L’Italia negli Emirati: tra la Giornata Nazionale degli EAU ed Expo 2020 Dubai

da Dic 1, 2021City Guide, Expo 2020, Highlights, Lifestyle

TRENDING

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...

Shaping the Future: URB Launches World’s Largest Agritourism in Dubai

Shaping the Future: URB Launches World’s Largest Agritourism in Dubai. While Dubai is establishing itself as a global economic and financial hub, it is turning its gaze to sustainability and "green" urbanization. Among the champions of innovation and transition...

‘We the UAE 2031’: continua la crescita vertiginosa degli Emirati Arabi

Giunge di martedì 22 novembre, l'annuncio da parte dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, relativo al lancio di "We the UAE 2031" vision. Il nuovo piano strategico, in linea con quello relativo all'anno 2021, individua gli obiettivi di governo per il prossimo...

Emirati Arabi Uniti, come tutto ebbe inizio

Beduini, mercanti e pirati. Perle, incenso e datteri. E poi il deserto e il mare, da sempre spettatori silenziosi di incursioni, antiche carovane e flotte di esploratori. Su queste terre, oggi conosciute come Emirati Arabi, è approdato Alessandro Magno, hanno...

Con “Farfalle”, ITACA porta a Dubai un pezzo del teatro italiano

Il 19 e 20 Novembre prossimi, ITACA – Italian Theatre And Culture Association- presenterà al pubblico italiano di Dubai “Farfalle”, una commedia noir vincitrice dei premi “Hystrio- Scritture di scena 2015” e “Mario Fratti Award 2016”. Lo spettacolo andrà in scena...

EAU: al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione

Al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione volto a tutelare cittadini ed espatriati impiegati nel settore privato e nei dipartimenti del governo in caso di perdita del lavoro. Il nuovo schema offrirà sostegno finanziario per la durata di tre mesi in...

“Catching up with the Far East”: la tavola rotonda sull’andamento dei mercati Asiatici

Si è conclusa nella mattinata di mercoledì 19 ottobre, la tavola rotonda dal titolo “Catching up with the Far East” organizzata ed ospitata dagli uffici Kelmer Group di Dubai. Una kermesse che ha visto imprenditori, esperti del settore e rappresentanti delle Camere di...

#maiunagioia: lo spettacolo tutto italiano va in scena a Dubai

Grande attesa per lo spettacolo teatrale  #maiunagioia ideato da Lamya Tawfik e Valentina Danubio, prossimamente in scena presso The Junction, Alserkal Avenue, il 28 ottobre e il 4 novembre 2022. Noi di Dubaitaly abbiamo intervistato Lamya e Valentina per saperne di...

Rivoluziona il tuo shopping con Restyle

Uno stile di vita, un movimento sociale ed individuale per gli amanti della moda, ma sensibili ed attenti all’impatto ambientale del consumismo di massa. Restyle nasce sull'impronta del mercatino dell’usato in perfetto stile italiano: pezzi unici, selezionati ed al...

Legge sul Copyright: quella degli EAU tra le più rigide al mondo

Il trattamento di dati, contenuti e proprietà intellettuale negli Emirati Arabi Uniti non va preso alla leggera. Il Paese dispone ad oggi di uno dei regolamenti copyright più rigidi al mondo. Questo, al duplice scopo di proteggere i diritti dei marchi internazionali...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

C’è aria di festa per le strade di Dubai, la città si è tinta un pò ovunque dei colori della bandiera emiratina, gigantografie della famiglia reale si affacciano sparse sulla Sheikh Zayed, l’arteria principale della città e si avverte nell’aria: gli Emirati come di consuetudine, ormai, sono pronti a lasciare senza fiato chi assisterà agli spettacolari eventi previsti per il 2 dicembre in occasione della Giornata Nazionale del Paese. Quest’anno poi, gli EAU celebrano in una cornice particolare, in concomitanza con il cinquantenario della Nazione ed alla presenza degli oltre 190 Paesi ospitati presso Expo 2020. 

Tra questi anche l’Italia che si unisce alle celebrazioni del Paese amico, riconoscendo i passi da gigante da questo compiuti  da quando dalle lande desertiche inizia ad emergere quella che sarebbe diventata la perla commerciale del medio oriente. 

Noi di Dubaitaly abbiamo chiesto a Paolo Glisenti, Commissario Generale di Sezione dell’Italia per Expo 2020 Dubai che significato assuma per l’Italia essere presenti in territorio emiratino in concomitanza con la Giornata Nazionale degli EAU e quali siano finora le percezioni relative a questo Expo 2020. 

