L’antica tradizione della corsa dei cammelli

da Mar 16, 2021City Guide, Culture

TRENDING

Al Ain: Alla scoperta della natura e dell’entroterra emiratino

Al Ain è una delle principali città degli Emirati Arabi situata al confine con l’Oman e ad un ora e mezza di macchina circa dalla capitale Abu Dhabi. Essendo nel cuore del deserto e ovviamente non avendo sbocco sul mare, la città presenta paesaggi naturalistici molto...

Comprare casa a Dubai: come investire con EMAAR?

“Sono venuto a Dubai e ne sono rimasto affascinato. È possibile comprare casa qui?” “Ho visto alcune nuove costruzioni di EMAAR, mi piacerebbe saperne di più, ma non so da dove cominciare”. “Il mercato è altalenante. Ha senso fare un investimento immobiliare a Dubai o...

Ras al Khaimah, snodo internazionale e paradiso naturalistico

Situata lungo l'estremità settentrionale della costa degli Emirati Arabi, Ras Al Khaimah (RAK) si trova tra il Golfo Persico e le montagne Hajar. La città copre circa 27 miglia di costa, sulla quale lagune d’acqua cristallina, spiagge di sabbia dorata e altipiani...

Sua Maestà la Carbonara…di Mezzo!

Nasce a Roma, ma ha viaggiato in lungo e in largo. Senza dubbio nell’Olimpo delle pietanze tipiche italiane: Sua Maestà la Carbonara. Per questo, ogni italiano che si rispetti avverte una fitta al cuore quando sente parlare di orribili rivisitazioni: dai preparati...

Il mondo in miniatura al Global Village di Dubai

Il Global Village di Dubai è senza dubbio un luogo affascinante senza eguali in tutta la regione. Oltre ad essere un sito culturale, è anche un vero e proprio hub di intrattenimento e spettacoli di ogni genere. Il concept è alquanto suggestivo ed originale: ricreare...

La cultura autentica di Dubai. Cosa è l’Islam e chi sono i musulmani

Dalle moschee in perfetto stile arabo alle giganti strade all’americana e ai profumi d’India, ecco Dubai, città europea ed intimamente così orientale dove numerose culture si confondono come tessere di un grande mosaico. Qui tradizioni e abitudini fortemente distanti...

Mamma, mollo tutto e vado a fare il gelato a Dubai

Se il tuo obiettivo è quello di piacere a tutti non provare a essere un leader, inizia a vendere gelati. (Steve Jobs). Se c’è una cosa italiana, indiscutibilmente italiana che ha conquistato il mondo (come la pizza, tanto per fare un altro esempio) è il gelato. Che,...

Fabrizio Puglisi, turismo e calcio “made in Italy” negli Emirati Arabi

Fabrizio, siciliano, classe ’86, è riuscito a combinare qui le sue due gradi passioni, quella per il calcio e  quella per il suo Paese, e a trasmetterle alle centinaia di bambini della “Juventus Academy”, che vengono da 50 nazioni diverse, tra di loro parlano in...

Elisa Corvi e due mondi che si incontrano a Dubai

Come sei arrivata a Dubai e quando? 8 anni fa dall’Italia. A quel tempo vivevo a Milano con mio marito e le mie due prime figlie Bianca e Ginevra e aspettavo il mio terzo, Leo. Perché hai deciso di venire a Dubai? Motivi di famiglia: all’inizio perchè mio marito è...

Un affascinante viaggio attraverso le isole di Abu Dhabi

La bellissima capitale degli Emirati Arabi è un affascinante arcipelago composto da oltre 200 isole, moltissime delle quali accessibili ai visitatori. Lo stesso cuore pulsante della città si erge su un’isola distante circa 250 metri dalla terraferma. Da viste...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

La nave del deserto, instancabile pellegrino, mansueto compagno di vita dell’uomo. Da sempre legato alla cultura araba ne assiste alla nascita e all’evoluzione, accompagnando passo passo la fioritura della piccola realtà nomade e tribale poi meglio conosciuta come impero Islamico. Tutt’oggi, in molti Paesi del Golfo, possedere un cammello è considerato un onore e non solo una cospicua fonte di ricchezza. In tempi più remoti ha persino rappresentato una forma di pagamento della dote.

