Sua Maestà la Carbonara…di Mezzo!

da Apr 6, 2021Food, Italian Stories

TRENDING

Cinque porzioni di ortofrutta per una vita longeva? Arriva la conferma di Harvard

Non è solo un detto: consumare cinque porzioni tra frutta e verdura ogni giorno fa veramente bene al nostro corpo. Non tutta l’ortofrutta è uguale e non basta questo per lavarsi la coscienza da altri vizi, certo è però che consumare con costanza cinque porzioni...

Investimenti immobiliari a Dubai: Missoni firma un nuovo grattacielo a Business Bay

ll mercato immobiliare di Dubai si conferma più che mai attivo ed in fibrillazione. E’ stata da poco lanciata una nuova torre residenziale brandizzata Missoni, noto marchio dell’alta moda italiana.   Se volete Investire in immobili a Dubai e cercate qualcosa di...

Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata [...] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo...

Italy Muslim Friendly da il via all’internazionalizzazione delle imprese calabresi in Medio Oriente

Nasce in Calabria l'Italy Muslim Friendly, il percorso di ricerca scientifica sull’internazionalizzazione delle imprese calabresi nei mercati arabi-musulmani e di collaborazione, studio e formazione per giovani laureati calabresi e al loro affiancamento alle tante...

Alimentazione in estate: come gestire la dieta per combattere il caldo?

Ormai tutti sappiamo che la dieta può aiutarci in davvero tante cose. Sappiamo del suo potenziale nella cura delle patologie, del suo potere in ambito di prevenzione per altre e dell’aiuto che può dare nella terapia farmacologica in altrettante. Ma oltre al benessere...

Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l'opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all'interno della società araba. Sono questi...

L’ascesa di Dubai: il villaggio di pescatori divenuto impero commerciale del Golfo

Molto prima di trasformarsi nella “Manhattan d’oriente” e prima ancora di divenire il frutto della visione di un solo uomo, prima del petrolio e di essere definita dallo stesso Sceicco “Dubai ink”, la città emiratina era un piccolo insediamento di case arish e...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Nasce a Roma, ma ha viaggiato in lungo e in largo. Senza dubbio nell’Olimpo delle pietanze tipiche italiane: Sua Maestà la Carbonara.

Per questo, ogni italiano che si rispetti avverte una fitta al cuore quando sente parlare di orribili rivisitazioni: dai preparati liofilizzati, all’uovo sostituito dalla besciamella, panna anziché pecorino, ingredienti “intrusi” come cipolla e funghi champignon. Per non parlare del crimine peggiore di tutti: la pancetta al posto del guanciale. Quando il New York times pubblicò la versione US in salsa di pomodoro, la “smoky tomato carbonara”, l’Italia sembrava pronta a mettere in discussione gli ultimi 75 anni di amicizia con gli Stati Uniti. 

La carbonara, infatti, nasconde insidie inaspettate: gli ingredienti sono pochi, ma l’errore è  dietro l’angolo. Chi ha provato per la prima volta a cimentarsi nella preparazione della regina delle paste, ha sicuramente sperimentato la frittata alla carbonara, il guanciale cancerogeno, il pepe divenuto ghiaia perché bruciato. 

Se c’è un posto, però, dove provare una carbonara DOC e peccare di gola senza rimpianti quello è il ristorante Mezzo.

ristorante Mezzo

Il ristorante “Mezzo”

Una piccola perla di profumi e cibo da estasi nel cuore di uno dei quartieri più belli di Roma. Proprio in via di Priscilla, affianco alle antichissime catacombe romane, si apre ad angolo il famosissimo ed ormai storico ristorante. Nascosta da fiori, alberi di limone e piante rampicanti, si trova la porticina in legno tramite la quale si accede all’Eden della cucina romana rivisitata. Mezzo poi, ha una storia che affascina tanto quanto il suo menù. 

Marco e Alessandro

Marco e Alessandro

Nasce dall’intuizione di due fratelli, Marco ed Alessandro, che girando per il mondo hanno dato vita ad un concept ristorativo innovativo senza mai perdere i segni distintivi dei sapori e colori della cucina italiana . Le idee internazionali han fatto sì che i piatti della tradizione venissero mixati con gusto, sapore, colore ed impiattamento rendendo Mezzo un ristorante sempre al passo con i tempi, ma custode delle tradizioni locali. 

Per la carbonara di Mezzo si attraversa la città, si fa la fila fuori dal locale se non si ha prenotazione e si è disposti a cenare anche alle undici di sera. Il segreto, confida Alessandro, non è uno solo, ma sta nei più piccoli dettagli come l’equilibrio tra gli ingredienti ,in primis, l’impiattamento, la giusta quantità, che combinati insieme danno vita ad un’assoluta prelibatezza. Nella cucina di Mezzo la carbonara viene da sempre preparata con spaghettoni xxl artigianali, guanciale rigorosamente di cinta senese, pecorino romano dop e uova a pasta gialla

Importante che gli ingredienti siano di alta qualità, anche perché si sa…la carbonara non va nella pancia, ma nel cuore. 

 

 

Articoli correlati

Share This