Destinazione International Financial District: cuore pulsante di Dubai

da Mag 31, 2022City Guide, Highlights

TRENDING

Cervelli italiani in fuga: i giovani Expat di Dubai

Sono alla ricerca di opportunità, desiderano crescere professionalmente, aspirano a retribuzioni che soddisfino più dei meri bisogni primari, puntano al riconoscimento delle proprie competenze, fanno le valigie e partono. Sono i giovani laureati italiani, protagonisti...

Galleria Continua inaugura al Burj Al Arab con la mostra New Wave

Galleria Continua, ad oggi tra le principali gallerie d’arte contemporanea, è la storia di tre amici e di un’aspirazione, quella di coinvolgere un pubblico sempre più ampio nel mondo dell’arte. Ma l’iniziativa è anche la storia di un luogo inaspettato e senza tempo:...

Chapter All Dubai: La community degli Alumni Luiss di Dubai

Si è concluso giovedì 26 maggio nella splendida cornice dell'Hotel Fairmont di Dubai, presso il ristorante Bistrot 90, Chapter All Dubai, il primo incontro della community degli Alumni Luiss negli Emirati. ALL (Associazione Laureati Luiss) è il punto di riferimento...

Italian Business in Dubai: Cinzia Di Gennaro

Per la rubrica "Italian Business in Dubai", noi di Dubaitaly abbiamo intervistato Cinzia Di Gennaro, giovane imprenditrice Italiana che ha fatto di Dubai la sua casa! Cinzia, di cosa ti occupi? Ho un'azienda che produce profumi personalizzati e fragranze per ambienti,...

L’Eredità di Expo 2020 Dubai alla sesta edizione di Travel Hashstag

Si è conclusa nella serata di domenica 8 maggio la sesta edizione del Travel Hashtag, l'evento internazionale nell'ambito della Travel&Tourism Industry, organizzata a Dubai dal tour operator Tourmeon e declinatasi in un panel discussion che ha visto protagonisti...

Visto di residenza a Dubai: tutto quello che devi sapere

Come è risaputo, gli Emirati Arabi Uniti utilizzano un sistema di visti per consentire ai cittadini stranieri di vivere e lavorare nel Paese. Un sistema, questo, in continuo aggiornamento. Proprio nel mese di Aprile, il Gabinetto degli Emirati Arabi Uniti ha...

I Musulmani di tutto il mondo celebrano Eid al Fitr

Sul cielo compare la luna nuova e le città del Medioriente, del Sud Est asiatico e del continente africano sembrano lentamente risvegliarsi dal torpore del mese di preghiere, devozione ed autocontrollo che segnano da secoli il periodo di Ramadan.  È l’alba del primo...

Alla scoperta di QE2, antica regina del mare

È il 26 novembre del 2008 quando la regina dei mari Queen Elisabeth II lascia il molo di Southampton in direzione Port Rashid, nel Golfo Persico, per quello che sarebbe stato il suo ultimo impiego per mare. Conclusa la traversata, la bandiera di Cunard House viene...

La cucina sublime di Enrico Derfingher al Bella Restaurant di Dubai

Il  super chef Enrico Derfingher ci ha condotto per mano nella magnifica serata del 26 febbraio "oltre Expo Dubai: il futuro delle eccellenze italiane negli Emirati Arabia Uniti":  "É stato un grandissimo successo – commenta  Derflingher– Oltre cento persone riunite...

L’antica arte della falconeria negli Emirati Arabi Uniti

L'antica arte della falconeria, profondamente radicata nella cultura degli Emirati Arabi Uniti, ha una storia lunga 4000 anni... “Yalla!”, grida il primo falconiere, e in una frazione di secondo due ali si dispiegano con vigore verso il cielo per dare inizio...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Pochi sono i luoghi in cui si avverte la sensazione, netta ed elettrizzante, di trovarsi esattamente al centro del mondo. Lungo la Fifth Avenue di New York, nell’abbraccio del colonnato di San Pietro a Roma, nel caotico viavai di Piccadilly Circus, al centro di People’s Square a Shangay e in DIFC, cuore pulsante di Dubai.

L’International Financial District: più comunemente chiamato con il suo acronimo DIFC, sorge nel 2004 e, al passo con i ritmi di crescita vertiginosa della città, diviene il principale hub finanziario e crocevia commerciale del Medioriente, dell’Africa e del Sud Est Asiatico. Allargando l’obiettivo sulla mappa geografica, DIFC, strategicamente posizionato tra il Financial Centre di Londra ad ovest e quello di Singapore ad est, crea un vero e proprio ponte tra Oriente ed Occidente così colmando il gap fra le principali piazze finanziarie di Londra, New York, Hong Kong e Tokyo.

