Sharjah celebra la connessione tra acqua, arte ed Islam

da Giu 7, 2021City Guide, Culture, Highlights, News

TRENDING

Solarelli, la frutta italiana che piace in Medio Oriente

Chi è Apofruit Italia? Apofruit Italia è un gruppo ortofrutticolo cooperativo con un’esperienza di oltre 60 anni che opera con proprie strutture e soci produttori dal nord al sud dell’Italia e una presenza ormai consolidata sui mercati internazionali. 170 mila...

Travel blogger italiane a Dubai per il primo viaggio post-pandemia

Pronte a rilanciare il turismo dopo il lunghissimo stop imposto dalla pandemia, le travel blogger d'Italia fanno girare il mappamondo e puntano il dito sugli Emirati per il primo viaggio post-Covid19. Travel Blogger Italiane, l'unica community al femminile in Italia,...

La Casa del Libro di Sharjah, il luogo dei libri e delle menti aperte

Dalle linee rette e minimaliste, dagli spazi luminosi e la struttura armonica, la Casa del Libro di Sharjah si staglia nei pressi della città universitaria e trae ispirazione  dalla Grande Biblioteca di Baghdad, seppur rappresentandone un’interpretazione più moderna. ...

National Food Security Strategy: l’ambizioso obiettivo degli Emirati entro il 2051

“Vorrei rassicurare ogni cittadino e residente degli Emirati Arabi Uniti: il nostro Paese è capace di fornire a tutti il cibo e le medicine necessarie. Siamo più che preparati ad affrontare qualsiasi sfida si presenti.” Ha affermato Sua Altezza lo sceicco Mohammed Bin...

Sharjah celebra la connessione tra acqua, arte ed Islam

Fonte primaria di vita. Spesso purificatrice, ma anche capace di incontrollabile forza distruttiva. Nella tradizione musulmana l'acqua accompagna la vita dei credenti e, attraverso riti e pratiche quotidiane, ne scandisce i momenti più significativi, dalla nascita...

Investire nell’Immobiliare a Dubai: rischio o opportunità?

Il Mercato immobiliare di Dubai, negli ultimi anni, ha toccato vette altissime e baratri profondi. Ci sono connazionali che hanno fatto, letteralmente, fortuna, ma altri che ci hanno rimesso sensibilmente. Così, a pochi mesi dall’apertura del tanto atteso Expo, in un...

Intervento Ambasciatore Lener in occasione del 75mo anniversario della Festa della Repubblica

Your Excellency Sheikh Nayhan Al Mubarak Al Nayhan, Excellencies, dear colleagues and friends, It is with great pleasure and an even greater emotion that I take the floor to thank you for accepting the invitation to participate in the celebration of the 75th National...

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Descriverò solo l'esterno, perché dentro non l'ho vista. La chiamano Ayā Sūfiyā e dicono sia stata costruita dal figlio della zia di Salomone. Fornita di tredici porte e circondata da mura come una città, è una delle più grandi chiese bizantine, con un enorme portone...

75 anni da quel 2 giugno 1946

Criticata, bistrattata, a colte denigrata, ma pur sempre “Casa”, con un posto speciale nel cuore di ognuno di noi, che l’abbiamo dovuta o voluta lasciare. L’Italia è il Paese nel quale affondano le nostre radici ovunque ci troviamo nel mondo, quello al quale dobbiamo...

Teach for Italy: cambiare il futuro dell’Italia cambiando quello degli studenti 

Cento insegnanti trasformativi in cento scuole. È questo l’obiettivo della ONG italiana Teach For Italy che, da due anni e mezzo, trasforma i giovani più brillanti e talentuosi in insegnanti altamente specializzati destinati a cambiare le sorti degli studenti più...
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Fonte primaria di vita. Spesso purificatrice, ma anche capace di incontrollabile forza distruttiva. Nella tradizione musulmana l’acqua accompagna la vita dei credenti e, attraverso riti e pratiche quotidiane, ne scandisce i momenti più significativi, dalla nascita alla morte: nell’acqua vengono lavati i neonati e con l’acqua viene praticato il ghusl, la purificazione dei morti.

