Aspettando la pioggia: che cos’è il Cloud Seeding?

da Feb 1, 2018Lifestyle

TRENDING

Travel blogger italiane a Dubai per il primo viaggio post-pandemia

Pronte a rilanciare il turismo dopo il lunghissimo stop imposto dalla pandemia, le travel blogger d'Italia fanno girare il mappamondo e puntano il dito sugli Emirati per il primo viaggio post-Covid19. Travel Blogger Italiane, l'unica community al femminile in Italia,...

La Casa del Libro di Sharjah, il luogo dei libri e delle menti aperte

Dalle linee rette e minimaliste, dagli spazi luminosi e la struttura armonica, la Casa del Libro di Sharjah si staglia nei pressi della città universitaria e trae ispirazione  dalla Grande Biblioteca di Baghdad, seppur rappresentandone un’interpretazione più moderna. ...

National Food Security Strategy: l’ambizioso obiettivo degli Emirati entro il 2051

“Vorrei rassicurare ogni cittadino e residente degli Emirati Arabi Uniti: il nostro Paese è capace di fornire a tutti il cibo e le medicine necessarie. Siamo più che preparati ad affrontare qualsiasi sfida si presenti.” Ha affermato Sua Altezza lo sceicco Mohammed Bin...

Sharjah celebra la connessione tra acqua, arte ed Islam

Fonte primaria di vita. Spesso purificatrice, ma anche capace di incontrollabile forza distruttiva. Nella tradizione musulmana l'acqua accompagna la vita dei credenti e, attraverso riti e pratiche quotidiane, ne scandisce i momenti più significativi, dalla nascita...

Investire nell’Immobiliare a Dubai: rischio o opportunità?

Il Mercato immobiliare di Dubai, negli ultimi anni, ha toccato vette altissime e baratri profondi. Ci sono connazionali che hanno fatto, letteralmente, fortuna, ma altri che ci hanno rimesso sensibilmente. Così, a pochi mesi dall’apertura del tanto atteso Expo, in un...

Intervento Ambasciatore Lener in occasione del 75mo anniversario della Festa della Repubblica

Your Excellency Sheikh Nayhan Al Mubarak Al Nayhan, Excellencies, dear colleagues and friends, It is with great pleasure and an even greater emotion that I take the floor to thank you for accepting the invitation to participate in the celebration of the 75th National...

Ibn Battuta, il viaggiatore dell’Islam

Descriverò solo l'esterno, perché dentro non l'ho vista. La chiamano Ayā Sūfiyā e dicono sia stata costruita dal figlio della zia di Salomone. Fornita di tredici porte e circondata da mura come una città, è una delle più grandi chiese bizantine, con un enorme portone...

75 anni da quel 2 giugno 1946

Criticata, bistrattata, a colte denigrata, ma pur sempre “Casa”, con un posto speciale nel cuore di ognuno di noi, che l’abbiamo dovuta o voluta lasciare. L’Italia è il Paese nel quale affondano le nostre radici ovunque ci troviamo nel mondo, quello al quale dobbiamo...

Teach for Italy: cambiare il futuro dell’Italia cambiando quello degli studenti 

Cento insegnanti trasformativi in cento scuole. È questo l’obiettivo della ONG italiana Teach For Italy che, da due anni e mezzo, trasforma i giovani più brillanti e talentuosi in insegnanti altamente specializzati destinati a cambiare le sorti degli studenti più...

40 anni fa, l’alba del Gulf Cooperation Council

Appeso al muro della sala da ballo Dar El Istiqbal dell’Intercontinental Hotel di Abu Dhabi vi è oggi lo stemma di sei Nazioni unite. Ad adornare le imponenti colonne di marmo della proprietà, le fotografie incorniciate dell’evento e dei tanti altri che ne seguirono a...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Le operazioni cominciano al mattino presto, con i meteorologi che monitorano le nuvole. Una volta individuate le perturbazioni giuste, ovvero quelle cumuliformi, si procede. I Beechcraft King Air C90 a due eliche decollano dall’aeroporto di Al Ain (posizione geografica migliore per raggiungere le perturbazioni) e si posizionano vicino alla nuvola, per “sparare” al loro interno piccoli razzi contenenti cristalli di sale. Avviene così il cosiddetto Cloud Seeding o meglio “Hygroscopic Cloud Seeding” (in italiano “inseminazione”o “semina” delle nuvole). In parole povere, le minuscole particelle di sale inseminate nelle nuvole “appesantiscono” le goccioline di vapore acqueo contenute nelle nubi stesse, aumentando la possibilità di precipitazioni. Dopodiché non resta che attendere e sperare che piova.

