Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

da Lug 15, 2021Culture, Highlights

TRENDING

Il lusso italiano conquista il mercato immobiliare di Dubai

Il mercato immobiliare di Dubai sta attraversando un periodo di forte crescita, ben al di sopra le aspettative degli analisti. Nel 2021, l’Emirato ha registrato vendite totali pari a circa 23 miliardi di euro. Ma è nel lusso che Dubai spadroneggia. Nel primo...

A Dubai quinoa, salicornia e altri superfood si coltivano nel deserto

L’aumento delle temperature e gli eventi meteorologici estremi provocati dai cambiamenti climatici in corso stanno mettendo sempre più in difficoltà l’agricoltura e interrompono sempre più spesso la catena di fornitura del cibo. Eppure la popolazione mondiale è...

Non esiste solo Expo: l’Italia guarda al futuro energetico a WETEX Dubai

Con l’apertura di Expo Dubai, l’attenzione mediatica si è riversata completamente sul mega evento che intratterrà residenti e turisti per i prossimi 6 mesi. Ma se c’è una cosa che non rientra nella mentalità vincente degli Emirati Arabi è quella di attendere la fine...

Imprigionate nel loro corpo, destinate a una disabilità totale. Ma le cose potrebbero cambiare… Ottobre è il mese della consapevolezza sulla Sindrome di Rett

I bambini con disabilità o bisogni speciali sono, prima di tutto, comunque bambini! Ai vostri figli non dite “non guardare”, ma “fagli un sorriso” o “vuoi salutarlo?” Un sorriso o un saluto possono significare enormemente più di quanto non crediate! (Benedetta Pasero)...

Carrefour City+: a Dubai il primo negozio senza casse del Medio Oriente

Dopo gli Stati Uniti, l’Europa e l’Asia, anche Dubai ha ora il suo primo supermercato senza casse. Inaugurato il 6 settembre 2021, il nuovo Carrefour City+ compatto e high-tech ha aperto all’interno di uno dei principali centri commerciali di Dubai, il Mall of the...

Davide Rampello e la bellezza che unisce: dalla Grecia antica ad Expo2020

Connecting minds, il tema lanciato da Expo 2020, sfida riflessioni ed interpretazioni: cosa, a dispetto delle differenze etniche, culturali, sociali e di genere lega ed avvicina? Cosa è che ci annoda gli uni agli altri seppur separati da distanze e confini?  Popoli e...

Tra connettività e trasporti, l’Italia costruisce un ponte solido con Expo 2020

Ci siamo. Finalmente siamo giunti alla tanto attesa apertura di Expo 2020 Dubai. Nelle settimane precedenti vi abbiamo raccontato di come l’Italia si stesse preparando a questo appuntamento di importanza mondiale attraverso le storie di alcune delle imprese italiane...

Expo Dubai: inaugurato il Padiglione Italia. Regione Lazio tra i protagonisti

Grande successo per l’inaugurazione del Padiglione Italia all’Expo di Dubai: “il padiglione più visitato durante la prima giornata di questa Esposizione Universale” ha specificato il Commissario Straordinario Paolo Glisenti. Una superficie di 3500 metri quadri per 27...

I Padiglioni di Expo2020 in pillole alla preapertura della Fiera mondiale

Da diverso tempo a questa parte ne abbiamo sentito parlare quotidianamente, ne abbiamo seguito i passi e sbirciato le foto.  Ora, in attesa dell’apertura ufficiale Expo 2020 ha avviato la fase di rodaggio effettuando, con preaperture al pubblico, i test di routine per...

NYU Abu Dhabi: “l’università del futuro” festeggia un decennio di eccellenza

Se si tratta di eccellenze nel mondo Arabo non si può non parlare di NYU Abu Dhabi (NYUAD). Nel giro di 10 anni, questa università fondata con il benestare di sua altezza reale Khalifa Al Nahyan, è riuscita a diventare una delle più prestigiose e selettive al mondo....
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba al tramonto. Cade il nono giorno di Dhu al-Hijjah, dodicesimo e ultimo mese del calendario islamico. Un mese particolarmente sacro per i musulmani perché è quello durante il quale si svolge il Ḥajj, il pellegrinaggio.

Dhu al-Hijjah, difatti, significa letteralmente “Possessore del pellegrinaggio” o “Il mese del pellegrinaggio” periodo in cui i pellegrini musulmani di tutto il mondo si radunano alla Mecca per visitare la gigante struttura granitica posta all’interno della moschea al-Bayt al Ma’mur, la Kaaba.

“Ogni minuto di ogni giorno c’è sempre qualcuno che cammina intorno alla Kaaba. “

Edificata al tempo di Adamo ed Eva, la Kaaba rappresentava il primo luogo di culto dedicato all’unico Dio. Fu distrutta durante il Diluvio Universale per poi essere ricostruita da Abramo e suo figlio Ismaele. Nei secoli successivi, ai tempi degli Arabi pagani, alla Kaaba ci si rivolgeva per venerare plurime divinità. È solo nel 630 d.c. che con la conquista della Mecca da parte di Maometto la Kaaba tornò alla sua originale natura monoteistica divenendo il luogo di culto a cui oggi un miliardo di musulmani rivolge le proprie preghiere.

La festività dell’Arafah inizia all’alba, quando milioni di pellegrini si incamminano verso la Mecca. Proprio a venti chilometri da questa sorge il Monte Arafah, luogo in cui Maometto, secondo la tradizione islamica, pronunciò il sermone d’addio circondato dai suoi compagni musulmani e quello in cui, prima ancora, Adamo ed Eva si incontrarono.

L’Arafah è il giorno della gratitudine, il giorno del perdono e delle ricompense, del pentimento e della devozione e  precede la grande festa dell’Eid al Adha, la festa del sacrificio, osservata per celebrare la volontà di Abramo di sacrificare suo figlio Ismaele come atto di obbedienza al comando di Dio. Questo, differentemente da quanto accade nelle religioni ebraica e cristiana secondo le quali fu il figlio Isacco ad essere sacrificato.

Il sacrificio del figlio Ismaele continuava ad apparire in sogno ad Ibrahim il quale sapeva che in quel terribile incubo era celata, in realtà, la volontà di Dio. Fu lo stesso Ismaele rivolgendosi a suo padre a dire: “Fai ciò che ti è stato ordinato di fare.” Riconoscendo che Abramo era disposto a sacrificare ciò che egli aveva di più caro, Dio ne onorò il coraggio ed offrì all’uomo di fede un agnello da sacrificare al posto di Ismaele. I musulmani di tutto il mondo sacrificano da sempre nel giorno di Eid al Adha un animale, un terzo della cui carne viene consumato dalla famiglia che offre il sacrificio mentre il resto viene distribuito ai più bisognosi.

Eid al Adha diviene così l’occasione per commemorare la devozione di Abramo e la sopravvivenza di suo figlio, ma porta con sé anche un messaggio di benevolenza ed uguaglianza, di rinuncia a ciò che si ha di più caro per abbracciare un “bene” più grande.

Per questo motivo, nonostante la tradizione coranica faccia riferimento all’uccisione di un animale come offerta sacrificale, tale rinuncia può anche essere rappresentata dal denaro, o dal proprio tempo, per dedicarne parte alla comunità. Come riportato dal Corano, non è il sangue o la carne a raggiungere Dio, ma un gesto d’amore.

Articoli correlati

Share This