Arts Club: Da Mayfair a Dubai

da Lug 12, 2021City Guide, Highlights

TRENDING

Aggiornamenti requisiti d’ingresso nell’Emirato di Abu Dhabi

Ai  residenti degli Emirati Arabi Uniti è ora richiesta la vaccinazione completa che comprende, quindi, anche la dose booster. Per poter entrare nell’Emirato di Abu Dhabi senza la dose booster è richiesto un test PCR di 96 ore. La norma, entrata in vigore all'inizio...

Emirati Arabi Uniti: le regole di ingresso nel Paese

Ultimi aggiornamenti sulle regole di viaggio negli Emirati. Dall'inizio della pandemia, i paesi hanno cambiato le regole di ingresso su base quasi mensile, il che significa doversi aggiornare costantemente su ciò che è loro richiesto in viaggio. Quali sono ora le...

Un 4×4 alla scoperta dell’Oman

Dimenticate i vertiginosi grattacieli di Dubai, le luci che trasformano la notte in pieno giorno, l'architettura avanguardistica, le spianate deserte ed armatevi di un 4x4 perchè l’Oman nasconde le sue perle più belle tra strade sterrate e di montagna.  Quasi alla...

L’Italia negli Emirati: tra la Giornata Nazionale degli EAU ed Expo 2020 Dubai

C’è aria di festa per le strade di Dubai, la città si è tinta un pò ovunque dei colori della bandiera emiratina, gigantografie della famiglia reale si affacciano sparse sulla Sheikh Zayed, l’arteria principale della città e si avverte nell’aria: gli Emirati come di...

A Napoli si discute di Internazionalizzazione: l’iniziativa di Banca Generali

Su iniziativa di Banca Generali nasce, lo scorso 5 novembre, “Ripensiamo il futuro: l'internazionalizzazione delle imprese italiane” il panel rivolto a realtà imprenditoriali italiane interessate ad espandere il proprio business all’estero. L’incontro, svoltosi a...

Italian Choice Sailing Team: un’unione che nasce dal mare

Quale elemento accomuna due paesi lontani e diversi come l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti? Il mare. Un elemento primordiale, dal quale ci siamo evoluti, che abbiamo imparato a rispettare e navigare, sfidandone le onde.  Difatti, nonostante i due Paesi conservino...

Apertura, dialogo e cooperazione al Global Interfaith Summit di Dubai

C’é un filo rosso che unisce l’Accordo sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi del 2019, il G20 italiano ed il Global Interfaith Summit, come tappe di un percorso portato avanti dalla diplomazia istituzionale, così come quella religiosa, e che punta a costruire ponti che...

Quarta edizione del Global Manufacturing & Industrialization Summit: La giornata dedicata all’Italia

Identificare soluzioni a problemi globali, promuovere e incoraggiare uno sviluppo industriale inclusivo e sostenibile, trasformare la produzione attraverso l’impiego della tecnologia come strumento per la collaborazione globale al fine di incoraggiare maggiori...

Innovation House apre al mondo le porte della Lombardia produttiva e all’unicità delle proprie imprese

Un ecosistema fertile, una foriera di opportunità, una vetrina mondiale, un laboratorio di idee e innovazione. Si presenta così Innovation House, il progetto ideato dalla Fondazione Politecnico di Milano, insieme al Politecnico di Milano ed alla Regione Lombardia. ...

È italiano il ‘Best Dress’ del World Fashion Festival Awards di Dubai

Lo scollo ad archi ovali di richiamo alle porte arabe riprodotti sulla gonna dalla circonferenza di sei metri, interamente  dipinta a mano e la texture che ricorda il logo di Expo, sono questi i dettagli del Best Dress del World Fashion Festival Awards di Dubai,...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

“C’era una volta il sabato sera all’Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro”

Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di Londra e cuore culturale pulsante della città. La sua istituzione risale al 1863, quando Charles Dickens, il suo ideatore immaginò un luogo di aggregazione per coloro interessati al mondo dell’arte, della letteratura, della scienza. 

A quei tempi, a condividere l’atmosfera sofisticata del club oggi dal sapore retrò, erano figure di spicco nel campo artistico come Millais, Whistler, Kipling, Monet, Rodin, Degas e Turgenev. L’Arts Club, centro della scena letteraria della Londra vittoriana, come ogni club d’élite che si rispetti è stato, sin dalla sua fondazione, oggetto di indiscrezioni e scandali, primo tra tutti l’abbandono di Dickens del Garrick, un altro club per gentiluomini londinesi fondato nel 1831, per via di una lite con l’autore di Vanity Fair William Makepeace Thackeray. 

Pareti rivestite di cashmere, un bar di ostriche e una collezione d’arte da 3 milioni di sterline deliziavano la vista ed il palato degli esponenti dell’alta borghesia inglese. Per far parte del club, poi, una membership  da 1.500 sterline all’anno, più un’ulteriore quota di 2.000.

Il club, sopravvissuto ai bombardamenti di ben due guerre mondiali ed interamente ristrutturato nel 2011 continua a rappresentare un hub per mecenati creativi e imprenditoriali che negli ampi salotti scambiano idee e partecipano ad eventi relativi al mondo della moda, del cinema, della letteratura, della musica e della fotografia così come della scienza e del teatro.   

La collezione d’arte del Club costituisce il fiore all’occhiello del prestigioso circolo, evidenziando le tendenze internazionali oltre a mantenere un focus sugli artisti con sede in Gran Bretagna. Quella permanente comprende opere di Tomas Saraceno, John Baldessari e John Stezaker, che si affiancano sia alla collezione storica del Club sia a una serie di mostre temporanee ospitate durante l’anno.

Ad oggi tra i club letterari di maggiore spicco: il Cercle de l’Union interalliée di Parigi, l’Arts and Letters Club di Toronto, il St. Botolph e l’Algonquin Club di Boston, il Cosmos Club a Washington DC, l’Arts Club di Chicago, il National Arts Club e il Salmagundi Club di New York ed infine, L’Arts Club Dubai

Il circolo creato nel 2020 ed ispirato a quello londinese di cui sposa visione ed interessi, si prefigge di offrire ai suoi membri “una casa lontano da casa”: un santuario del comfort, dell’ospitalità e dell’eleganza all’interno di ambienti conviviali o di spazi più intimi a seconda delle diverse esigenze. 

Disposto su quattro piani e dalla superficie di 6.000 metri quadrati, l’Arts Club di Dubai accoglie spazi per riunioni e sale da pranzo private, cinque lounge, tre ristoranti (tra cui la tanto amata Brasserie di Londra) una biblioteca, una terrazza sul tetto, una discoteca, una cigar lounge, e uno spazio eventi. Dimorestudio, lo studio di design milanese, è stato incaricato di progettare gli interni del club.

Ogni spazio attinge ad una tavolozza di colori ricca e sofisticata, espressa con trame forti e motivi giocosi, risultando in un’estetica complessiva di design contemporaneo e classico allo stesso tempo. Una collezione unica di mobili e illuminazione art-deco dà, poi, un tocco di decadente eleganza ai saloni impreziositi da sontuosi tessuti. Il tutto in netto contrasto con il rooftop di 2.135 metri quadrati, vista Burj Khalifa, che ospita la discoteca. 

Il fitto programma dell’Arts Club di Dubai comprende conferenze, degustazioni, mostre, workshop e tavole rotonde.

A distanza di quasi un secolo il concetto di Club letterario riconquista il suo posto nel cuore della vita culturale contemporanea delle odierne metropoli.

Articoli correlati

Share This