Destinazione International Financial District: cuore pulsante di Dubai

da Mag 31, 2022City Guide, Highlights

TRENDING

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...

Shaping the Future: URB Launches World’s Largest Agritourism in Dubai

Shaping the Future: URB Launches World’s Largest Agritourism in Dubai. While Dubai is establishing itself as a global economic and financial hub, it is turning its gaze to sustainability and "green" urbanization. Among the champions of innovation and transition...

‘We the UAE 2031’: continua la crescita vertiginosa degli Emirati Arabi

Giunge di martedì 22 novembre, l'annuncio da parte dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, relativo al lancio di "We the UAE 2031" vision. Il nuovo piano strategico, in linea con quello relativo all'anno 2021, individua gli obiettivi di governo per il prossimo...

Emirati Arabi Uniti, come tutto ebbe inizio

Beduini, mercanti e pirati. Perle, incenso e datteri. E poi il deserto e il mare, da sempre spettatori silenziosi di incursioni, antiche carovane e flotte di esploratori. Su queste terre, oggi conosciute come Emirati Arabi, è approdato Alessandro Magno, hanno...

Con “Farfalle”, ITACA porta a Dubai un pezzo del teatro italiano

Il 19 e 20 Novembre prossimi, ITACA – Italian Theatre And Culture Association- presenterà al pubblico italiano di Dubai “Farfalle”, una commedia noir vincitrice dei premi “Hystrio- Scritture di scena 2015” e “Mario Fratti Award 2016”. Lo spettacolo andrà in scena...

EAU: al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione

Al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione volto a tutelare cittadini ed espatriati impiegati nel settore privato e nei dipartimenti del governo in caso di perdita del lavoro. Il nuovo schema offrirà sostegno finanziario per la durata di tre mesi in...

“Catching up with the Far East”: la tavola rotonda sull’andamento dei mercati Asiatici

Si è conclusa nella mattinata di mercoledì 19 ottobre, la tavola rotonda dal titolo “Catching up with the Far East” organizzata ed ospitata dagli uffici Kelmer Group di Dubai. Una kermesse che ha visto imprenditori, esperti del settore e rappresentanti delle Camere di...

#maiunagioia: lo spettacolo tutto italiano va in scena a Dubai

Grande attesa per lo spettacolo teatrale  #maiunagioia ideato da Lamya Tawfik e Valentina Danubio, prossimamente in scena presso The Junction, Alserkal Avenue, il 28 ottobre e il 4 novembre 2022. Noi di Dubaitaly abbiamo intervistato Lamya e Valentina per saperne di...

Rivoluziona il tuo shopping con Restyle

Uno stile di vita, un movimento sociale ed individuale per gli amanti della moda, ma sensibili ed attenti all’impatto ambientale del consumismo di massa. Restyle nasce sull'impronta del mercatino dell’usato in perfetto stile italiano: pezzi unici, selezionati ed al...

Legge sul Copyright: quella degli EAU tra le più rigide al mondo

Il trattamento di dati, contenuti e proprietà intellettuale negli Emirati Arabi Uniti non va preso alla leggera. Il Paese dispone ad oggi di uno dei regolamenti copyright più rigidi al mondo. Questo, al duplice scopo di proteggere i diritti dei marchi internazionali...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Pochi sono i luoghi in cui si avverte la sensazione, netta ed elettrizzante, di trovarsi esattamente al centro del mondo. Lungo la Fifth Avenue di New York, nell’abbraccio del colonnato di San Pietro a Roma, nel caotico viavai di Piccadilly Circus, al centro di People’s Square a Shangay e in DIFC, cuore pulsante di Dubai.

L’International Financial District: più comunemente chiamato con il suo acronimo DIFC, sorge nel 2004 e, al passo con i ritmi di crescita vertiginosa della città, diviene il principale hub finanziario e crocevia commerciale del Medioriente, dell’Africa e del Sud Est Asiatico. Allargando l’obiettivo sulla mappa geografica, DIFC, strategicamente posizionato tra il Financial Centre di Londra ad ovest e quello di Singapore ad est, crea un vero e proprio ponte tra Oriente ed Occidente così colmando il gap fra le principali piazze finanziarie di Londra, New York, Hong Kong e Tokyo.

