Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

da Lug 28, 2021Culture

TRENDING

Aggiornamenti requisiti d’ingresso nell’Emirato di Abu Dhabi

Ai  residenti degli Emirati Arabi Uniti è ora richiesta la vaccinazione completa che comprende, quindi, anche la dose booster. Per poter entrare nell’Emirato di Abu Dhabi senza la dose booster è richiesto un test PCR di 96 ore. La norma, entrata in vigore all'inizio...

Emirati Arabi Uniti: le regole di ingresso nel Paese

Ultimi aggiornamenti sulle regole di viaggio negli Emirati. Dall'inizio della pandemia, i paesi hanno cambiato le regole di ingresso su base quasi mensile, il che significa doversi aggiornare costantemente su ciò che è loro richiesto in viaggio. Quali sono ora le...

Un 4×4 alla scoperta dell’Oman

Dimenticate i vertiginosi grattacieli di Dubai, le luci che trasformano la notte in pieno giorno, l'architettura avanguardistica, le spianate deserte ed armatevi di un 4x4 perchè l’Oman nasconde le sue perle più belle tra strade sterrate e di montagna.  Quasi alla...

L’Italia negli Emirati: tra la Giornata Nazionale degli EAU ed Expo 2020 Dubai

C’è aria di festa per le strade di Dubai, la città si è tinta un pò ovunque dei colori della bandiera emiratina, gigantografie della famiglia reale si affacciano sparse sulla Sheikh Zayed, l’arteria principale della città e si avverte nell’aria: gli Emirati come di...

A Napoli si discute di Internazionalizzazione: l’iniziativa di Banca Generali

Su iniziativa di Banca Generali nasce, lo scorso 5 novembre, “Ripensiamo il futuro: l'internazionalizzazione delle imprese italiane” il panel rivolto a realtà imprenditoriali italiane interessate ad espandere il proprio business all’estero. L’incontro, svoltosi a...

Italian Choice Sailing Team: un’unione che nasce dal mare

Quale elemento accomuna due paesi lontani e diversi come l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti? Il mare. Un elemento primordiale, dal quale ci siamo evoluti, che abbiamo imparato a rispettare e navigare, sfidandone le onde.  Difatti, nonostante i due Paesi conservino...

Apertura, dialogo e cooperazione al Global Interfaith Summit di Dubai

C’é un filo rosso che unisce l’Accordo sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi del 2019, il G20 italiano ed il Global Interfaith Summit, come tappe di un percorso portato avanti dalla diplomazia istituzionale, così come quella religiosa, e che punta a costruire ponti che...

Quarta edizione del Global Manufacturing & Industrialization Summit: La giornata dedicata all’Italia

Identificare soluzioni a problemi globali, promuovere e incoraggiare uno sviluppo industriale inclusivo e sostenibile, trasformare la produzione attraverso l’impiego della tecnologia come strumento per la collaborazione globale al fine di incoraggiare maggiori...

Innovation House apre al mondo le porte della Lombardia produttiva e all’unicità delle proprie imprese

Un ecosistema fertile, una foriera di opportunità, una vetrina mondiale, un laboratorio di idee e innovazione. Si presenta così Innovation House, il progetto ideato dalla Fondazione Politecnico di Milano, insieme al Politecnico di Milano ed alla Regione Lombardia. ...

È italiano il ‘Best Dress’ del World Fashion Festival Awards di Dubai

Lo scollo ad archi ovali di richiamo alle porte arabe riprodotti sulla gonna dalla circonferenza di sei metri, interamente  dipinta a mano e la texture che ricorda il logo di Expo, sono questi i dettagli del Best Dress del World Fashion Festival Awards di Dubai,...
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata […] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo cielo”

È così che ne “Alla ricerca del tempo perduto” Marcel Proust descriveva la Cappella degli Scrovegni.

A Padova, tutt’oggi, si respira un’aria rinascimentale, come se la città si fosse fermata all’epoca del suo massimo fervore artistico. Non a caso l’Urbs picta fece da giuntura tra la scure medievale e la magnifica rivoluzione culturale del XIV secolo. 

L’effervescenza artistica di quel periodo attrasse nella città di Padova “i grandi” del mondo delle arti: Giotto, Jacopo Avanzi, Jacopo da Verona. Artisti di un tempo lontano, ma oggi protagonisti di un evento di solenne importanza: la Basilica di Sant’Antonio, la Cappella degli Scrovegni, la Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo agli Eremitani, la Cappella della Reggia Carrarese, il Battistero della Cattedrale, il Palazzo della Ragione, l’Oratorio di San Giorgio e l’Oratorio di San Michele hanno reso Padova il cinquantasettesimo sito italiano riconosciuto patrimonio dell’umanità.

La città entra nella World Heritage List dell’UNESCO grazie a queste meraviglie architettoniche, ribattezzate “i magnifici otto”, agli affreschi in esse custoditi, ma anche all’orto botanico che, come riportato dalla stessa organizzazione internazionale,è all’origine di tutti gli orti botanici del mondo e rappresenta la culla della scienza, degli scambi scientifici e della comprensione delle relazioni tra la natura e la cultura avendo largamente contribuito al progresso di numerose discipline scientifiche moderne, in particolare la botanica, la medicina, la chimica, l’ecologia e la farmacia”.

La proclamazione dell’Urbs picta come patrimonio mondiale incorona definitivamente l’Italia quale regina dell’UNESCO quale Paese con il maggior numero di siti da questa riconosciuti e permette di rispolverare alcune delle storie più affascinanti del nostro passato culturale ed architettonico. 

Prima tra tutte quella della Cappella degli Scrovegni (1300), la cui  edificazione fu resa possibile dall’acquisto di un terreno, ubicato sul sito dell’antico anfiteatro romano un tempo adiacente all’omonimo Palazzo, da parte del facoltoso banchiere Enrico Scrovegni

L’obiettivo del ricco committente era quello di risollevare la reputazione della propria famiglia danneggiata dal padre Rinaldo, rinomato usuraio dell’epoca al quale Dante non risparmierà, per tale ragione, un posto nell’ Inferno. 

È proprio all’interno della Cappella che, su commissione di Enrico Scrovegni, Giotto compì il suo miracolo pittorico, secondo solo alla Cappella Sistina di Michelangelo. 

Gli affreschi della Cappella degli Scrovegni si susseguono come i canti di un poema cristiano al ritmo di una serrata trama di natura teologica, mostrando il concatenarsi di eventi del “poema cristiano”. La magia dell’opera risiede proprio nell’abilità del sommo artista di coinvolgere nel profondo l’osservatore e renderlo parte integrante di quel disegno divino. 

È dunque con grande merito che Padova, con le sue opere monumentali e pittoriche, è entrata a far parte dei tesori non solo d’Italia, ma del mondo intero. 

Articoli correlati

Share This