La Casa del Libro di Sharjah, il luogo dei libri e delle menti aperte

da Giu 16, 2021City Guide, Culture

TRENDING

Cinque porzioni di ortofrutta per una vita longeva? Arriva la conferma di Harvard

Non è solo un detto: consumare cinque porzioni tra frutta e verdura ogni giorno fa veramente bene al nostro corpo. Non tutta l’ortofrutta è uguale e non basta questo per lavarsi la coscienza da altri vizi, certo è però che consumare con costanza cinque porzioni...

Investimenti immobiliari a Dubai: Missoni firma un nuovo grattacielo a Business Bay

ll mercato immobiliare di Dubai si conferma più che mai attivo ed in fibrillazione. E’ stata da poco lanciata una nuova torre residenziale brandizzata Missoni, noto marchio dell’alta moda italiana.   Se volete Investire in immobili a Dubai e cercate qualcosa di...

Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata [...] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo...

Italy Muslim Friendly da il via all’internazionalizzazione delle imprese calabresi in Medio Oriente

Nasce in Calabria l'Italy Muslim Friendly, il percorso di ricerca scientifica sull’internazionalizzazione delle imprese calabresi nei mercati arabi-musulmani e di collaborazione, studio e formazione per giovani laureati calabresi e al loro affiancamento alle tante...

Alimentazione in estate: come gestire la dieta per combattere il caldo?

Ormai tutti sappiamo che la dieta può aiutarci in davvero tante cose. Sappiamo del suo potenziale nella cura delle patologie, del suo potere in ambito di prevenzione per altre e dell’aiuto che può dare nella terapia farmacologica in altrettante. Ma oltre al benessere...

Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l'opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all'interno della società araba. Sono questi...

L’ascesa di Dubai: il villaggio di pescatori divenuto impero commerciale del Golfo

Molto prima di trasformarsi nella “Manhattan d’oriente” e prima ancora di divenire il frutto della visione di un solo uomo, prima del petrolio e di essere definita dallo stesso Sceicco “Dubai ink”, la città emiratina era un piccolo insediamento di case arish e...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Dalle linee rette e minimaliste, dagli spazi luminosi e la struttura armonica, la Casa del Libro di Sharjah si staglia nei pressi della città universitaria e trae ispirazione  dalla Grande Biblioteca di Baghdad, seppur rappresentandone un’interpretazione più moderna. 

L’House of Wisdom di Baghdad fu una vera e propria accademia pubblica risalente al periodo del regno abbaside, noto per aver dato slancio all’età dell’oro islamica. Presso la Casa della Sapienza si traducevano opere dal greco e dal siriaco in arabo ed un gran flusso di intellettuali e uomini dotti provenienti dall’Europa e dal Medio Oriente ne frequentava la ricchissima biblioteca. Nel 1258, tuttavia, il primo istituto culturale islamico del mondo medievale, luogo di gloria e fioritura letteraria, cadde vittima della ferocia mongola la cui tempesta incendiaria  non risparmiò nessuna delle biblioteche della città. Si narra, infatti, che durante i giorni dell’assedio guidato dal Khan Hulagu le acque del fiume Tigri scorressero nere d’inchiostro. 

È sull’impronta del lascito culturale dell’accademia di Baghdad che nasce la House of Wisdom di Sharjah. L’iconica meraviglia architettonica, la cui struttura richiama le dune del deserto, si inserisce in un paesaggio lussureggiante grazie ai giardini di rara bellezza e alle fontane perimetrali al viale d’ingresso. Il cortile coperto per protezione dai raggi solari, custodisce le diverse facciate dell’edificio ed ampie vetrate creano incredibili spettacoli di luce nelle sale interne. Il paesaggio che circonda la House of Wisdom è diviso in due sezioni: il South Garden che ospita il giardino giapponese, il North Garden, arricchito da una piscina ed un gran numero di piante grasse. Nel mezzo una scultura a spirale si snoda verso il cielo: un rimando agli antichi rotoli arabi utilizzati nella scrittura e nelle traduzioni. 

Progettata da Foster and Partners e sviluppata dalla Sharjah Investment and Development Authority, la House of Wisdom si estende su 12.000 metri quadrati. 

Le origini della stupefacente biblioteca risalgono al 23 aprile 1996 quando per volontà dell’UNESCO venne istituita la Giornata mondiale del Libro. La scelta di questa data non è stata lasciata al caso, ma fu individuata in ricordo di tre illustri scrittori, Miguel de Cervantes, William Shakespeare e El Inca Garcilaso de la Vega venuti a mancare proprio il 23 aprile 1616. In occasione della Giornata mondiale del libro, Sharjah riceve il premio “World Book Capital 2019” divenendo la prima città nella regione del Golfo e terza città nel mondo arabo a ricevere il titolo di Capitale mondiale del libro dall’UNESCO. Il premio rappresenta un riconoscimento all’attività di promozione della cultura perseguita dall’emirato, anche grazie all’ideazione della Fiera del libro nata nel 1982 ed ora evento letterario più importante del mondo arabo. Solo l’edizione del 2018 ha visto la partecipazione di  77 paesi e 2,23 milioni di visitatori che hanno avuto accesso a 20 milioni di libri.

La casa del libro di Sharjah rappresenta più di una semplice casa per i libri. È un luogo di idee da creare e scambiare tra persone e culture. Una casa per dilettanti e professionisti, un’oasi per la comunità locale e meta imperdibile per gli stranieri, un modello per future biblioteche, in cui poter accedere a fonti di conoscenza tradizionali e digitali.  

A riassumere tutto questo in poche parole è lo stesso slogan della capitale del libro emiratina: Open books open minds, libri aperti, menti aperte.

Articoli correlati

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Share This