Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

da Lug 15, 2021Culture, Highlights

TRENDING

Cinque porzioni di ortofrutta per una vita longeva? Arriva la conferma di Harvard

Non è solo un detto: consumare cinque porzioni tra frutta e verdura ogni giorno fa veramente bene al nostro corpo. Non tutta l’ortofrutta è uguale e non basta questo per lavarsi la coscienza da altri vizi, certo è però che consumare con costanza cinque porzioni...

Investimenti immobiliari a Dubai: Missoni firma un nuovo grattacielo a Business Bay

ll mercato immobiliare di Dubai si conferma più che mai attivo ed in fibrillazione. E’ stata da poco lanciata una nuova torre residenziale brandizzata Missoni, noto marchio dell’alta moda italiana.   Se volete Investire in immobili a Dubai e cercate qualcosa di...

Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata [...] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo...

Italy Muslim Friendly da il via all’internazionalizzazione delle imprese calabresi in Medio Oriente

Nasce in Calabria l'Italy Muslim Friendly, il percorso di ricerca scientifica sull’internazionalizzazione delle imprese calabresi nei mercati arabi-musulmani e di collaborazione, studio e formazione per giovani laureati calabresi e al loro affiancamento alle tante...

Alimentazione in estate: come gestire la dieta per combattere il caldo?

Ormai tutti sappiamo che la dieta può aiutarci in davvero tante cose. Sappiamo del suo potenziale nella cura delle patologie, del suo potere in ambito di prevenzione per altre e dell’aiuto che può dare nella terapia farmacologica in altrettante. Ma oltre al benessere...

Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l'opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all'interno della società araba. Sono questi...

L’ascesa di Dubai: il villaggio di pescatori divenuto impero commerciale del Golfo

Molto prima di trasformarsi nella “Manhattan d’oriente” e prima ancora di divenire il frutto della visione di un solo uomo, prima del petrolio e di essere definita dallo stesso Sceicco “Dubai ink”, la città emiratina era un piccolo insediamento di case arish e...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba al tramonto. Cade il nono giorno di Dhu al-Hijjah, dodicesimo e ultimo mese del calendario islamico. Un mese particolarmente sacro per i musulmani perché è quello durante il quale si svolge il Ḥajj, il pellegrinaggio.

Dhu al-Hijjah, difatti, significa letteralmente “Possessore del pellegrinaggio” o “Il mese del pellegrinaggio” periodo in cui i pellegrini musulmani di tutto il mondo si radunano alla Mecca per visitare la gigante struttura granitica posta all’interno della moschea al-Bayt al Ma’mur, la Kaaba.

“Ogni minuto di ogni giorno c’è sempre qualcuno che cammina intorno alla Kaaba. “

Edificata al tempo di Adamo ed Eva, la Kaaba rappresentava il primo luogo di culto dedicato all’unico Dio. Fu distrutta durante il Diluvio Universale per poi essere ricostruita da Abramo e suo figlio Ismaele. Nei secoli successivi, ai tempi degli Arabi pagani, alla Kaaba ci si rivolgeva per venerare plurime divinità. È solo nel 630 d.c. che con la conquista della Mecca da parte di Maometto la Kaaba tornò alla sua originale natura monoteistica divenendo il luogo di culto a cui oggi un miliardo di musulmani rivolge le proprie preghiere.

La festività dell’Arafah inizia all’alba, quando milioni di pellegrini si incamminano verso la Mecca. Proprio a venti chilometri da questa sorge il Monte Arafah, luogo in cui Maometto, secondo la tradizione islamica, pronunciò il sermone d’addio circondato dai suoi compagni musulmani e quello in cui, prima ancora, Adamo ed Eva si incontrarono.

L’Arafah è il giorno della gratitudine, il giorno del perdono e delle ricompense, del pentimento e della devozione e  precede la grande festa dell’Eid al Adha, la festa del sacrificio, osservata per celebrare la volontà di Abramo di sacrificare suo figlio Ismaele come atto di obbedienza al comando di Dio. Questo, differentemente da quanto accade nelle religioni ebraica e cristiana secondo le quali fu il figlio Isacco ad essere sacrificato.

Il sacrificio del figlio Ismaele continuava ad apparire in sogno ad Ibrahim il quale sapeva che in quel terribile incubo era celata, in realtà, la volontà di Dio. Fu lo stesso Ismaele rivolgendosi a suo padre a dire: “Fai ciò che ti è stato ordinato di fare.” Riconoscendo che Abramo era disposto a sacrificare ciò che egli aveva di più caro, Dio ne onorò il coraggio ed offrì all’uomo di fede un agnello da sacrificare al posto di Ismaele. I musulmani di tutto il mondo sacrificano da sempre nel giorno di Eid al Adha un animale, un terzo della cui carne viene consumato dalla famiglia che offre il sacrificio mentre il resto viene distribuito ai più bisognosi.

Eid al Adha diviene così l’occasione per commemorare la devozione di Abramo e la sopravvivenza di suo figlio, ma porta con sé anche un messaggio di benevolenza ed uguaglianza, di rinuncia a ciò che si ha di più caro per abbracciare un “bene” più grande.

Per questo motivo, nonostante la tradizione coranica faccia riferimento all’uccisione di un animale come offerta sacrificale, tale rinuncia può anche essere rappresentata dal denaro, o dal proprio tempo, per dedicarne parte alla comunità. Come riportato dal Corano, non è il sangue o la carne a raggiungere Dio, ma un gesto d’amore.

Articoli correlati

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Share This