Dubai, ma quanto mi costi?

da Gen 30, 2019Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Nessuno pretende di stare ancora ai prezzi di tanti anni fa, quando la città era in pieno boom. Se da una parte gli affitti erano alti al limite del ridicolo, anche perché gli arrivi a gettito continuo di expat di alto profilo superavano l’offerta di appartamenti e ville di qualità sul mercato (in alcune zone erano proprio introvabili), il costo di servizi e beni di uso quotidiano era irrisorio. Affitti a parte, venendo per esempio da Roma, all’epoca, fra cambio estremamente favorevole e costo della vita diverso, in molti casi con 50 aed si comprava l’equivalente di 50 euro a casa. La benzina poi sembrava gratuita. Certo non si trovava tutto e non tutto si trovava ovunque (erano pochi i centri commerciali ragionevolmente forniti), alcuni servizi stavano appena iniziando e la qualità della vita tendeva sicuramente più verso l’avventura che verso la comodità. Però, fra stipendi elevati, benefit da Paese che doveva ancora incoraggiare le persone a venire e prezzi bassissimi, stare nel “sabbione” aveva un suo bel perché.

Con il trascorrere del tempo le cose sono progressivamente cambiate. Il mercato è stato invaso da abitazioni in affitto e in vendita, sono sorti centri medici e scuole come funghi, via via prodotti tipici di Paesi specifici prima considerati di nicchia hanno iniziato a essere distribuiti anche nei supermercati, le aziende di servizi si sono evolute e raffinate. Insomma la varietà e la quantità, se non la qualità, dell’offerta sono decisamente aumentate. A questo aggiungiamo l’amata-odiata IVA, la regolamentazione di alcuni settori professionali che prima potevano agire con maggiore disinvoltura e l’incremento del prezzo della benzina.

Tutti fattori determinanti nel creare una situazione attuale ben diversa, praticamente l’opposto, rispetto a quella familiare a chi arrivava in passato. Il costo di affitti e vendite è crollato, le tariffe scolastiche prima in crescita libera si stanno stabilizzando e sta diventando meno drammatico trovare posto nelle scuole che oltretutto sono ovunque; cliniche e centri medici sono praticamente distribuiti capillarmente quartiere per quartiere, come i supermercati e i centri commerciali di tutte le dimensioni, le strade sono asfaltate e portano dappertutto senza dover avere un quattroruote da combattimento, ma… ma proprio questa crescita, combinata con l’innegabile esodo di specifiche categorie di professionalità (e passaporto ergo portafoglio), ha anche portato all’incremento di prezzo di quelle piccole cose di tutti i giorni che prima costavano niente e che per molti rappresentavano la coccola, la compensazione che permetteva di accettare altri sacrifici imposti dalla vita qui, e che creavano un giro di denaro sul quale in buona parte si appoggiava l’economia della città.

Mi riferisco ai caffè e ai pranzetti fuori, ai brunch del venerdì, alle staycation, ai biglietti del cinema anche in categoria VIP, al personale domestico, allo shopping senza troppi pensieri, agli accessi in piscina o agli home delivery, che sono il simbolo della vita da expat classico a Dubai. Se non ci fossero le offerte, i tre al prezzo di due dei prodotti in via di esaurimento scorte, i vari Groupon ed Entertainer, parecchi expat dell’ultima ora non sopravvivrebbero qui adesso, mentre prima la corsa al risparmio esagerato, per tanti, più che una esigenza, era quasi un gioco, una sfida. Del resto le strade, che anni fa vedevano a tutte le ore del giorno e della notte un via vai continuo di camion di negozi di arredamento e pulmini di operai, sono sempre meno trafficate anche nei momenti tradizionalmente di picco; se si incontra qualche van di trasloco quattro volte su cinque si tratta di un container che se ne va.

Anche se i numeri ufficiali dicono che la popolazione locale sta aumentando o si mantiene stabile, si tratta per lo più di persone che vengono a stipendi inferiori o che si trasferiscono da quartieri periferici o dagli Emirati confinanti, attratti dagli affitti più bassi, ma che poi poco spendono a livello di vita di tutti i giorni. Intanto ovunque continuano ad aprire nuovi mall e nuovi negozi che si fanno concorrenza fra loro con prezzi sempre più alti per sostenere i costi (salvo poi chiudere dopo un anno o due), mentre invece sempre più si affermano i siti di vendita online a costi e prezzi ridotti. Non si riesce insomma a capire bene quale sia la logica dietro a certe mosse.

Certo che se qualche mese fa sulle strade principali di Dubai troneggiavano cartelloni pubblicitari di McDonalds, e dico McDonalds, con offerte di pasti extra-scontati, qualche domanda sulla direzione imboccata dalla città viene. Come sempre, staremo a vedere: Dubai ha stupito tante volte in passato e saprà sicuramente stupire anche questa volta. Di sicuro, glielo auguriamo.

Articoli correlati

Share This