Incastonati tra quelli che sono i simboli della città, il Burj Khalifa e il più recente Museo del Futuro, grattaceli perlacei alla luce del sole, rossi al tramonto e tinti di mille colori al calar della sera, si ergono altissimi nel cuore della capitale emiratina. A regalare il primo colpo d’occhio una volta giunti alle porte di DIFC è il Gate Bulding, il colosso di 80 metri rivestito di pannelli di granito italiano e dal design vagamente simile al Grand Arche de la Défense di Parigi, di cui ne rappresenta un’interpretazione contemporanea. La sua forma ad arco permette di affondare lo sguardo nei cortili, nei cafè e nelle terrazze in
lontananza. Da ogni angolo di DIFC è impossibile non intravedere la punta dorata del Gevora Hotel, uno tra gli alberghi più alti al mondo: in soli 38 secondi quest’affascinante costruzione conduce i suoi visitatori al 71esimo piano, dalla cui galleria panoramica si puó godere di una vista accecante sulla città e sul suo deserto. Iconici e dal design futuristico anche i due grattacieli
gemelli di Damac Park, che ricordano la ben nota torre Gherkin di Londra.

Dell’avanguardistico distretto colpisce certamente la febbrile attività di business, percepibile anche solo percorrendone le vie. Addentrandosi però più all’interno dell’area finanziaria emiratina si scoprirà con sorpresa che non sono solo gli affari ad attrarre imprenditori ed avventurieri di tutto il mondo, ma anche l’arte. In DIFC c’è arte ovunque. Sculture contemporanee spuntano in ogni angolo, ciascuna con il proprio QR code esplicativo del concept e dell’autore dell’opera, accompagnando per il quartiere visitatori ed abituali frequentatori.

Proprio come in una matriosca, il cuore del cuore di Dubai è custodito nella rinomata Gate Avenue, raggiungibile in pochi passi dal Gate Building attraverso il piccolo ponte che immediatamente catapulta in una dimensione certamente europea, ma con taglio a tratti esotico, a tratti mediorientale. Boutiques, bar, ristoranti storici londinesi e parigini, ed eleganti fontane regalano il rumore dell’acqua di sottofondo e poi palme, verdi parterre, alberi tropicali e fiori di ogni tipo.

Al contrario dell’immaginario comune, secondo il quale il Centro finanziario rappresenterebbe il luogo più caotico e chiassoso di una grande metropoli, in DIFC si respira un’incredibile quiete. Seppur gremito di stranieri in bermuda, locali in eleganti Kandura ed expats in impeccabili completi, il quartiere permette di godere di camminate distese tra le sue vie. Ed è proprio passeggiando che ci si imbatte nei ristoranti più glamour dell’area, dallo stravagante EL&N in cui gustare cioccolato bianco aromatizzato alla rosa circondati da pareti floreali, al dehor di bouganville di Gaia immersi nella tipica atmosfera delle isole greche. In DIFC, poi, non può mancare anche un angolo d’Italia: nulla di meglio di Roberto’s o Cipriani per assaporarne la raffinata cucina.

Eclettica, variegata e di respiro internazionale, la zona nasconde anche perle della cucina e del design orientale. Ne è un esempio il ristorante Clap, che combina autenticità ed innovazione della tradizione culinaria giapponese direttamente dalla sua cucina a vista, affacciata sul Museo del Futuro.

In DIFC si fanno affari, si delizia il palato e ci si immerge nell’arte. Sconcy Gallery, Tabari Art Space, Opera Gallery, Sotheby’s, Christies, sono solo alcune delle molteplici gallerie dislocate nell’epicentro della finanza di Dubai, cui si aggiungono i club letterari che riproducono il concetto dei salotti europei del passato, come l’Arts Club di Mayfair, il circolo creato a Dubai nel 2020 ed ispirato a quello londinese, di cui sposa visione ed interessi. Un santuario del comfort, dell’ospitalità e dell’eleganza, che nei suoi 6.000 metri quadrati accoglie sale da pranzo private, lounge, e una biblioteca. Il tutto rappresentato da un’estetica classica e sofisticata impreziosita da una collezione unica di mobili e illuminazione art-deco.

Da questo mix di architetture, sapori e lifestyle è possibile afferrare un’idea più esaustiva di DIFC. Il quartiere che riproduce, in scala ridotta, la visione che ha guidato Dubai negli anni della sua ascesa ad hub globale: far convergere proprio in queste latitudini il meglio di ogni luogo così come il meglio del passato e del presente, ma con lo sguardo costantemente puntato al futuro.

 

 

L’articolo è disponibile anche in lingua inglese sul magazine: Dubai Italian Experiences .

Articoli correlati

Share This