La Banca del Cibo per limitare gli sprechi

da Gen 15, 2017Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il 35% dei rifiuti prodotti a Dubai sono organici. Che cosa significa? Che lo spreco di cibo in città, come in tutti gli Emirati, è altissimo. Per avere un termine di paragone, basti citare i Paesi Scandinavi dove la quantità dei rifiuti organici è solamente il 5% sul totale della spazzatura. Il Governo emiratino ha quantificato in 13 miliardi di dirham il cibo che finisce ogni anno nella pattumiera.

Proprio per questo, per limitare gli sprechi, il Governo ha istituito la Uae Food Bank, la Banca del Cibo. L’iniziativa rientra nelle attività del “2017, Giving year”, il tema scelto dalla Sceicco per quest’anno appena cominciato (lo scorso anno il tema era stato invece la lettura).

Lo spreco d cibo è un problema presente tutti i paesi sviluppati, ma a Dubai, con l’enorme quantità di ristoranti, hotel, feste e matrimoni, è decisamente più evidente e sotto i nostri occhi ogni giorno. La Food Bank, costituita come associazione no profit, collaborerà con le istituzioni locali ed internazionali per salvare gli alimenti che possono essere ancora consumati, conservarli in maniera appropriata, confezionarli e distribuirli. Gli altri attori coinvolti saranno gli hotel, i ristoranti, i supermercati, ma anche le aziende agricole. Grazie al supporto di una rete di volontari, poi, gli alimenti verranno impacchettati e consegnati, sia negli Emirati che in altri paesi del mondo.

Ricordiamo che, secondo gli ultimi dati del Programma Alimentare Mondiale ( WFP), ci sono 795 milioni di persone che oggi, nel mondo, soffrono la fame. Oltre all’aspetto umanitario, il progetto ha un secondo l’obiettivo: azzerare, o quantomeno limitare, il quantitativo di immondizia organica che, come abbiamo detto, pone gli Emirati ai primi posti nel mondo.

La sede principale della Food Bank sarà il mercato ortofrutticolo di Dubai, mentre altri 15 punti apriranno negli Emirati e in altri paesi. Al momento hanno già aderito all’iniziativa 85 tra catene di hotel e ristoranti, oltre a 100 supermercati (tra gli altri Majid Al Futtaim Group, Carrefour, Choithrams, Dubai Trade Centre, Jumeirah Hospitality). “Ci auguriamo che la Food Bank – ha sottolineato Sheikha Hind bint Juma Al Maktoum, presidentessa della Banca – diventi la più grande iniziativa di aiuti alimentari nel mondo musulmano”. Nella prima fase del progetto, l’obiettivo è di distribuire 30.000 pasti.

Articoli correlati

Share This