Expo 2020 Dubai, al padiglione Italia le microalghe purificano l’aria

da Nov 4, 2021Expo 2020, Highlights

TRENDING

L’Italia negli Emirati: tra la Giornata Nazionale degli EAU ed Expo 2020 Dubai

C’è aria di festa per le strade di Dubai, la città si è tinta un pò ovunque dei colori della bandiera emiratina, gigantografie della famiglia reale si affacciano sparse sulla Sheikh Zayed, l’arteria principale della città e si avverte nell’aria: gli Emirati come di...

A Napoli si discute di Internazionalizzazione: l’iniziativa di Banca Generali

Su iniziativa di Banca Generali nasce, lo scorso 5 novembre, “Ripensiamo il futuro: l'internazionalizzazione delle imprese italiane” il panel rivolto a realtà imprenditoriali italiane interessate ad espandere il proprio business all’estero. L’incontro, svoltosi a...

Italian Choice Sailing Team: un’unione che nasce dal mare

Quale elemento accomuna due paesi lontani e diversi come l’Italia e gli Emirati Arabi Uniti? Il mare. Un elemento primordiale, dal quale ci siamo evoluti, che abbiamo imparato a rispettare e navigare, sfidandone le onde.  Difatti, nonostante i due Paesi conservino...

Apertura, dialogo e cooperazione al Global Interfaith Summit di Dubai

C’é un filo rosso che unisce l’Accordo sulla Fratellanza Umana di Abu Dhabi del 2019, il G20 italiano ed il Global Interfaith Summit, come tappe di un percorso portato avanti dalla diplomazia istituzionale, così come quella religiosa, e che punta a costruire ponti che...

Quarta edizione del Global Manufacturing & Industrialization Summit: La giornata dedicata all’Italia

Identificare soluzioni a problemi globali, promuovere e incoraggiare uno sviluppo industriale inclusivo e sostenibile, trasformare la produzione attraverso l’impiego della tecnologia come strumento per la collaborazione globale al fine di incoraggiare maggiori...

Innovation House apre al mondo le porte della Lombardia produttiva e all’unicità delle proprie imprese

Un ecosistema fertile, una foriera di opportunità, una vetrina mondiale, un laboratorio di idee e innovazione. Si presenta così Innovation House, il progetto ideato dalla Fondazione Politecnico di Milano, insieme al Politecnico di Milano ed alla Regione Lombardia. ...

È italiano il ‘Best Dress’ del World Fashion Festival Awards di Dubai

Lo scollo ad archi ovali di richiamo alle porte arabe riprodotti sulla gonna dalla circonferenza di sei metri, interamente  dipinta a mano e la texture che ricorda il logo di Expo, sono questi i dettagli del Best Dress del World Fashion Festival Awards di Dubai,...

Stefano Avalis, l’artista italiano che ha brillato al World Fashion Festival Awards di Dubai

Arte, bellezza, cultura, sono questi i protagonisti del World Fashion Festival Awards di Dubai, appuntamento annuale del mondo della moda, sotto il cui ombrello convergono stilisti, scrittori, pittori, artisti locali e internazionali e professionisti del settore di...

Rolex Middle Sea Race, Expo Dubai e sostenibilità con Giovanni Soldini

Ha l’aria pacata e la pelle abbronzata, capelli schiariti dalla salsedine e l’espressione di chi possiede l’esperienza di mille vite maturata nell’acqua, al sole e nel sale dei tanti mari che ha navigato. Giovanni Soldini, l’eccellenza del velismo italiano, fa...

Con Itaca, il teatro italiano entra a far parte del panorama culturale di Dubai

Un'amicizia di vecchia data, un sogno comune, i piedi ben saldi nella cultura teatrale, musicale e letteraria italiana, ma con lo sguardo verso tutte le altre culture che una città cosmopolita e tollerante come Dubai offre la possibilità di incontrare. Sono questi gli...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Dalla Sardegna a Dubai. Microalghe, come la spirulina, che catturano l’anidride carbonica, principale causa del cambiamento climatico in corso, e la trasformano in ossigeno. Succede a Dubai, nel padiglione Italia di Expo 2020 Dubai, premiato peraltro come miglior progetto imprenditoriale dell’anno durante i prestigiosi Construction Innovation Awards, un padiglione lodato anche dal NYT per la sua bellezza. Ad occuparsi di questa tecnologia all’insegna della sostenibilità e tutta made in Italy è stata la Tolo Green, uno dei partner tecnici del padiglione Italia, dove la parola d’ordine è “sostenibilità”. La sfida è partita da una domanda: si può eliminare o quantomeno ridurre la CO2, la temuta anidride carbonica o biossido di carbonio, emessa anche dal nostro stesso respiro? La risposta è si. Ma si può fare anche di più.

Italian-Pavilion-2020

Al padiglione Italia dell’Expo infatti, microalghe coltivate in enormi vasche assorbono la CO2 emessa dal respiro dei visitatori e la restituiscono all’esterno come ossigeno. Le microalghe in questione sono di tre tipi, spirulina, dunaliella ed haematococcus, e ad occuparsi di questa tecnologia è stata la Tolo Green, partner tecnico del padiglione Italia. Guidata da Gilberto Gabrielli, già docente all’Università Bocconi, la Tolo Green da sei anni investe nella produzione biologica di microalghe e da 14 anni in energie rinnovabili. Le preziose alghe, coltivate al momento in un impianto in Sardegna, sono ricche di proprietà nutrizionali e la Tolo Green ne sta attivamente studiando i suoi vari utilizzi. La spirulina, soprattutto, la più ricca di proteine e amminoacidi, la rende incredibilmente versatile in moltissimi ambiti, da quello alimentare (viene utilizzata in alcuni estratti freschi cui dà un tipico colore azzurro) ai fertilizzanti.

Il padiglione Italia, ideato da Carlo Ratti e Italo Rota è dotato di vasche per la coltivazione di questi micro-organismi, e si può veramente dire che respiri da solo. Le alghe, infatti, presenti in vasche inserite nella struttura stessa del padiglione, nutrendosi dell’anidride carbonica rilasciata dal respiro dei visitatori sono in grado di rimetterla in circolo sotto forma di ossigeno. Le alghe prodotte dalla Tolo Green, coltivate attualmente in un impianto in Sardegna, rappresentano un importante opportunità per il raggiungimento del target della decarbonizzazione entro il 2050.

Padiglione-Italia-vasche-microalghe-Tolo-Green

Il primato nella produzione di microalghe in Europa, attualmente, spetta alla società portoghese Algae for Future (A4F), che ogni anno arriva alla quota di 100 tonnellate di produzione. La produzione di Tolo Green, grazie al secondo impianto che è in costruzione in Sardegna, si aggirerà attorno alle 60 tonnellate anno di produzione di alghe. A beneficiare di questi micro-organismi è anche il Gruppo Boero, leader nel settore dei prodotti vernicianti, che ha dipinto il tetto del padiglione Italia col tricolore più grande del mondo, utilizzando anche vernici derivate da queste alghe.

L’Expo di Dubai, aperto per sei mesi, dal 1 ottobre fino al 31 marzo 2022, consentirà ai visitatori di osservare il processo di crescita e lavorazione delle microalghe e, grazie all’istallazione di alcuni pannelli digitali, sarà possibile conoscere in tempo reale i valori di CO2 “mangiata” dagli organismi e le quantità di ossigeno rilasciata dagli stessi. L’aria purificata, verrà rimessa in circolo all’esterno del padiglione, dando vita ad una vera e propria economia circolare, tutta made in Italy.

Articoli correlati

Share This