Una giornata allo Zoo di Al Ain

da Feb 13, 2017City Guide, Lifestyle

TRENDING

‘We the UAE 2031’: continua la crescita vertiginosa degli Emirati Arabi

Giunge di martedì 22 novembre, l'annuncio da parte dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, relativo al lancio di "We the UAE 2031" vision. Il nuovo piano strategico, in linea con quello relativo all'anno 2021, individua gli obiettivi di governo per il prossimo...

Emirati Arabi Uniti, come tutto ebbe inizio

Beduini, mercanti e pirati. Perle, incenso e datteri. E poi il deserto e il mare, da sempre spettatori silenziosi di incursioni, antiche carovane e flotte di esploratori. Su queste terre, oggi conosciute come Emirati Arabi, è approdato Alessandro Magno, hanno...

Con “Farfalle”, ITACA porta a Dubai un pezzo del teatro italiano

Il 19 e 20 Novembre prossimi, ITACA – Italian Theatre And Culture Association- presenterà al pubblico italiano di Dubai “Farfalle”, una commedia noir vincitrice dei premi “Hystrio- Scritture di scena 2015” e “Mario Fratti Award 2016”. Lo spettacolo andrà in scena...

EAU: al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione

Al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione volto a tutelare cittadini ed espatriati impiegati nel settore privato e nei dipartimenti del governo in caso di perdita del lavoro. Il nuovo schema offrirà sostegno finanziario per la durata di tre mesi in...

“Catching up with the Far East”: la tavola rotonda sull’andamento dei mercati Asiatici

Si è conclusa nella mattinata di mercoledì 19 ottobre, la tavola rotonda dal titolo “Catching up with the Far East” organizzata ed ospitata dagli uffici Kelmer Group di Dubai. Una kermesse che ha visto imprenditori, esperti del settore e rappresentanti delle Camere di...

#maiunagioia: lo spettacolo tutto italiano va in scena a Dubai

Grande attesa per lo spettacolo teatrale  #maiunagioia ideato da Lamya Tawfik e Valentina Danubio, prossimamente in scena presso The Junction, Alserkal Avenue, il 28 ottobre e il 4 novembre 2022. Noi di Dubaitaly abbiamo intervistato Lamya e Valentina per saperne di...

Rivoluziona il tuo shopping con Restyle

Uno stile di vita, un movimento sociale ed individuale per gli amanti della moda, ma sensibili ed attenti all’impatto ambientale del consumismo di massa. Restyle nasce sull'impronta del mercatino dell’usato in perfetto stile italiano: pezzi unici, selezionati ed al...

Legge sul Copyright: quella degli EAU tra le più rigide al mondo

Il trattamento di dati, contenuti e proprietà intellettuale negli Emirati Arabi Uniti non va preso alla leggera. Il Paese dispone ad oggi di uno dei regolamenti copyright più rigidi al mondo. Questo, al duplice scopo di proteggere i diritti dei marchi internazionali...

Nuovo sistema visti di residenza in vigore dal 3 ottobre

Entra in vigore, a partire dal 3 ottobre, il nuovo sistema visti degli Emirati Arabi Uniti. Nel mese di aprile gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato importanti modifiche al sistema dei visti che entrerà in vigore da lunedì 3 ottobre. Come annunciato questa...

Intervista all’On. Enrico Nan, candidato per la circoscrizione Africa-Asia-Oceania-Antartide

“Maggiore rappresentanza per gli italiani all’estero per sentirsi più in Patria”. Da qui l’intento di ripristinare il Ministero degli Italiani all’Estero, già abolito dalla sinistra Prodiana. È questo l’obiettivo del programma dedicato alle comunità italiane nel Mondo...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Anche chi non si sente a proprio agio negli zoo, perché non ama vedere gli animali in gabbia, non può non rimanere affascinato dallo Zoo Safari di Al Ain. Si tratta del più grande habitat africano ricreato dall’uomo che sorge alle pendici di Jebel Hafeet e delle altre protuberanze rocciose che circondano Al Ain. Ospita piante tipiche e diverse varietà di animali, fra cui molti tipi di gazzelle e antilopi, giraffe, zebre, leoni, rinoceronti (questi ultimi sono schivi, non si fanno vedere quasi mai) e uccelli, in uno scenario molto naturale… sicuramente più autentico di quello da “campagna romana” del vecchio zoo safari di Fiumicino che si visitava quando ero bambina io, a bordo della propria automobile con i finestrini rigorosamente chiusi (la visita fondamentalmente consisteva, almeno nei miei ricordi, nell’aspettare che le scimmie impazzite decidessero di scendere dal cofano e dal tettuccio del veicolo, permettendo ai visitatori di muoversi e magari adocchiare le due povere leonesse che stavano sempre sdraiate a sbadigliare).

