La sabbia di Dubai

da Mar 13, 2018Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

“Vorrei scrivere qualcosa sulla sabbia di Dubai”, ho annunciato sovrappensiero in macchina a mio marito questa mattina, mentre attraversavamo la città avvolta nella tipica patina di polvere che accompagna i primi venti del cambio di stagione di marzo e aprile. “Interessante”, mi ha risposto laconico, mantenendo con espressione imperturbabile lo sguardo sulla strada, senza nemmeno sforzarsi di convogliare il suo sarcasmo toscano: era implicito.

Eppure, ironia a parte, la sabbia qui è un fattore dominante. È talmente presente e importante che gli speaker radiofonici di lingua inglese hanno coniato una espressione apposita da usare nelle giornate come quella di oggi, quando non si può parlare a tutti gli effetti di “sandstorm”, ma si è comunque completamente immersi nella polvere: “dusty weather”, appunto. In queste giornate la sabbia, che è una vera e propria cipria impalpabile, si infila ovunque in pochissimo tempo. Tutto, pure l’aria, si ricopre in un attimo di una patina greige, ossia quel tono di colore a metà fra il grigio e il beige caro ad Armani che ci è oramai ben familiare.

In effetti questa polvere composta in gran parte di silice, che ritroviamo a distanza di tempo ovunque, anche fra le fibre delle magliette di cotone lavate in lavatrice, tanto salutare non è. È talmente sottile che penetra con grande facilità nel naso ed è da molti considerata la causa principale della grande diffusione di allergie e problemi respiratori, anche seri, in adulti e bambini. Quando il tempo è “dusty”, l’unica difesa è uscire il meno possibile, tenere porte e finestre chiuse e, se è proprio necessario stare a lungo all’aperto, provare a difendersi con le mascherine medicali che coprono occhi e bocca.

Una mia conoscente originaria del Bahrein, appassionata di cure naturali, addirittura faceva frequenti fumenti con il tè di Kombucha, rimedio della medicina credo cinese che si faceva spedire dall’estero, perché, mi diceva, aiuta contro gli accumuli di sabbia nei polmoni. Verità o leggenda, in effetti noi facciamo pulire spesso i filtri dell’aria condizionata a casa e in automobile e ogni volta la quantità di polvere che esce è impressionante. Non oso pensare a cosa ci stiamo mangiando e soprattutto respirando.

Del resto, quanto la “cipria greige” sia insidiosa lo possiamo sentire letteralmente a pelle: in queste giornate, se non si adottano le debite precauzioni, la bocca si screpola, le linee del viso diventano più nette, la pelle appunto in generale è molto più secca: non è un caso che il “burka” dell’abito tradizionale locale fosse per le donne più abbienti una mascherina rivestita internamente di pelle imbevuta di oli e lozioni sistemata a ricoprire e proteggere occhi, naso e zigomi.

Oggi invece il segreto delle donne local è la vaselina, in voga non perché derivata dal petrolio quindi prodotto e orgoglio nazionale, ma perché con la sua consistenza è l’unica sostanza che, stesa sulla pelle pulita e idratata, riesce a creare una barriera protettiva impenetrabile per la sabbia.

Oltretutto la sabbia è abrasiva, quindi può risultare irritante. Allo stesso tempo per questa caratteristica può essere anche igienizzante: in passato veniva infatti usata al posto dell’acqua non solo per “lavare” gli abiti, ma anche nella cura della persona e nelle abluzioni rituali prima della preghiera.

Insomma, per noi che viviamo nel “sandpit” la sabbia è interessante sul serio, fa proprio parte della nostra realtà. Chi è qui da molto tempo riesce addirittura a riconoscerne l’odore (quando vivevamo a Dubai Marina dieci anni fa ero convinta che quello che annusavo di primo mattino dal balcone al ventisettesimo piano fossero gli scarichi della centrale termoelettrica; solo molto più tardi ho capito che era invece il tipico “profumo del deserto”).

E se gli Inglesi hanno un’infinità di espressioni per definire le varie sfumature di pioggia e gli Irlandesi vantano le leggendarie 40 sfumature di verde, anche noi qui negli Emirati ci difendiamo bene con le nostre tre sfumature di greige (chiaro, medio e scuro) nelle quali ci immergiamo a ogni cambio di stagione.

Articoli correlati

Share This