Expo 2020 sembra aver offerto all’Italia opportunità che il Paese ha certamente saputo cogliere, in cosa differisce l’edizione 2020 dell’Esposizione Universale da quella del 2015 di Milano? 

Io ne vedo una sorta di continuità: l’Italia ha seguito l’evoluzione di tutta Expo 2015. Un’evoluzione verso quella che si chiama architettura narrativa, i padiglioni, non solo quello Italia sono divenuti elementi di racconto, di rappresentazione di proposta delle identità nazionali anche negli aspetti architettonici non solo di contenuti, un’evoluzione di Expo come piattaforma sempre meno espositiva e sempre più rappresentativa delle identità nazionali.  A Milano, nel 2015, il tema centrale era quello dell’alimentazione, della produzione e della distribuzione agroalimentare. Expo 2020 ha ad oggetto la sostenibilità che ingloba, in qualche modo, anche il settore agroalimentare non solo in termini di distribuzione e uguaglianza ma di rigenerazione ambientale. Il nostro padiglione sposa tale approccio, esponendo modelli di agricoltura innovativa attuabile anche  a distanza ed in Paesi dai territori desertici o come negli Emirati in cui  l’acqua presente è un acqua “cattiva”, come si dice in gergo, perché salina. 

Rispetto a Milano abbiamo spostato la discussione dall’asse della distribuzione alla sostenibilità e capacità dell’agroalimentare di diventare elemento ricostruttivo dell’ambiente. 

Altro tema che differenzia le due edizioni, quello dei giovani e della formazione di nuove competenze, rafforzato e maggiormente approfondito rispetto all’Expo di Milano. Del resto, i visitatori di Expo 2020 provengono perlopiù da Paesi giovani ed hanno un’età media di 28 anni, motivo per il quale l’agenda è stata volutamente tarata e programmata su tematiche di interesse giovanile.

italy pavilion

Quale è il suo personale giudizio sulle prestazioni del Padiglione Italia ad oggi? Si può ritenere soddisfatto?

Siamo molto soddisfatti. Se ne parla tanto in giro per il mondo ed il Padiglione Italia è uno dei più visitati.

Mi colpisce tra tutti i dati quello relativo agli ascolti su social e web, oltre 5 milioni di contatti, il che rende il Padiglione Italia primo tra tutti i Paesi presenti ad Expo per numero di follower sui social. 

Siamo stati in grado di generare un’attenzione globale significativa e questo perché i contenuti espressi dal nostro Padiglione Italia suscitano interesse non solo per chi lo visita di persona ma anche per chi lo fa a distanza ed è interessato al messaggio e alle tematiche da noi affrontate. Il tutto unito, poi, ad un design all’avanguardia in termini di quella che chiamo architettura narrativa cioè di questa nuova architettura che con Expo Dubai si afferma come racconto delle identità nazionali. Proprio in queste ultime ore abbiamo lanciato la visita virtuale del Padiglione che permette a tutti in tutto il mondo di partecipare anche senza esserci. 

Gli Emirati Arabi si preparano ai festeggiamenti per la Giornata Nazionale del Paese. Che valore ha per l’Italia essere presente in territorio emiratino in concomitanza di questo importante evento?

Essere presenti qui, oggi, ha un doppio valore. Il primo bilaterale: la nostra partecipazione in questi sei mesi rafforza e rilancia i rapporti con gli Emirati su più fronti, soprattutto in termini di diplomazia culturale, educativa e  scientifica, tre  grandi ambiti di collaborazione consolidati dai numerosi incontri con ministri emiratini, anche in altre sedi diverse da quella di Expo. Ma la nostra presenza qui, poi, ha un significato importante anche per ciò che concerne le relazioni multilaterali che fanno perno sul ruolo svolto dagli emirati in questi ultimi anni. Un ruolo di frontiera del cambiamento e di cerniera tra vari Paesi dell’Africa settentrionale e del Sud est asiatico così come tra i Paesi del mediterraneo allargato, divenendo un punto di confronto e connessione. L’Italia, dal canto suo, sta sfruttando le opportunità offerte da Expo, un contesto di scambio e confronto continuo in un luogo prolifico come quello degli Emirati, soprattutto nel periodo post-pandemico e di ripresa del ciclo economico e commerciale.

 

Articoli correlati

Share This