Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

da Lug 8, 2021Culture, Lifestyle, News

TRENDING

Cinque porzioni di ortofrutta per una vita longeva? Arriva la conferma di Harvard

Non è solo un detto: consumare cinque porzioni tra frutta e verdura ogni giorno fa veramente bene al nostro corpo. Non tutta l’ortofrutta è uguale e non basta questo per lavarsi la coscienza da altri vizi, certo è però che consumare con costanza cinque porzioni...

Investimenti immobiliari a Dubai: Missoni firma un nuovo grattacielo a Business Bay

ll mercato immobiliare di Dubai si conferma più che mai attivo ed in fibrillazione. E’ stata da poco lanciata una nuova torre residenziale brandizzata Missoni, noto marchio dell’alta moda italiana.   Se volete Investire in immobili a Dubai e cercate qualcosa di...

Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata [...] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo...

Italy Muslim Friendly da il via all’internazionalizzazione delle imprese calabresi in Medio Oriente

Nasce in Calabria l'Italy Muslim Friendly, il percorso di ricerca scientifica sull’internazionalizzazione delle imprese calabresi nei mercati arabi-musulmani e di collaborazione, studio e formazione per giovani laureati calabresi e al loro affiancamento alle tante...

Alimentazione in estate: come gestire la dieta per combattere il caldo?

Ormai tutti sappiamo che la dieta può aiutarci in davvero tante cose. Sappiamo del suo potenziale nella cura delle patologie, del suo potere in ambito di prevenzione per altre e dell’aiuto che può dare nella terapia farmacologica in altrettante. Ma oltre al benessere...

Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l'opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all'interno della società araba. Sono questi...

L’ascesa di Dubai: il villaggio di pescatori divenuto impero commerciale del Golfo

Molto prima di trasformarsi nella “Manhattan d’oriente” e prima ancora di divenire il frutto della visione di un solo uomo, prima del petrolio e di essere definita dallo stesso Sceicco “Dubai ink”, la città emiratina era un piccolo insediamento di case arish e...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l’opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all’interno della società araba. Sono questi gli obiettivi del Fatima bint Mubarak Women, Centro di Eccellenza per la Pace e la Sicurezza creato da Sua Altezza Sheikha Fatima bint Mubarak, già Presidente dell’Unione Generale delle Donne (GWU), del Consiglio Supremo per la Maternità e l’Infanzia e della Fondazione per lo Sviluppo della Famiglia (DFF).

La nascita del centro evidenzia l’impegno ed il sostegno degli Emirati Arabi Uniti alla partecipazione attiva delle donne in un contesto pacifico e sicuro. Il lancio della struttura, inoltre, risulta in linea con gli obiettivi della Sheikha Fatima bint Mubarak Women, Peace and Security Initiative, un progetto congiunto con la General Women’s Union, con il supporto tecnico di UN Women.

È proprio in quest’ottica che l’iniziativa rappresenta un’opportunità e un modello significativo per consolidare la cooperazione internazionale nella promozione del ruolo delle donne all’interno della società araba e per rafforzare le capacità delle autorità competenti nel sostenerne la partecipazione a posizioni di leadership e in più in generale, nel mercato del lavoro. Gli Emirati Arabi riflettono cosi un modello pioneristico nel supportare la piena, equa ed effettiva partecipazione delle donne in un tutti i campi dello sviluppo del Paese, agevolando la concretizzazione delle loro aspirazioni. 

Sua Altezza lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti proseguono, così, nel viaggio iniziato dal defunto sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, diretto a fornire supporto all’ emancipazione femminile nel Paese, elemento chiave per lo sviluppo ed il raggiungimento degli obbiettivi nazionali futuri, in quanto da sempre figure di spicco nelle storie di successo degli Emirati ed ispiratrici in vari settori. 

Noura Al Suwaidi, Segretario Generale dell’Unione Generale delle Donne, ha aggiunto che il Centro Sheikha Fatima bint Mubarak Women, Peace and Security Initiative, lanciato in collaborazione con l’UN Women Liaison Office per il GCC, si basa sul più ampio sforzo di raggiungere gli obiettivi strategici della risoluzione 1325 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 31 ottobre del 2000. 

La risoluzione riafferma l’importante ruolo delle donne nella prevenzione e risoluzione dei conflitti, nei negoziati e nel mantenimento della pace, nella risposta umanitaria e nella ricostruzione postbellica e sottolinea l’importanza della loro pari partecipazione e del pieno coinvolgimento. La stessa invita, inoltre, eventuali parti in conflitto ad adottare misure speciali per proteggere le donne e le ragazze dalla violenza di genere. 

Alla luce di quanto indicato dalle Nazioni Unite in materia, il Centro si prefigge di fornire il supporto operativo necessario per sostenere l’uguaglianza di genere, coordinando l’attività degli altri organi competenti, come l’Unione Generale delle Donne, il Ministero della Difesa e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. 

Il Centro sarà ospitato all’interno del complesso della General Women’s Union ad Abu Dhabi ed offrirà una serie di corsi di formazione; i cui partecipanti prenderanno parte a presentazioni, attività interattive e discussioni di gruppo. 

Articoli correlati

Share This