Tasamuh, tolleranza, vivi e lascia vivere: le parole sono importanti

da Gen 4, 2021Culture

TRENDING

Al Ain: Alla scoperta della natura e dell’entroterra emiratino

Al Ain è una delle principali città degli Emirati Arabi situata al confine con l’Oman e ad un ora e mezza di macchina circa dalla capitale Abu Dhabi. Essendo nel cuore del deserto e ovviamente non avendo sbocco sul mare, la città presenta paesaggi naturalistici molto...

Comprare casa a Dubai: come investire con EMAAR?

“Sono venuto a Dubai e ne sono rimasto affascinato. È possibile comprare casa qui?” “Ho visto alcune nuove costruzioni di EMAAR, mi piacerebbe saperne di più, ma non so da dove cominciare”. “Il mercato è altalenante. Ha senso fare un investimento immobiliare a Dubai o...

Ras al Khaimah, snodo internazionale e paradiso naturalistico

Situata lungo l'estremità settentrionale della costa degli Emirati Arabi, Ras Al Khaimah (RAK) si trova tra il Golfo Persico e le montagne Hajar. La città copre circa 27 miglia di costa, sulla quale lagune d’acqua cristallina, spiagge di sabbia dorata e altipiani...

Sua Maestà la Carbonara…di Mezzo!

Nasce a Roma, ma ha viaggiato in lungo e in largo. Senza dubbio nell’Olimpo delle pietanze tipiche italiane: Sua Maestà la Carbonara. Per questo, ogni italiano che si rispetti avverte una fitta al cuore quando sente parlare di orribili rivisitazioni: dai preparati...

Il mondo in miniatura al Global Village di Dubai

Il Global Village di Dubai è senza dubbio un luogo affascinante senza eguali in tutta la regione. Oltre ad essere un sito culturale, è anche un vero e proprio hub di intrattenimento e spettacoli di ogni genere. Il concept è alquanto suggestivo ed originale: ricreare...

La cultura autentica di Dubai. Cosa è l’Islam e chi sono i musulmani

Dalle moschee in perfetto stile arabo alle giganti strade all’americana e ai profumi d’India, ecco Dubai, città europea ed intimamente così orientale dove numerose culture si confondono come tessere di un grande mosaico. Qui tradizioni e abitudini fortemente distanti...

Mamma, mollo tutto e vado a fare il gelato a Dubai

Se il tuo obiettivo è quello di piacere a tutti non provare a essere un leader, inizia a vendere gelati. (Steve Jobs). Se c’è una cosa italiana, indiscutibilmente italiana che ha conquistato il mondo (come la pizza, tanto per fare un altro esempio) è il gelato. Che,...

Fabrizio Puglisi, turismo e calcio “made in Italy” negli Emirati Arabi

Fabrizio, siciliano, classe ’86, è riuscito a combinare qui le sue due gradi passioni, quella per il calcio e  quella per il suo Paese, e a trasmetterle alle centinaia di bambini della “Juventus Academy”, che vengono da 50 nazioni diverse, tra di loro parlano in...

Elisa Corvi e due mondi che si incontrano a Dubai

Come sei arrivata a Dubai e quando? 8 anni fa dall’Italia. A quel tempo vivevo a Milano con mio marito e le mie due prime figlie Bianca e Ginevra e aspettavo il mio terzo, Leo. Perché hai deciso di venire a Dubai? Motivi di famiglia: all’inizio perchè mio marito è...

Un affascinante viaggio attraverso le isole di Abu Dhabi

La bellissima capitale degli Emirati Arabi è un affascinante arcipelago composto da oltre 200 isole, moltissime delle quali accessibili ai visitatori. Lo stesso cuore pulsante della città si erge su un’isola distante circa 250 metri dalla terraferma. Da viste...
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

*Questo articolo di Marilena Falcone è stato tradotto in italiano dalla versione originale inglese scritta per Indelible, la rivista letteraria pubblicata dalla American University in Dubai

“Distogli lo sguardo. Fissare è maleducato”: quanti, soprattutto fra coloro cresciuti nel mondo Occidentale, si sono sentiti ripetere questa frase per strada da piccoli? Quasi tutti.