La più sacra di tutte le acque è quella di Aab-i-Zamzam, nei pressi della Ka’aba meccana, che i pellegrini sono soliti raccogliere in piccole quantità per riportarla in dono ad amici e parenti al rientro dal loro viaggio.

Ed è proprio per celebrare l’elevato simbolismo di questo elemento che, dalla collaborazione tra l’Autorità dei musei di Sharjah (SMA) e la Fondazione Torino Musei nasce la mostra Drop by Drop, Life Falls from the Sky. Ospitata dal Museo della civiltà islamica di Sharjah, l’evento espositivo  aprirà le porte ai visitatori a partire da giovedì 10 giugno e propone un leitmotiv originale quanto affascinante: la connessione tra acqua, arte ed Islam.

Arricchita da centoventi elementi tra opere d’arte, utensili ed oggetti, la mostra consente di approfondire il perché dell’importanza dell’acqua, non solo per le abluzioni, ma anche per il significato emblematico ed iconologico riportato nel Corano. I quattro temi in cui si articola l’esposizione esplorano, infatti, i contesti nei quali acqua e cultura islamica si combinano dando luogo a tradizioni, usi e costumi ormai antichissimi: dalle benedizioni all’hammam, dalla cura dei giardini ai riti in cui il concetto di pulizia e purificazione diventa momento essenziale nel rapporto con la divinità.

Molti degli oggetti esibiti sono stati messi a disposizione da sedici rinomate collezioni pubbliche e private italiane, oltreché da quelle del Museo della Civiltà Islamica di Sharjah e dal Sharjah Art Museum. Tra questi: manoscritti, oggetti in metallo, ceramiche, vetri, tessuti, tappeti, pietre. Tra le antiche meraviglie è possibile apprezzare, in tutto il loro abbacinante fulgore, anche una ciotola ottomana del XIX secolo, risalente al dominio ottomano nei Balcani; utensili del mondo bizantino, veneziano e del Nord Europa; una serie di fiasche utilizzate dai pellegrini in viaggio verso la Mecca ed una fontana d’acqua proveniente da Ghazni, in Afghanistan, scolpita in marmo con decorazioni geometriche arabeggianti. Fa’ da corredo all’evento anche un catalogo di 300 pagine, pubblicato in arabo, inglese e italiano, con più di centoventi illustrazioni e saggi sul tema protagonista della mostra.

L’evento culturale nato dalla sinergia tra le autorità emiratine e italiane riflette senza dubbio l’impegno costante da parte di entrambi i Paesi nell’instaurare un dialogo tra le due culture nonché il continuo interscambio, non solo nel mondo dell’arte, ma anche in quello della formazione, della ricerca, del cinema e dell’editoria, con il coinvolgimento  delle istituzioni politiche preposte alla diplomazia culturale.

Drop by Drop, Life Falls from the Sky, diventa così il luogo in cui religione e natura si intrecciano, Dio e l’uomo si avvicinano e frammenti di storia rivivono nel presente, rendendo per questo la mostra assolutamente imperdibile.

Articoli correlati

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Descriverò solo l'esterno, perché dentro non l'ho vista. La chiamano Ayā Sūfiyā e dicono sia stata costruita dal figlio della zia di Salomone. Fornita di tredici porte e circondata da mura come una città, è una delle più grandi chiese bizantine, con un enorme portone...

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Descriverò solo l'esterno, perché dentro non l'ho vista. La chiamano Ayā Sūfiyā e dicono sia stata costruita dal figlio della zia di Salomone. Fornita di tredici porte e circondata da mura come una città, è una delle più grandi chiese bizantine, con un enorme portone...

Share This