I Padiglioni di Expo2020 in pillole alla preapertura della Fiera mondiale

da Set 28, 2021Expo 2020, Highlights

TRENDING

Il lusso italiano conquista il mercato immobiliare di Dubai

Il mercato immobiliare di Dubai sta attraversando un periodo di forte crescita, ben al di sopra le aspettative degli analisti. Nel 2021, l’Emirato ha registrato vendite totali pari a circa 23 miliardi di euro. Ma è nel lusso che Dubai spadroneggia. Nel primo...

A Dubai quinoa, salicornia e altri superfood si coltivano nel deserto

L’aumento delle temperature e gli eventi meteorologici estremi provocati dai cambiamenti climatici in corso stanno mettendo sempre più in difficoltà l’agricoltura e interrompono sempre più spesso la catena di fornitura del cibo. Eppure la popolazione mondiale è...

Non esiste solo Expo: l’Italia guarda al futuro energetico a WETEX Dubai

Con l’apertura di Expo Dubai, l’attenzione mediatica si è riversata completamente sul mega evento che intratterrà residenti e turisti per i prossimi 6 mesi. Ma se c’è una cosa che non rientra nella mentalità vincente degli Emirati Arabi è quella di attendere la fine...

Imprigionate nel loro corpo, destinate a una disabilità totale. Ma le cose potrebbero cambiare… Ottobre è il mese della consapevolezza sulla Sindrome di Rett

I bambini con disabilità o bisogni speciali sono, prima di tutto, comunque bambini! Ai vostri figli non dite “non guardare”, ma “fagli un sorriso” o “vuoi salutarlo?” Un sorriso o un saluto possono significare enormemente più di quanto non crediate! (Benedetta Pasero)...

Carrefour City+: a Dubai il primo negozio senza casse del Medio Oriente

Dopo gli Stati Uniti, l’Europa e l’Asia, anche Dubai ha ora il suo primo supermercato senza casse. Inaugurato il 6 settembre 2021, il nuovo Carrefour City+ compatto e high-tech ha aperto all’interno di uno dei principali centri commerciali di Dubai, il Mall of the...

Davide Rampello e la bellezza che unisce: dalla Grecia antica ad Expo2020

Connecting minds, il tema lanciato da Expo 2020, sfida riflessioni ed interpretazioni: cosa, a dispetto delle differenze etniche, culturali, sociali e di genere lega ed avvicina? Cosa è che ci annoda gli uni agli altri seppur separati da distanze e confini?  Popoli e...

Tra connettività e trasporti, l’Italia costruisce un ponte solido con Expo 2020

Ci siamo. Finalmente siamo giunti alla tanto attesa apertura di Expo 2020 Dubai. Nelle settimane precedenti vi abbiamo raccontato di come l’Italia si stesse preparando a questo appuntamento di importanza mondiale attraverso le storie di alcune delle imprese italiane...

Expo Dubai: inaugurato il Padiglione Italia. Regione Lazio tra i protagonisti

Grande successo per l’inaugurazione del Padiglione Italia all’Expo di Dubai: “il padiglione più visitato durante la prima giornata di questa Esposizione Universale” ha specificato il Commissario Straordinario Paolo Glisenti. Una superficie di 3500 metri quadri per 27...

NYU Abu Dhabi: “l’università del futuro” festeggia un decennio di eccellenza

Se si tratta di eccellenze nel mondo Arabo non si può non parlare di NYU Abu Dhabi (NYUAD). Nel giro di 10 anni, questa università fondata con il benestare di sua altezza reale Khalifa Al Nahyan, è riuscita a diventare una delle più prestigiose e selettive al mondo....

Traduttore freelance o agenzia di traduzioni… quale è la scelta migliore per la tua attività?

Quante volte ci siamo ritrovati ad aver necessità di tradurre documenti ufficiali? Documenti di viaggio, di residenza o transazioni, il processo di traduzione ci impone di ricercare la figura più adatta alle nostre esigenze: un abile traduttore freelance che ci...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Da diverso tempo a questa parte ne abbiamo sentito parlare quotidianamente, ne abbiamo seguito i passi e sbirciato le foto. 

Ora, in attesa dell’apertura ufficiale Expo 2020 ha avviato la fase di rodaggio effettuando, con preaperture al pubblico, i test di routine per una prima verifica dell’effettivo funzionamento dell’accoglienza e dei controlli. 

La fila delle auto per queste anteprime è nutrita ed inizia già all’uscita autostradale che conduce al sito della fiera mondiale. Armandosi di un pò di pazienza in 15 minuti si accede all’immenso reticolo di parcheggi per poi raggiungere a piedi, al seguito della coda umana che subito si forma, le comodissime navette che in pochi minuti trasportano i visitatori all’ingresso.

La gigantesca insegna Expo 2020 circondata da palme illuminate è ben visibile già da lontano.

