Apertura, dialogo e cooperazione al Global Interfaith Summit di Dubai

da Nov 22, 2021Expo 2020, Highlights

TRENDING

‘We the UAE 2031’: continua la crescita vertiginosa degli Emirati Arabi

Giunge di martedì 22 novembre, l'annuncio da parte dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, relativo al lancio di "We the UAE 2031" vision. Il nuovo piano strategico, in linea con quello relativo all'anno 2021, individua gli obiettivi di governo per il prossimo...

Emirati Arabi Uniti, come tutto ebbe inizio

Beduini, mercanti e pirati. Perle, incenso e datteri. E poi il deserto e il mare, da sempre spettatori silenziosi di incursioni, antiche carovane e flotte di esploratori. Su queste terre, oggi conosciute come Emirati Arabi, è approdato Alessandro Magno, hanno...

Con “Farfalle”, ITACA porta a Dubai un pezzo del teatro italiano

Il 19 e 20 Novembre prossimi, ITACA – Italian Theatre And Culture Association- presenterà al pubblico italiano di Dubai “Farfalle”, una commedia noir vincitrice dei premi “Hystrio- Scritture di scena 2015” e “Mario Fratti Award 2016”. Lo spettacolo andrà in scena...

EAU: al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione

Al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione volto a tutelare cittadini ed espatriati impiegati nel settore privato e nei dipartimenti del governo in caso di perdita del lavoro. Il nuovo schema offrirà sostegno finanziario per la durata di tre mesi in...

“Catching up with the Far East”: la tavola rotonda sull’andamento dei mercati Asiatici

Si è conclusa nella mattinata di mercoledì 19 ottobre, la tavola rotonda dal titolo “Catching up with the Far East” organizzata ed ospitata dagli uffici Kelmer Group di Dubai. Una kermesse che ha visto imprenditori, esperti del settore e rappresentanti delle Camere di...

#maiunagioia: lo spettacolo tutto italiano va in scena a Dubai

Grande attesa per lo spettacolo teatrale  #maiunagioia ideato da Lamya Tawfik e Valentina Danubio, prossimamente in scena presso The Junction, Alserkal Avenue, il 28 ottobre e il 4 novembre 2022. Noi di Dubaitaly abbiamo intervistato Lamya e Valentina per saperne di...

Rivoluziona il tuo shopping con Restyle

Uno stile di vita, un movimento sociale ed individuale per gli amanti della moda, ma sensibili ed attenti all’impatto ambientale del consumismo di massa. Restyle nasce sull'impronta del mercatino dell’usato in perfetto stile italiano: pezzi unici, selezionati ed al...

Legge sul Copyright: quella degli EAU tra le più rigide al mondo

Il trattamento di dati, contenuti e proprietà intellettuale negli Emirati Arabi Uniti non va preso alla leggera. Il Paese dispone ad oggi di uno dei regolamenti copyright più rigidi al mondo. Questo, al duplice scopo di proteggere i diritti dei marchi internazionali...

Nuovo sistema visti di residenza in vigore dal 3 ottobre

Entra in vigore, a partire dal 3 ottobre, il nuovo sistema visti degli Emirati Arabi Uniti. Nel mese di aprile gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato importanti modifiche al sistema dei visti che entrerà in vigore da lunedì 3 ottobre. Come annunciato questa...

Intervista all’On. Enrico Nan, candidato per la circoscrizione Africa-Asia-Oceania-Antartide

“Maggiore rappresentanza per gli italiani all’estero per sentirsi più in Patria”. Da qui l’intento di ripristinare il Ministero degli Italiani all’Estero, già abolito dalla sinistra Prodiana. È questo l’obiettivo del programma dedicato alle comunità italiane nel Mondo...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

C’é un filo rosso che unisce l’Accordo sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi del 2019, il G20 italiano ed il Global Interfaith Summit, come tappe di un percorso portato avanti dalla diplomazia istituzionale, così come quella religiosa, e che punta a costruire ponti che riducano le distanze tramite la condivisione di valori umani. Il vertice Interreligioso globale, ospitato all’interno della cornice di Expo2020 presso il Padiglione Italia, non a caso nella Giornata Internazionale della Tolleranza, ha visto un confronto tra rappresentanti di diverse religioni e autorità internazionali per promuovere una cultura del dialogo.

Global Interfaith S.

