Il paradosso triste del Damas Tree

da Ott 17, 2016Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il paradosso triste del Damas Tree: una delle pochissime piante tipiche di questa parte di mondo (è originario di Africa e Yemen), proprio per le caratteristiche che ne hanno consentito la sopravvivenza lungo le coste e nelle aree fluviali di zone climatiche calde e assolate, è da qualche anno diventata oggetto di periodiche campagne per la rimozione, sponsorizzate e promosse da importanti gruppi di costruttori locali e dalla Municipality di Dubai.

Il Damas Tree è infatti dotato di radici nodose e forti che continuano a espandersi in larghezza e in profondità, anche quando l’albero è tagliato, alla ricerca di acqua e nutrimento che non troverebbe facilmente in condizioni naturali. Inoltre le chiome frondose e rinfrescanti hanno un ricambio frequente di foglie, fiori e semi, soprattutto quando acqua e fertilizzante non mancano.

Tali caratteristiche, vitali appunto per la sopravvivenza nelle zone di origine, una volta che i giovani virgulti vennero profusamente piantati in alcune, all’epoca, nuovissime aree residenziali di Dubai, hanno consentito alle piantine regolarmente annaffiate di crescere in maniera impressionante, diventando in pochissimi anni sì molto belle, verdi, rigogliose, ombreggianti, ma anche causa di danni pesanti provocati dalle radici e da foglie, fiori e semi caduti a strutture, condutture, sistemi di irrigazione e tubature (con bollette DEWA incrementate del 1000% prima di individuare la causa), piscine interrate, mura e muretti perimetrali, strade, sentieri e persino ai giardini, dei quali letteralmente divorano ogni risorsa nutritiva.

Dal 2012, periodicamente viene riproposta la campagna “Say No to Damas”, che invita a rivolgersi a compagnie specializzate nella rimozione completa e nello smaltimento corretto delle piante ancora presenti. Il costo della rimozione di un Damas Tree può arrivare a sfiorare i 1000 aed, una cifra non insignificante, ma comunque minima rispetto ai costi necessari per porre rimedio ai danni apportati o, meglio ancora, per prevenirli.

Articoli correlati

Share This