Il biglietto può essere acquistato direttamente allo zoo ma in questo caso si corre il rischio di non trovare posto. È meglio effettuare prima la prenotazione telefonica, lasciando nominativo, numero di telefono e quantità di partecipanti. Sono disponibili due opzioni: il giro nel pulmino decorato a tema, che sembra uscito da un film con Bud Spencer e Terence Hill, a 200 aed a persona bambini compresi (non sono ammessi bambini di età inferiore ai 5 anni) oppure nel SUV con autista/guida, per un totale di 1000 Aed e un massimo di sei posti a sedere. In questo ultimo caso è consentito portare i bambini più piccoli. Con il SUV è possibile avvicinarsi ai leoni, con il pulmino ci si accontenta di ammirarli un po’ più da lontano.

Arrivati allo zoo, è necessario acquistare i biglietti veri e propri al botteghino e recarsi presso la zona di attesa, un piccolo majlis all’aperto vicino alla zona dei fenicotteri rosa. Qui si viene raccolti dalla guida e accompagnati con la macchinetta elettrica fino al veicolo scelto. Noi abbiamo optato per il pulmino. Purtroppo e per fortuna nel nostro non funzionava l’aria condizionata, quindi abbiamo effettuato per intero il nostro percorso stando in piedi nella piattaforma aperta posteriore: non eravamo molti e tutti perfettamente in grado di sorreggerci alla balaustra; questo imprevisto, nonostante gli inevitabili sobbalzi, ci ha consentito un contatto molto più diretto e continuo con l’ambiente circostante e con gli animali.

Normalmente invece il percorso viene effettuato seduti all’interno, rigorosamente con le cinture di sicurezza perché il tragitto è dissestato, con qualche sosta nella quale ci si sposta temporaneamente sulla piattaforma esterna, per poi rientrare. Il giro dura un’oretta e la guida (local) illustra con passione in modo semplice e chiaro le caratteristiche delle piante e degli animali che si incontrano, la loro storia e l’eventuale modalità di reinserimento in natura, oltre al funzionamento dei cicli nutritivi all’interno dell’area protetta, il tutto condito con qualche aneddoto e battuta simpatica. Naturalmente il livello di approfondimento dipende anche dalle domande poste dai visitatori. Forniscono anche vaschette di carote da offrire alle zebre e alle giraffe che a volte si avvicinano per mangiare e lasciarsi accarezzare, per la gioia dei bambini (e non solo).

È possibile prenotare in diversi orari. Noi abbiamo scelto quello delle 4 del pomeriggio perché tradizionalmente è l’ora nella quale gli animali escono per mangiare e per bere. In effetti a un certo punto, nel vedere un gruppetto di gazzelle e zebre radunate intorno a uno dei vari laghetti, con qualche giraffa in lontananza, gli ibis, il leone sullo sfondo seduto a guardare l’orizzonte da una protuberanza del paesaggio, le rocce sabbiose, gli arbusti erbosi e la luce gialla del sole basso che si rifletteva sull’acqua, ci è quasi sembrato di essere davvero immersi in uno scenario reale e non all’interno di uno Zoo Safari creato dall’uomo.

Al momento stanno lavorando per introdurre anche gli elefanti, ma il rimboschimento necessario per garantire il nutrimento dei pachidermi richiede molto tempo. Si prevede che l’estensione aprirà verso la fine dell’anno o l’inizio del prossimo. A seguire, ci sarà anche una zona paludosa dedicata a coccodrilli e ippopotami.

Articoli correlati

Share This