Era l’esortazione a non osservare in modo esplicito gli altri, particolarmente chiunque potesse sembrare strano, diverso agli occhi innocentemente curiosi di un bambino, per evitare di metterlo in imbarazzo e farlo sentire respinto: questo era il primo impatto con il principio fondamentale della tolleranza, che si ritrovava poi, crescendo, nel celeberrimo modo di dire “vivi e lascia vivere”.

Nel XIX secolo il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer lo spiegava così: “Nella vita è opportuno che un uomo si prepari e impari a fare due cose: guardare avanti e non notare; la prima lo proteggerà da danni e perdite, la seconda da conflitti e discussioni”. (La saggezza della vita, 1851)

Soprattutto nel mondo di oggi, però, vivi e lascia vivere rischia di sforare nell’indifferenza, se non addirittura nella negazione (in forma di invisibilità) di chi esce dai canoni considerati standard.

Cosa significa allora tolleranza oggi? Lo stesso termine arabo تسامح (tasamuh) ha nella versione originale una sfumatura particolare che si perde nella traduzione inglese. Eugenio Malatacca, arabista italiano a Dubai, ci spiega che تسامح indica la reciprocità del permettere qualcosa l’uno all’altro: un vivi e lascia vivere, insomma, molto lontano dall’indifferenza e dalla negazione dell’estraneo nelle quali rischia di scivolare l’idea comune di tolleranza oggi, perché afferma la consapevolezza dell’esistenza di ciascuno e il permesso a esercitarla, individualmente e in relazione agli altri. Reciprocamente.

Non sempre compresa appieno nel mondo Occidentale, questa idea di tolleranza non si riferisce tanto su larga scala ai diritti umani o al sistema legale di ciascun Paese costantemente in evoluzione secondo corsi e ricorsi storici inevitabili. Piuttosto, è relativa al carattere di ciascun popolo. Si manifesta nel quotidiano, nei piccoli gesti della vita di tutti i giorni delle persone comuni.

È composta da curiosità verso l’altro mista alla capacità di mantenere comunque intatta la propria impalcatura di credenze e tradizioni, senza l’obbligo implicito di omologarsi o di ignorarsi a vicenda per accettare ed essere accettati. È l’apertura mentale innata al dialogo e alla coesistenza pacifica di chi da sempre vive in uno snodo commerciale, che si tratti dell’Isola Tiberina, del porto di Shanghai o del punto di confluenza della Via delle Spezie. O degli UAE, Patria della tolleranza.

In questo senso assumono allora un significato ben preciso anche le parole twittate da Papa Francesco in occasione della storica visita negli Emirati nell’ambito delle celebrazioni dell’Anno della tolleranza: “{Sono qui } da fratello, per scrivere insieme una pagina di dialogo e per percorrere insieme percorsi di pace”.
Questo percorso di fratellanza, dialogo e pace per molti di coloro che vivono da tempo negli Emirati è iniziato da tempo e di sicuro proseguirà, per le persone di buona volontà, anche negli anni a venire.

Articoli correlati

Pillole di Emirati: chi era Bin Majed?

Pillole di Emirati: chi era Bin Majed?

In questi giorni di staycations vi sarà capitato, se siete stati a Ras Al-Khaimah, di esservi imbattuti nella catena alberghiera “Bin Majed”. Il primo pensiero, probabilmente, sarà stato quello di associare il nome al proprietario, magari ad un eventuale “Bin Majed”,...

Bin Majed, il primo navigatore arabo

Bin Majed, il primo navigatore arabo

Per chi vuole imparare qualche frase in arabo e per chi semplicemente desidera capire un po’ di più della cultura e della storia del Paese nel quale viviamo. Ecco un’altra puntata della rubrica dedicata a questa fantastica lingua, curata da Eugenio Malatacca,...

Pillole di Emirati: chi era Bin Majed?

Pillole di Emirati: chi era Bin Majed?

In questi giorni di staycations vi sarà capitato, se siete stati a Ras Al-Khaimah, di esservi imbattuti nella catena alberghiera “Bin Majed”. Il primo pensiero, probabilmente, sarà stato quello di associare il nome al proprietario, magari ad un eventuale “Bin Majed”,...

Bin Majed, il primo navigatore arabo

Bin Majed, il primo navigatore arabo

Per chi vuole imparare qualche frase in arabo e per chi semplicemente desidera capire un po’ di più della cultura e della storia del Paese nel quale viviamo. Ecco un’altra puntata della rubrica dedicata a questa fantastica lingua, curata da Eugenio Malatacca,...

Share This