Incastonati tra quelli che sono i simboli della città, il Burj Khalifa e il più recente Museo del Futuro, grattaceli perlacei alla luce del sole, rossi al tramonto e tinti di mille colori al calar della sera, si ergono altissimi nel cuore della capitale emiratina. A regalare il primo colpo d’occhio una volta giunti alle porte di DIFC è il Gate Bulding, il colosso di 80 metri rivestito di pannelli di granito italiano e dal design vagamente simile al Grand Arche de la Défense di Parigi, di cui ne rappresenta un’interpretazione contemporanea. La sua forma ad arco permette di affondare lo sguardo nei cortili, nei cafè e nelle terrazze in
lontananza. Da ogni angolo di DIFC è impossibile non intravedere la punta dorata del Gevora Hotel, uno tra gli alberghi più alti al mondo: in soli 38 secondi quest’affascinante costruzione conduce i suoi visitatori al 71esimo piano, dalla cui galleria panoramica si puó godere di una vista accecante sulla città e sul suo deserto. Iconici e dal design futuristico anche i due grattacieli
gemelli di Damac Park, che ricordano la ben nota torre Gherkin di Londra.

Dell’avanguardistico distretto colpisce certamente la febbrile attività di business, percepibile anche solo percorrendone le vie. Addentrandosi però più all’interno dell’area finanziaria emiratina si scoprirà con sorpresa che non sono solo gli affari ad attrarre imprenditori ed avventurieri di tutto il mondo, ma anche l’arte. In DIFC c’è arte ovunque. Sculture contemporanee spuntano in ogni angolo, ciascuna con il proprio QR code esplicativo del concept e dell’autore dell’opera, accompagnando per il quartiere visitatori ed abituali frequentatori.

Proprio come in una matriosca, il cuore del cuore di Dubai è custodito nella rinomata Gate Avenue, raggiungibile in pochi passi dal Gate Building attraverso il piccolo ponte che immediatamente catapulta in una dimensione certamente europea, ma con taglio a tratti esotico, a tratti mediorientale. Boutiques, bar, ristoranti storici londinesi e parigini, ed eleganti fontane regalano il rumore dell’acqua di sottofondo e poi palme, verdi parterre, alberi tropicali e fiori di ogni tipo.

Al contrario dell’immaginario comune, secondo il quale il Centro finanziario rappresenterebbe il luogo più caotico e chiassoso di una grande metropoli, in DIFC si respira un’incredibile quiete. Seppur gremito di stranieri in bermuda, locali in eleganti Kandura ed expats in impeccabili completi, il quartiere permette di godere di camminate distese tra le sue vie. Ed è proprio passeggiando che ci si imbatte nei ristoranti più glamour dell’area, dallo stravagante EL&N in cui gustare cioccolato bianco aromatizzato alla rosa circondati da pareti floreali, al dehor di bouganville di Gaia immersi nella tipica atmosfera delle isole greche. In DIFC, poi, non può mancare anche un angolo d’Italia: nulla di meglio di Roberto’s o Cipriani per assaporarne la raffinata cucina.

Eclettica, variegata e di respiro internazionale, la zona nasconde anche perle della cucina e del design orientale. Ne è un esempio il ristorante Clap, che combina autenticità ed innovazione della tradizione culinaria giapponese direttamente dalla sua cucina a vista, affacciata sul Museo del Futuro.

In DIFC si fanno affari, si delizia il palato e ci si immerge nell’arte. Sconcy Gallery, Tabari Art Space, Opera Gallery, Sotheby’s, Christies, sono solo alcune delle molteplici gallerie dislocate nell’epicentro della finanza di Dubai, cui si aggiungono i club letterari che riproducono il concetto dei salotti europei del passato, come l’Arts Club di Mayfair, il circolo creato a Dubai nel 2020 ed ispirato a quello londinese, di cui sposa visione ed interessi. Un santuario del comfort, dell’ospitalità e dell’eleganza, che nei suoi 6.000 metri quadrati accoglie sale da pranzo private, lounge, e una biblioteca. Il tutto rappresentato da un’estetica classica e sofisticata impreziosita da una collezione unica di mobili e illuminazione art-deco.

Da questo mix di architetture, sapori e lifestyle è possibile afferrare un’idea più esaustiva di DIFC. Il quartiere che riproduce, in scala ridotta, la visione che ha guidato Dubai negli anni della sua ascesa ad hub globale: far convergere proprio in queste latitudini il meglio di ogni luogo così come il meglio del passato e del presente, ma con lo sguardo costantemente puntato al futuro.

 

 

L’articolo è disponibile anche in lingua inglese sul magazine: Dubai Italian Experiences .

Articoli correlati

Share This