Gli Emirati stanno investendo in ricerca per la cosiddetta “modificazione del clima” dal 1990 (è addirittura in fase di studio una sorta di catena montuosa artificiale per attirare le perturbazioni) e da gennaio 2015 viene regolarmente applicato il procedimento descritto sopra, studiato per la prima volta dal meteorologo e chimico Vincent Schaefer (1906–1993), primo a scoprire il principio, nel 1946, durante una scalata sul Monte Washinghton (nello stato di New York).

In un Paese come questo, con un tasso annuo di precipitazioni di circa 100 mm, un’elevata evaporazione delle acque superficiali e una progressiva riduzione delle riserve di acque sotterranee, si comprende come mai si investa tanto sulla semina delle nubi. Non solo, con una popolazione in rapida crescita che dovrebbe raggiungere i 10,4 milioni di persone entro il 2020, rispetto ai circa 9 milioni di oggi, gli Emirati Arabi sono sotto pressione per trovare metodi più economici di approvvigionamento di acqua dolce rispetto alla tradizionale desalinizzazione del mare.

Anche per una questione di costi: secondo alcuni dati forniti dall’International Desalination Association (IDA), un impianto comune di desalinizzazione su larga scala che produce circa 100.000 metri cubi di acqua al giorno (sufficiente a servire circa 300.000 persone), ha un costo di circa 100 milioni di dollari, pari a 1 milione di dollari ogni 1000 metri cubi. Per non parlare dell’impatto ambientale: consumo spropositato di energia e minaccia per la vita marina dovuta all’alterazione della concentrazione di sale.

Al contrario, il Cloud Seeding – anche se numeri aggiornati non sono stati resi noti – avrebbe un costo decisamente più basso, sarebbe addirittura 60 volte più economico, secondo il National Centre of Meteorology: se desalinizzare 1 metro cubo di acqua costa circa 60 dollari, la stessa quantità di acqua estratta attraverso la semina delle nuvole costa solo 1 dollaro. E la semina delle nubi ha un impatto minimo o nullo sull’ambiente, in quanto utilizza sali naturali e non prodotti chimici o artificiali. Certo, i risultati non sono così immediati e tantomeno sicuri: sempre secondo il National Centre of Meteorology, l’inseminazione può aumentare le precipitazioni fino al 30-35% in una “atmosfera pulita”, ma qui la percentuale si abbassa un po’a causa di polvere, sabbia e smog.

Ma che arrivi o meno la pioggia, l’inseminazione delle nuvole solleva sempre accesi dibattiti, sia da un punto di vista etico (è lecito forzare la natura?) sia perché non si conoscono a fondo quali ripercussioni ci possano essere realmente, a lungo termine, intervenendo su un sistema così complesso come la meteorologia. Chi l’appoggia sostiene appunto che, sul lungo periodo, sia meno dispendiosa della dissalazione dell’acqua del mare, che utilizza al momento ben il 20% dell’energia della regione oltre ad avere un impatto pesantissimo sull’ambiente (gli Emirati stanno comunque lavorando anche su impianti di dissalazione che utilizzino il fotovoltaico ed energie pulite). Ma ci sono anche tanti detrattori del Cloud Seeding, primo tra tutti Peter Gleick, fondatore del Pacific Institute in California ed esperto mondiale di acqua, che sottolinea come negli ultimi 60 anni le tecniche di modificazione del clima non abbiano assolutamente funzionato e che siano più utili, al contrario, strategie solide e affidabili per la gestione dell’acqua. In altre parole, se l’oro blu nel deserto non c’è, forzare la natura non è proprio possibile.

Per chi desidera approfondire, questo servizio della BBC documenta un’operazione in diretta.

 

Articoli correlati

Share This