Un’iniziativa tra le più importanti in programma nell’ambito delle attività di carattere multilaterale che si prefigge di promuovere una conoscenza reciproca, la cooperazione ed il multilateralismo non solo nell’ambito degli Affari religiosi tra Italia ed Emirati, ma ad un livello globale. Per questo, il summit interreligioso dello scorso 16 novembre ha visto la partecipazione dei massimi rappresentanti delle diverse fedi religiose, tra cui Albrecht Freiherr von Boeselager, Gran Cancelliere e ministro degli Affari Esteri dell’Ordine dì Malta; Swami Brahmaviharidas, leader religioso BAPS Hindu Mandir, Rabbi David Shlomo Rosen KSG CBE, direttore internazionale degli Affari Inter religiosi dell’American Jewish Committee e di rappresentanti della U.N. Alliance of Civilizations, ma anche del sovrano dell’Ordine di Malta e del viceministro degli Esteri, Marina Sereni. 

L’incontro multilaterale si allaccia infine, a Vision 2050, l’insieme degli obiettivi elaborati dagli Emirati Arabi Uniti, nell’anno del Giubileo del Paese, come ricordato dallo sceicco Nahayan Mabarak Al Nahyan, Ministro per la Tolleranza e la Coesistenza nel discorso di apertura del Summit. 

Ospite del Padiglione Italia, in occasione del vertice interreligioso, anche Salvatore Martinez, Presidente di Rinnovamento nello Spirito Santo, che noi di Dubaitaly abbiamo intervistato. 

Connettere le menti e le anime per guardare al futuro, all’interno della cornice di eccellenza di Expo 2020, cosa rappresenta questo Forum?

Expo Dubai 2020 ci dà la grande occasione di cominciare a parlare o di parlare di più di capitale spirituale e non solo o soltanto di “capitale finanziario”.  Non può esserci né convivenza pacifica, né giustizia sociale sulla terra senza nuovi paradigmi spirituali, senza un nuovo respiro teologico a base dello sviluppo sociale dei nostri Paesi; nuovi paradigmi spirituali che sovrintendano alle nostre relazioni umane, perché esse siano davvero umane e non disumane. È questo che ci hanno testimoniato e insegnato Sua Santità Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb con il Documento sulla Fratellanza Umana, firmato ad Abu Dhabi il 4 febbraio 2019.

Senza fratellanza universale non vedremo esaltata la libertà che Dio ha dato a tutti gli esseri umani. Siamo liberi di amarci, non di odiarci. Siamo liberi di costruire fraternità, non di distruggerla ed è su  questo che abbiamo l’opportunità di confrontarci in occasione del Global Interfaith Summit. 

Su quali problematiche invita a riflettere il vertice interreligioso nella giornata internazionale dedicata alla Tolleranza?

La crisi della politica e dell’economia, dei sistemi sanitari e delle culture, la crisi antropologica e religiosa, sono tutte figlie della crisi spirituale in atto in modo assai netto dall’inizio del nuovo terzo millennio, crisi che non risparmia nessuno e nessuna fede.

Ovviamente, non spetta alle fedi e alle religioni risolvere i problemi ecologici, economici, sociali di questa nostra bellissima e tormentata terra. Ma fedi e religioni possono, devono lavorare insieme per indurre nell’uomo un processo di conversione interiore alla vera vita.  L’umanità ha certo bisogno di tante riforme politiche, ma non può più fare a meno di riformare la propria coscienza, sempre più assuefatta al male, incapace di distinguere un bene da un male. 

Alla luce di queste riflessioni, quale messaggio devono trasmettere autorità ed esperti religiosi?

Le religioni hanno la responsabilità di ribadire che: non c’è pace fra le nazioni senza una pace fra le religioni; non c’è pace fra le religioni senza dialogo tra le religioni; non c’è dialogo fra le religioni senza un modello etico globale; non c’è sopravvivenza del nostro pianeta nella pace e nella giustizia senza un nuovo paradigma di relazioni internazionali fondato su modelli religiosi ed etici globali. Noi non possiamo fare tutto, ma possiamo fare molto, molto di più! Lo Spirito di Dio apra nei nostri cuori e dinanzi a noi spazi nuovi, vie nuove per proseguire nel nostro impegno di connettere le anime. 

Sì, insieme possiamo dare una spiritualità all’uomo, un’anima al mondo.

Articoli correlati

Share This