Genitori, attenzione al Blue Whale

da Feb 25, 2019Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

In questi giorni, in diverse scuole di Dubai, stanno di nuovo girando circolari che mettono in allerta i genitori sul pericolo di alcuni giochi, o meglio sfide, che i ragazzini vengono invitati a seguire attraverso i Social Media o attraverso specifici siti Web. Il già noto Blue Whale, ma anche altri giochi (come ad esempio “Wake me up at 4:20 am”) che utilizzano video horror su Youtube e che hanno come protagonisti personaggi come Momo, Jeff the Killer, Bloody Mary.

Il consiglio è sempre lo stesso: occorre osservare il comportamento dei propri figli, spiegare dell’esistenza di questi giochi e insegnare loro, fin da piccoli, a non rispondere o chattare con persone che non conoscono. 

Uno strumento molto utile, per i genitori che magari non conoscono le ultime tendenze in fatto di Social Media o giochi online, è Net Aware , una sorta di guida, realizzata in Inghilterra dalla National Society for the Prevention of Cruelity to Children (NSPCC), con link utili e molti consigli.

Oggi riproponiamo questo articolo di Marilena Falcone, pubblicato sulle pagine di Dubaitaly nel maggio del 2017, quando il fenomeno Blue Whale, del quale si discusse molto in tutto il mondo, occupò anche le pagine dei quotidiani degli Emirati.

Presso la maggior parte degli istituti di Dubai sta girando una circolare ufficiale, inviata dalle direzioni scolastiche, che mette in allerta i genitori sul pericolo serio introdotto da un gioco online che starebbe avendo un successo incredibile nel mondo: Blue Whale.

Il gioco procederebbe per gradi successivi, ponendo 50 sfide crescenti in 50 giorni rigorosamente da documentare fotograficamente con invio di foto ai creatori del gioco (pena la ricezione di “minacce”). Si inizierebbe con la visione di film psichedelici e horror, per passare a lesioni o ferite auto-inflitte o inflitte agli altri con la forma di squali o balene, fino alla sfida finale, il suicidio. Il gioco (ammesso che abbia senso chiamarlo così) sarebbe già dilagato in Brasile, Portogallo e Russia dove addirittura pare che negli ultimissimi tempi un centinaio di casi di suicidi sarebbero direttamente correlabili alla sfida finale.

L’allarme è stato lanciato da un articolo comparso pochi giorni fa su Khaleej Times, che si è messo a disposizione della Polizia di Dubai per approfondire la questione. Il direttore del dipartimento anti-crimini telematici, Colonnello Saeed Al Hajiri, ha dichiarato che al momento nulla fa pensare che il gioco sia arrivato qui o che ci siano casi di lesioni o suicidi ad esso collegati. Tuttavia Khaleej Times, se da un lato riferisce di aver provato ad accedere/acquistare il gioco online dal sito che lo produce senza riuscire a trovare nulla, dall’altro conferma che ci sono tracce più che sufficienti in rete a dimostrarne l’esistenza e la circolazione, soprattutto nelle discussioni all’interno di gruppi chiusi (ad alcuni dei quali i loro giornalisti si sarebbero iscritti).

Non si tratta insomma di un allarme immediato, ma sicuramente è meglio non sottovalutare il rischio liquidandolo come “leggenda metropolitana”. Oltretutto giochi simili sono realmente esistiti in passato e se non altro l’articolo di Khaleej Times ha riacceso il dibattito, sempre importantissimo, su come educare i ragazzi alle regole del buon senso, della privacy e della sicurezza informatica, favorendo anche l’organizzazione di corsi e seminari a tema.

Naturalmente le scuole chiedono ai genitori di prestare sempre la massima attenzione e in generale di non esitare a contattare i Counselor scolastici nel malcapitato caso si noti qualcosa di anomalo nei figli, anche in termini di comportamento.

Articoli correlati

Share This