I Musulmani di tutto il mondo celebrano Eid al Fitr

da Apr 28, 2022Culture, Highlights

TRENDING

L’Eredità di Expo 2020 Dubai alla sesta edizione di Travel Hashstag

Si è conclusa nella serata di domenica 8 maggio la sesta edizione del Travel Hashtag, l'evento internazionale nell'ambito della Travel&Tourism Industry, organizzata a Dubai dal tour operator Tourmeon e declinatasi in un panel discussion che ha visto protagonisti...

Visto di residenza a Dubai: tutto quello che devi sapere

Come è risaputo, gli Emirati Arabi Uniti utilizzano un sistema di visti per consentire ai cittadini stranieri di vivere e lavorare nel Paese. Un sistema, questo, in continuo aggiornamento. Proprio nel mese di Aprile, il Gabinetto degli Emirati Arabi Uniti ha...

Alla scoperta di QE2, antica regina del mare

È il 26 novembre del 2008 quando la regina dei mari Queen Elisabeth II lascia il molo di Southampton in direzione Port Rashid, nel Golfo Persico, per quello che sarebbe stato il suo ultimo impiego per mare. Conclusa la traversata, la bandiera di Cunard House viene...

La cucina sublime di Enrico Derfingher al Bella Restaurant di Dubai

Il  super chef Enrico Derfingher ci ha condotto per mano nella magnifica serata del 26 febbraio "oltre Expo Dubai: il futuro delle eccellenze italiane negli Emirati Arabia Uniti":  "É stato un grandissimo successo – commenta  Derflingher– Oltre cento persone riunite...

L’antica arte della falconeria negli Emirati Arabi Uniti

L'antica arte della falconeria, profondamente radicata nella cultura degli Emirati Arabi Uniti, ha una storia lunga 4000 anni... “Yalla!”, grida il primo falconiere, e in una frazione di secondo due ali si dispiegano con vigore verso il cielo per dare inizio...

Il brand “Made in Marche” approda a Dubai

Il brand “Made in Marche” approda a Dubai e fa mostra delle proprie eccellenze presso lo showroom ‘Artisan Emotion’, inaugurato venerdì 25 febbraio alla presenza del Console d’Italia, Giuseppe Finocchiaro.  A testimoniare la produttività del territorio, otto imprese e...

Il patrimonio culturale della Lombardia in mostra a Dubai

Era il 1979 e l’Unesco riconosceva le incisioni rupestri della Valle Camonica patrimonio dell’umanità. A quarant’anni di distanza i siti lombardi riconosciuti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite ammontano a più di venti e raggiungono il palco internazionale più...

La campagna a sostegno del Made in Italy: BeIT approda negli Emirati

Il luogo della passione e della creatività, della tradizione unita all’innovazione, della diversità, dello stile e del green. È così che l’Italia intende raccontarsi al mondo attraverso la campagna di comunicazione internazionale a sostegno del Made in Italy lanciata...

Investire a Dubai: l’opinione di Daniele Pescara

Conviene ancora investire a Dubai nel 2022? Ne parliamo con Daniele Pescara, CEO di Falcon Advice, che vive stabilmente nell’Emirato di Dubai e che ha deciso di ampliare la sua attività con l’apertura di nuovi uffici per la sua selezionata clientela italiana.  Perché...

Il sistema economico del Veneto a Dubai per promuovere la regione: la missione di Venicepromex

Il sistema economico del Veneto, rappresentato da  Venicepromex, protagonista a Dubai per la missione che rientra nel programma promozionale condiviso tra la Camera di Commercio del Veneto e Regione del Veneto. Un fitto programma di incontri quello che ha coinvolto la...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Sul cielo compare la luna nuova e le città del Medioriente, del Sud Est asiatico e del continente africano sembrano lentamente risvegliarsi dal torpore del mese di preghiere, devozione ed autocontrollo che segnano da secoli il periodo di Ramadan. 

È l’alba del primo giorno di Shawal, il nono mese del calendario lunare.

Pur se regolata in base ai cicli lunari e dunque variabile da Paese a Paese a seconda del posizionamento geografico di ognuno di essi, la festività di Eid Al Fitr rimane tra le più sentite dalla comunità musulmana di tutto il mondo perché scandita dalla celebrazione dei sacri doveri e dalla rottura del severo digiuno osservato per tutti i trenta giorni precedenti.

Nella gerarchia dei momenti più importanti della vita religiosa di un musulmano Eid al Fitr è seconda soltanto all’Eid al-Adha, la “festa del sacrificio” che pone fine all’Hajj, il pellegrinaggio a La Mecca che ogni fedele deve compiere almeno una volta nella vita.

Ma quali tradizioni scandiscono la giornata del festeggiamento?

La celebrazione di fine digiuno inizia con la preghiera Salat al-Fajr e solo dopo le funzioni, svolte sia in casa che nelle moschee, ci si organizza per trascorrere il pranzo in famiglia. Questo pasto, in particolare, è di ampia valenza rituale proprio perchè è il primo dopo il mese di digiuno osservato nelle ore diurne. Ed ecco quindi che, in molti Paesi, si banchetta con il tipico Maamoul, dolce tradizionale della cucina araba composto da pasta frolla farcita di fichi o frutta secca, pistacchi o mandorle. 

In occasione del giorno di rottura del digiuno le tavole saudite e irachene vengono imbandite di datteri, frutti prediletti soprattuto per il Suhoor, lo spuntino che precede l’inizio del digiuno, ma anche di Bint al Sahn, la tipica torta al miele, e di Kleicha, biscotti al gusto di rosa dal ripieno di noci, mentre nelle cucine turche si preparano baklava, pasticcini e biscotti ripieni.

Oltre alle tradizioni universali tipiche delle giornate di Eid, ce ne sono anche di più bizzarre. 

In Afghanistan il momento clou delle celebrazioni è rappresentato dai combattimenti con le uova: dopo averne acquistate in gran numero, ognuno le farà bollire e le dipingerà per poter poi partecipare ad un noto gioco popolare, il Tokhm-Jang, il cui obiettivo è rompere l’uovo dell’avversario mantenendo il proprio intatto.

Eid al Fitr è dunque la festa della condivisione e della convivialità ed è con questo spirito che in Malesia si usa lasciare le porte delle proprie case aperte per accogliere chiunque avesse bisogno di un pasto, rigorosamente a base di gnocchi di riso e Rendang, o chi fosse semplicemente in cerca di compagnia. 

In Indonesia il giorno della rottura definitiva del digiuno, localmente conosciuto come Lebaran, è ritenuto tra le feste più sentite e viene celebrato attraverso la tradizione del “Mudik”, il ritorno a casa di coloro che hanno lasciato il proprio paese d’origine per lavorare nelle grandi città.

Non solo tavole imbandite quindi, ma tante altre sono tradizioni tipiche delle tre giornate di Eid tra cui quella di andare a fare visita ai defunti dopo la preghiera del mattino o di donare denaro in beneficenza in modo che anche le famiglie meno fortunate possano godersi i festeggiamenti. 

Qualunque sia l’usanza praticata e dovunque si festeggi, l’augurio rivolto agli amici ed ai propri cari sarà sicuramente quello di ’”Eid Mubarak!“, “benedetto Eid!”.

Articoli correlati

Share This