75 anni da quel 2 giugno 1946

da Giu 1, 2021Culture, Highlights

TRENDING

Solarelli, la frutta italiana che piace in Medio Oriente

Chi è Apofruit Italia? Apofruit Italia è un gruppo ortofrutticolo cooperativo con un’esperienza di oltre 60 anni che opera con proprie strutture e soci produttori dal nord al sud dell’Italia e una presenza ormai consolidata sui mercati internazionali. 170 mila...

Travel blogger italiane a Dubai per il primo viaggio post-pandemia

Pronte a rilanciare il turismo dopo il lunghissimo stop imposto dalla pandemia, le travel blogger d'Italia fanno girare il mappamondo e puntano il dito sugli Emirati per il primo viaggio post-Covid19. Travel Blogger Italiane, l'unica community al femminile in Italia,...

La Casa del Libro di Sharjah, il luogo dei libri e delle menti aperte

Dalle linee rette e minimaliste, dagli spazi luminosi e la struttura armonica, la Casa del Libro di Sharjah si staglia nei pressi della città universitaria e trae ispirazione  dalla Grande Biblioteca di Baghdad, seppur rappresentandone un’interpretazione più moderna. ...

National Food Security Strategy: l’ambizioso obiettivo degli Emirati entro il 2051

“Vorrei rassicurare ogni cittadino e residente degli Emirati Arabi Uniti: il nostro Paese è capace di fornire a tutti il cibo e le medicine necessarie. Siamo più che preparati ad affrontare qualsiasi sfida si presenti.” Ha affermato Sua Altezza lo sceicco Mohammed Bin...

Sharjah celebra la connessione tra acqua, arte ed Islam

Fonte primaria di vita. Spesso purificatrice, ma anche capace di incontrollabile forza distruttiva. Nella tradizione musulmana l'acqua accompagna la vita dei credenti e, attraverso riti e pratiche quotidiane, ne scandisce i momenti più significativi, dalla nascita...

Investire nell’Immobiliare a Dubai: rischio o opportunità?

Il Mercato immobiliare di Dubai, negli ultimi anni, ha toccato vette altissime e baratri profondi. Ci sono connazionali che hanno fatto, letteralmente, fortuna, ma altri che ci hanno rimesso sensibilmente. Così, a pochi mesi dall’apertura del tanto atteso Expo, in un...

Intervento Ambasciatore Lener in occasione del 75mo anniversario della Festa della Repubblica

Your Excellency Sheikh Nayhan Al Mubarak Al Nayhan, Excellencies, dear colleagues and friends, It is with great pleasure and an even greater emotion that I take the floor to thank you for accepting the invitation to participate in the celebration of the 75th National...

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Descriverò solo l'esterno, perché dentro non l'ho vista. La chiamano Ayā Sūfiyā e dicono sia stata costruita dal figlio della zia di Salomone. Fornita di tredici porte e circondata da mura come una città, è una delle più grandi chiese bizantine, con un enorme portone...

75 anni da quel 2 giugno 1946

Criticata, bistrattata, a colte denigrata, ma pur sempre “Casa”, con un posto speciale nel cuore di ognuno di noi, che l’abbiamo dovuta o voluta lasciare. L’Italia è il Paese nel quale affondano le nostre radici ovunque ci troviamo nel mondo, quello al quale dobbiamo...

Teach for Italy: cambiare il futuro dell’Italia cambiando quello degli studenti 

Cento insegnanti trasformativi in cento scuole. È questo l’obiettivo della ONG italiana Teach For Italy che, da due anni e mezzo, trasforma i giovani più brillanti e talentuosi in insegnanti altamente specializzati destinati a cambiare le sorti degli studenti più...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Criticata, bistrattata, a colte denigrata, ma pur sempre “Casa”, con un posto speciale nel cuore di ognuno di noi, che l’abbiamo dovuta o voluta lasciare. L’Italia è il Paese nel quale affondano le nostre radici ovunque ci troviamo nel mondo, quello al quale dobbiamo la nostra cultura, a cui ripensiamo con nostalgia, nel quale torniamo in vacanza; quello della Famiglia e degli amici di sempre. È cibo, musica, arte, colori, tradizione, affetti, storia. 

Ed eccoci, dunque, a celebrare il nostro Paese nel giorno della nascita della sua Repubblica, a ricordare i nostri nonni e le nostre nonne che hanno votato per la democrazia.

“Come rappresentante dello Stato italiano e come cittadino, la Festa della Repubblica riveste grandissima importanza storica” sottolinea il Console Generale d’Italia a Dubai Giuseppe Finocchiaro.

“75 anni fa, il 2 giugno 1946, infatti, si tenne il referendum istituzionale con cui gli italiani, dopo lunghi anni di lacerante guerra e di regime fascista, votarono per la nascita della Repubblica italiana basata su una nuova Costituzione. Mi fa piacere evidenziare che si trattò anche della prima votazione a suffragio universale, che coinvolse tutti i cittadini e tutte le cittadine che avevano raggiunto la maggiore età. La nuova Carta Costituzionale, che entrò in vigore il 1° gennaio del 1948, segnò la rinascita del nostro Paese e della stessa identità nazionale italiana sulla base di quei valori di libertà, democrazia, uguaglianza, solidarietà e coesistenza pacifica tra i popoli, che hanno garantito all’Italia un lungo periodo di pace e sviluppo. 

Per questo la considero una ricorrenza cruciale per tutti noi, di grande valenza simbolica in questi tempi difficili. 

A fronte delle serie ripercussioni economiche e sociali causate dalla pandemia da Covid-19 nel nostro Paese, così come nel resto del mondo, la Festa della Repubblica ci ricorda che noi italiani abbiamo le qualità e la forza d’animo per riuscire a superare anche questa nuova sfida, così come ricostruimmo il Paese più di settant’anni fa. L’intraprendente comunità italiana a Dubai, costituita da professionisti in svariati campi, è testimone quotidiano di queste qualità del nostro popolo”. 

Le celebrazioni di questa ricorrenza sono da sempre molto sentite nella comunità italiana negli Emirati Arabi Uniti, tanto che Ambasciata e Consolato Generale hanno sempre organizzato delle feste alle quali gran parte degli italiani ambivano partecipare. E’ sempre stata un’occasione molto felice di ritrovo, della quale, purtroppo, anche quest’anno si sentirà la mancanza: “questa è la prima Festa della Repubblica in qualità di Console Generale a Dubai – continua il Console Finocchiaro –  e mi rincresce non aver potuto organizzare il consueto evento di celebrazione del 2 giugno con la comunità italiana. Tuttavia, la sicurezza di tutti noi deve rimanere la nostra priorità assoluta. Come lo scorso anno, il Consolato Generale ha dovuto prendere tale decisione al fine di tutelare la salute della comunità italiana e locale e in osservanza delle norme locali mirate alla stessa. Vorrei cogliere l’occasione per esprimere tutta la mia ammirazione e apprezzamento per le politiche di tutela della salute pubblica attuate dalle Autorità locali. 

Auguro a tutte le connazionali ed a tutti i connazionali residenti nella circoscrizione del Consolato Generale d’Italia a Dubai una buona Festa della Repubblica, nella speranza di poterla celebrare insieme il prossimo anno!

Articoli correlati

Share This