare le cosiddette “big tech” companies, anzi, puntano proprio a creare un ambiente che possa ricreare il più possibile quello della Silicon Valley. 

Va visto sotto questo aspetto l’iniziativa dei “100 Coders Every Day” che incrementerà il numero di programmatori informatici nel paese da 64,000 a 100,000 nel giro di un anno. L’obbiettivo è quello di esportare la tecnologia sviluppata negli Emirati nel resto del mondo così da contribuire a creare una vera e propria economia digitale. A questa iniziativa si aggiungerà il più grande summit mondiale sulla programmazione, il PyCon, che verrà tenuto per la prima volta a Dubai nell’estate del 2022. Gli Emirati puntano ad attrarre il maggior numero di programmatori informatici per creare una classe di talento digitale che possa permettere al paese di raggiungere l’obbiettivo prefissato di 500 nuove tech companies emiratine nel corso dei prossimi 5 anni.

A pochi giorni dall’avvio di Expo gli Emirati dimostrano ancora una volta di pensare già “al dopo”, mettendo in campo delle riforme e offrendo dei sostegni economici che puntano a rivoluzionare l’aspetto giuridico ed economico del paese. Le iniziative di cui abbiamo parlato in questo articolo, insieme a quelle che usciranno nelle prossime settimane, saranno la base su cui si svilupperà il futuro di questo paese. Un futuro che sarà più accogliente verso i residenti, più rispettoso verso l’ambiente, e più tecnologico verso il settore industriale.

Articoli correlati

Share This