corsa dei cammelli

Il ruolo giocato dal quadrupede del deserto in questa parte del mondo è stato quindi quello di protagonista, non solo nello svolgimento delle mansioni più quotidiane o in ambito commerciale, ma anche in occasione di feste e celebrazioni. La corsa dei cammelli ne è un esempio. Antica forma di intrattenimento tra le popolazioni Mediorientali la gara si svolgeva per lo più durante matrimoni e cerimonie. Proprio in concomitanza con l’ascesa economica degli Emirati, quando questa tradizione sembrava ormai essere solo un ricordo lontano, le autorità si sono prodigate affinché tale patrimonio non andasse perduto. Ad oggi, la camel race viene riconosciuta come sport internazionale ed attira partecipanti e turisti da tutto il mondo.

La confusione inizia già nelle prime ora del mattino. C’è un gran trambusto e nell’aria si respira adrenalina e agitazione. I cammelli, adornati con i colori più vivaci, sono affiancati da eleganti proprietari in dishdasha ed addestratori, i SUV sono disposti per la partenza, spettatori locali ed internazionali assistono alle preparazioni in fervida attesa dell’evento. Il tutto si verifica nei mesi che vanno da ottobre ad aprile quando il clima raggiunge temperature troppo elevate per permettere di godere di una giornata tra le dune. é infatti a ridosso del deserto che si stagliano le principali strutture presso cui hanno luogo le corse ufficiali. Negli Emirati sono tre quelle più rinomate: la pista sulla Al Ain road a circa 45 chilometri da Abu Dhabi, la Al Ain a Dubai e la Umm Al Quwain. I tracciati ospitati da questi complessi hanno tutti una lunghezza di circa 10 km.

dubai camel track

Il lungo addestramento dei cammelli presso i centri d’allevamento specializzati inizia all’età di sei mesi, ma è solo al compimento dei tre anni che i giovani corridori debuttano nelle corse ufficiali.  Alle gare, della durata di 6/7 minuti e articolate in sessioni di cui una al mattino presto tra le 7 e le 9 e l’altra nel pomeriggio, partecipano dai 15 ai 60 cammelli suddivisi in base alla loro esperienza/età. Esemplari maschi e femmine, poi, gareggiano separatamente così come stalloni e castroni.

Il fascino e l’interesse esercitato dalle corse, però, ha per troppo tempo eclissato il lato più oscuro di questo sport, a lungo oggetto di dure critiche. Solo nel 2011 le polemiche sollevate e la pressione esercitata dall’opinione pubblica hanno finalmente condotto ad una svolta: gli Emirati hanno vietato la partecipazione dei bambini, costretti un tempo a cavalcare i cammelli, optando per la guida di fantini robot. Realizzati in alluminio e con un peso di circa 25 kg, i robottini sono dotati di GPS e di sistemi volti a monitorare velocità e posizione del cammello. I fantini meccanici sono inoltre muniti di sensori per controllare la frequenza cardiaca dell’animale. Da terra, poi, gli allenatori utilizzano un apposito telecomando per guidare il robot.

A fare da sfondo al folkloristico evento, che costituisce il background culturale della società araba, si alternano esposizioni dei tipici abiti, l’esecuzione di rituali tradizionali ed usanze emiratine, il tutto come occasione che permette di mantenere vivi i costumi locali ed la conservazione di un patrimonio al riparo dal tempo e dai ritmi febbrili imposti  dalla modernizzazione del Paese.

 

 

Articoli correlati

Il Louvre di Abu Dhabi, il museo che incanta

Il Louvre di Abu Dhabi, il museo che incanta

“Un mondo accogliente che unisce serenamente luce ed ombra, riflessione e calma. Ha l’obiettivo di appartenere ad un paese, alla sua storia e geografia, sottolinearne il fascino con scoperte insolite senza essere una banale interpretazione”. Con queste parole...

Il Louvre di Abu Dhabi, il museo che incanta

Il Louvre di Abu Dhabi, il museo che incanta

“Un mondo accogliente che unisce serenamente luce ed ombra, riflessione e calma. Ha l’obiettivo di appartenere ad un paese, alla sua storia e geografia, sottolinearne il fascino con scoperte insolite senza essere una banale interpretazione”. Con queste parole...

Share This