Impossibile, una volta giunti all’entrata, non puntare lo sguardo alle porte di Khan, dal nome dell’architetto britannico che ha impiegato tre anni per realizzarle. Alte ventuno metri, quasi come un edificio a sei piani, e larghe trenta, sembrano proprio dire “welcome to the future”. Superato il portale si viene immediatamente catturati da un caleidoscopio di luci, tante, diverse e tutte in movimento. Piazzali alberati addolciscono le linee rigide e all’avanguardia dei diversi padiglioni. Il cielo aperto è alternato da lunghe tettoie ricoperte di verde. La tempesta di sabbia che il giorno della mia visita aveva arrossito i cieli di Dubai ha reso il tutto ancora più surreale. 

Insolito è il padiglione dell’Austria, tra i primi a catturare la curiosità del visitatore. La struttura è composta da 38 coni bianchi di differente altezza e ricorda un paesino di montagna, arroccato e concentrato. La semplicità della costruzione all’esterno, intonacata con l’argilla, si contrappone all’evoluto sistema di ventilazione all’interno che permette il raggiungimento di una temperatura di dieci gradi senza l’impiego di aria condizionata dando vita, così, ad una vera e propria oasi nel deserto. 

Colpisce, poi, il Pavillon marocchino che riproduce i tipici villaggi del Paese nordafricano, ma con un tocco di contemporaneità, dai colori sabbiati ed in perfetto equilibrio tra modernità e tradizione. 

Nell’ampio viale in cui si susseguono i diversi padiglioni spicca quello dell’Arabia Saudita: 7800 luci incorniciano la proiezione su schermi giganteschi dei cinque ecosistemi. Incredibili immagini di deserti, catene montuose e mari si alternano in uno spettacolo visivo accattivante. 

Padiglione Svizzera

Tra le prime nazioni ad aver confermato la propria partecipazione all’evento mondiale la Svizzera, che si presenta ad Expo attraverso “Reflections”, una struttura ispirata alle tende beduine riflettente la bandiera del piccolo paese sulla facciata frontale ed i temi di sostenibilità ed innovazione. Al proprio interno tutta la bellezza delle sue montagne, dei suoi panorami, della sua storia. 

Presso il distretto “opportunità” si staglia elegantissimo il Kazakistan, il cui padiglione, articolato in tre piani, presenta un design semplice di richiamo all’architettura tradizionale del Paese. Il Qazaqstan Pavillon mostra la varietà paesaggistica che definisce il suo entroterra e che nel corso dei secoli ha permesso la fioritura di una cultura eclettica e ricchissima. 

Il Regno Unito scommette, invece, sull’incontro tra intelligenza artificiale e comunicazione. La facciata esterna del Padiglione inglese trasmette un messaggio dall’altezza di 20 metri. Un comunicato a nome dell’umanità e rivolto ad altre civiltà nello spazio, già elaborato nel 2015 dal fisico Stephen Hawking. L’idea è quella di permettere ai visitatori di aggiungere una parola che andrà a comporre, grazie all’impiego dell’intelligenza artificiale, il messaggio universale. 

Tra i temi primeggianti ad Expo 2020 anche quello dell’economia circolare, che trasmette implicitamente l’idea di qualcosa il cui inizio sia generato dalla fine e viceversa. Un sistema autoalimentato, quindi, in grado di rigenerarsi da sé. Proprio da qui trae ispirazione l’angolo di Lussemburgo presso la fiera mondiale che si presenta attraverso un complesso architettonico a spirale a simboleggiare l’infinito. 

Padiglione US

“What moves you?” è, invece, l’interrogativo posto dagli Stati Uniti e rivolto al mondo. Il padiglione US firmato Curtis Fentress, rinomato architetto statunitense, rappresenta una replica di Space X Falcon 9, il razzo dall’altezza di 14 piani ed il primo di classe orbitale in grado di prendere il volo. 

Ma in quanto a sofisticatezza architettonica, il Padiglione Italia ne è indubbiamente un esempio. Da qualsiasi prospettiva lo si guardi non si può che rimanerne catturati. L’Italia alla fiera di Dubai coniuga la raffinatezza stilistica alla complessità ingegneristica. Sessanta chilometri di corde ricoprono come un elegante tendaggio l’esterno della struttura di 27 metri d’altezza. Le riprese dall’alto mostrano i tre scafi rovesciati rappresentanti il tricolore, il più grande mai realizzato a quanto risulta. Non a caso l’Italian Pavilion si è aggiudicato la nomination per il riconoscimento del progetto commerciale dell’anno e del progetto innovativo dell’anno. 

Questi sono solo alcuni degli incredibili progetti esibiti all’evento per eccellenza del 2021-2022, un evento che apre le porte ad una vasta gamma di possibilità sotto molteplici aspetti. Si parla di opportunità di business, di collaborazioni, di incontro tra Paesi e culture diverse, ma per il singolo individuo Expo rappresenta l’occasione di estendere la propria conoscenza, di spaziare con l’immaginazione, di introdurre nel proprio sistema di pensiero informazioni nuove, quelle da cui poi derivano le idee. Idee da cui nascono i cambiamenti, prima di tutto quelli individuali. 

Articoli correlati

Share This