Arts Club: Da Mayfair a Dubai

da Lug 12, 2021City Guide, Highlights

TRENDING

Cinque porzioni di ortofrutta per una vita longeva? Arriva la conferma di Harvard

Non è solo un detto: consumare cinque porzioni tra frutta e verdura ogni giorno fa veramente bene al nostro corpo. Non tutta l’ortofrutta è uguale e non basta questo per lavarsi la coscienza da altri vizi, certo è però che consumare con costanza cinque porzioni...

Investimenti immobiliari a Dubai: Missoni firma un nuovo grattacielo a Business Bay

ll mercato immobiliare di Dubai si conferma più che mai attivo ed in fibrillazione. E’ stata da poco lanciata una nuova torre residenziale brandizzata Missoni, noto marchio dell’alta moda italiana.   Se volete Investire in immobili a Dubai e cercate qualcosa di...

Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata [...] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo...

Italy Muslim Friendly da il via all’internazionalizzazione delle imprese calabresi in Medio Oriente

Nasce in Calabria l'Italy Muslim Friendly, il percorso di ricerca scientifica sull’internazionalizzazione delle imprese calabresi nei mercati arabi-musulmani e di collaborazione, studio e formazione per giovani laureati calabresi e al loro affiancamento alle tante...

Alimentazione in estate: come gestire la dieta per combattere il caldo?

Ormai tutti sappiamo che la dieta può aiutarci in davvero tante cose. Sappiamo del suo potenziale nella cura delle patologie, del suo potere in ambito di prevenzione per altre e dell’aiuto che può dare nella terapia farmacologica in altrettante. Ma oltre al benessere...

Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l'opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all'interno della società araba. Sono questi...

L’ascesa di Dubai: il villaggio di pescatori divenuto impero commerciale del Golfo

Molto prima di trasformarsi nella “Manhattan d’oriente” e prima ancora di divenire il frutto della visione di un solo uomo, prima del petrolio e di essere definita dallo stesso Sceicco “Dubai ink”, la città emiratina era un piccolo insediamento di case arish e...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

“C’era una volta il sabato sera all’Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro”

Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di Londra e cuore culturale pulsante della città. La sua istituzione risale al 1863, quando Charles Dickens, il suo ideatore immaginò un luogo di aggregazione per coloro interessati al mondo dell’arte, della letteratura, della scienza. 

A quei tempi, a condividere l’atmosfera sofisticata del club oggi dal sapore retrò, erano figure di spicco nel campo artistico come Millais, Whistler, Kipling, Monet, Rodin, Degas e Turgenev. L’Arts Club, centro della scena letteraria della Londra vittoriana, come ogni club d’élite che si rispetti è stato, sin dalla sua fondazione, oggetto di indiscrezioni e scandali, primo tra tutti l’abbandono di Dickens del Garrick, un altro club per gentiluomini londinesi fondato nel 1831, per via di una lite con l’autore di Vanity Fair William Makepeace Thackeray. 

Pareti rivestite di cashmere, un bar di ostriche e una collezione d’arte da 3 milioni di sterline deliziavano la vista ed il palato degli esponenti dell’alta borghesia inglese. Per far parte del club, poi, una membership  da 1.500 sterline all’anno, più un’ulteriore quota di 2.000.

Il club, sopravvissuto ai bombardamenti di ben due guerre mondiali ed interamente ristrutturato nel 2011 continua a rappresentare un hub per mecenati creativi e imprenditoriali che negli ampi salotti scambiano idee e partecipano ad eventi relativi al mondo della moda, del cinema, della letteratura, della musica e della fotografia così come della scienza e del teatro.   

La collezione d’arte del Club costituisce il fiore all’occhiello del prestigioso circolo, evidenziando le tendenze internazionali oltre a mantenere un focus sugli artisti con sede in Gran Bretagna. Quella permanente comprende opere di Tomas Saraceno, John Baldessari e John Stezaker, che si affiancano sia alla collezione storica del Club sia a una serie di mostre temporanee ospitate durante l’anno.

Ad oggi tra i club letterari di maggiore spicco: il Cercle de l’Union interalliée di Parigi, l’Arts and Letters Club di Toronto, il St. Botolph e l’Algonquin Club di Boston, il Cosmos Club a Washington DC, l’Arts Club di Chicago, il National Arts Club e il Salmagundi Club di New York ed infine, L’Arts Club Dubai

Il circolo creato nel 2020 ed ispirato a quello londinese di cui sposa visione ed interessi, si prefigge di offrire ai suoi membri “una casa lontano da casa”: un santuario del comfort, dell’ospitalità e dell’eleganza all’interno di ambienti conviviali o di spazi più intimi a seconda delle diverse esigenze. 

Disposto su quattro piani e dalla superficie di 6.000 metri quadrati, l’Arts Club di Dubai accoglie spazi per riunioni e sale da pranzo private, cinque lounge, tre ristoranti (tra cui la tanto amata Brasserie di Londra) una biblioteca, una terrazza sul tetto, una discoteca, una cigar lounge, e uno spazio eventi. Dimorestudio, lo studio di design milanese, è stato incaricato di progettare gli interni del club.

Ogni spazio attinge ad una tavolozza di colori ricca e sofisticata, espressa con trame forti e motivi giocosi, risultando in un’estetica complessiva di design contemporaneo e classico allo stesso tempo. Una collezione unica di mobili e illuminazione art-deco dà, poi, un tocco di decadente eleganza ai saloni impreziositi da sontuosi tessuti. Il tutto in netto contrasto con il rooftop di 2.135 metri quadrati, vista Burj Khalifa, che ospita la discoteca. 

Il fitto programma dell’Arts Club di Dubai comprende conferenze, degustazioni, mostre, workshop e tavole rotonde.

A distanza di quasi un secolo il concetto di Club letterario riconquista il suo posto nel cuore della vita culturale contemporanea delle odierne metropoli.

Articoli correlati

Share This