La sicurezza e i bambini a Dubai

da Gen 23, 2021Lifestyle

TRENDING

Al Ain: Alla scoperta della natura e dell’entroterra emiratino

Al Ain è una delle principali città degli Emirati Arabi situata al confine con l’Oman e ad un ora e mezza di macchina circa dalla capitale Abu Dhabi. Essendo nel cuore del deserto e ovviamente non avendo sbocco sul mare, la città presenta paesaggi naturalistici molto...

Comprare casa a Dubai: come investire con EMAAR?

“Sono venuto a Dubai e ne sono rimasto affascinato. È possibile comprare casa qui?” “Ho visto alcune nuove costruzioni di EMAAR, mi piacerebbe saperne di più, ma non so da dove cominciare”. “Il mercato è altalenante. Ha senso fare un investimento immobiliare a Dubai o...

Ras al Khaimah, snodo internazionale e paradiso naturalistico

Situata lungo l'estremità settentrionale della costa degli Emirati Arabi, Ras Al Khaimah (RAK) si trova tra il Golfo Persico e le montagne Hajar. La città copre circa 27 miglia di costa, sulla quale lagune d’acqua cristallina, spiagge di sabbia dorata e altipiani...

Sua Maestà la Carbonara…di Mezzo!

Nasce a Roma, ma ha viaggiato in lungo e in largo. Senza dubbio nell’Olimpo delle pietanze tipiche italiane: Sua Maestà la Carbonara. Per questo, ogni italiano che si rispetti avverte una fitta al cuore quando sente parlare di orribili rivisitazioni: dai preparati...

Il mondo in miniatura al Global Village di Dubai

Il Global Village di Dubai è senza dubbio un luogo affascinante senza eguali in tutta la regione. Oltre ad essere un sito culturale, è anche un vero e proprio hub di intrattenimento e spettacoli di ogni genere. Il concept è alquanto suggestivo ed originale: ricreare...

La cultura autentica di Dubai. Cosa è l’Islam e chi sono i musulmani

Dalle moschee in perfetto stile arabo alle giganti strade all’americana e ai profumi d’India, ecco Dubai, città europea ed intimamente così orientale dove numerose culture si confondono come tessere di un grande mosaico. Qui tradizioni e abitudini fortemente distanti...

Mamma, mollo tutto e vado a fare il gelato a Dubai

Se il tuo obiettivo è quello di piacere a tutti non provare a essere un leader, inizia a vendere gelati. (Steve Jobs). Se c’è una cosa italiana, indiscutibilmente italiana che ha conquistato il mondo (come la pizza, tanto per fare un altro esempio) è il gelato. Che,...

Fabrizio Puglisi, turismo e calcio “made in Italy” negli Emirati Arabi

Fabrizio, siciliano, classe ’86, è riuscito a combinare qui le sue due gradi passioni, quella per il calcio e  quella per il suo Paese, e a trasmetterle alle centinaia di bambini della “Juventus Academy”, che vengono da 50 nazioni diverse, tra di loro parlano in...

Elisa Corvi e due mondi che si incontrano a Dubai

Come sei arrivata a Dubai e quando? 8 anni fa dall’Italia. A quel tempo vivevo a Milano con mio marito e le mie due prime figlie Bianca e Ginevra e aspettavo il mio terzo, Leo. Perché hai deciso di venire a Dubai? Motivi di famiglia: all’inizio perchè mio marito è...

Un affascinante viaggio attraverso le isole di Abu Dhabi

La bellissima capitale degli Emirati Arabi è un affascinante arcipelago composto da oltre 200 isole, moltissime delle quali accessibili ai visitatori. Lo stesso cuore pulsante della città si erge su un’isola distante circa 250 metri dalla terraferma. Da viste...
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Uno dei motivi per i quali gli “expat”, soprattutto occidentali, apprezzano la vita a Dubai è la sicurezza per la quale questa città è famosa. Appena arrivati, si capisce subito che ci sono telecamere e polizia in borghese ovunque e, a prescindere dalle riflessioni socio-filosofiche sul concetto di libertà che vengono automaticamente accantonate quando si sceglie di trasferirsi qui, il senso di tranquillità e protezione è forte, anche perché i giornali filtrano molto le notizie di cronaca nera, dando enfasi alle punizioni esemplari alle quali sono sottoposti gli autori di quei crimini arrivati alle orecchie dell’opinione pubblica o ai ritrovamenti di oggetti anche di valore smarriti nei mall o per strada.

In effetti una maggiore legalità, diciamo così, rispetto alle nostre grandi città qui c’è. Ciò porta a sentirsi sicuri in tutte le situazioni. I bambini da una certa età in poi vanno da soli al parco del compound o a scuola in bici, spesso si esce di casa senza chiudere a chiave la porta e così via. Insomma è come vivere in una città moderna con la sicurezza del piccolo paese della nostra infanzia.

Ogni tanto però, come è successo di recente, nel passaparola internettiano escono notizie allarmanti su tentativi di adescamento, truffe, furti, aggressioni, violenze. A volte sono bufale, a volte no. È sempre molto difficile in questi casi, a meno di conoscere le persone direttamente coinvolte, capire realmente di cosa si tratti o si sia trattato.

Come scrivevo prima i giornali filtrano molto le notizie e spesso i comunicati ufficiali sono volti a calmare gli animi fornendo informazioni minime e non dettagliate. Inoltre il concetto di protezione della privacy porta alla necessità di prestare la massima attenzione a ciò che si scrive in rete. Questo porta da un lato alla nascita di leggende metropolitane esagerate, dall’altro a una percezione eccessiva del “qui non succede mai nulla di male”.

Ora, per noi adulti, che comunque siamo cresciuti altrove e altrove abbiamo sviluppato il sesto senso indispensabile nelle situazioni di potenziale pericolo, poco male. Il peggio che può capitarci è di dimenticare di chiudere la borsa quando torniamo in patria.

Per i bambini invece il discorso è più complesso. Da un lato è molto bello che crescano sereni e fiduciosi verso il prossimo, ma a una certa età è comunque importante iniziare a introdurre, pur vivendo qui, il concetto di “stranger danger”, ovvero il nostrano “non accettare caramelle dagli sconosciuti”, e quanto ne consegue. Non solo per evitare eventuali condizioni di rischio reale che, nonostante tutto, possono presentarsi anche in questa “capsula beata” nella quale viviamo, ma anche e soprattutto per prepararli al mondo esterno, di modo che un domani, in vacanza, per studio o per trasferimento definitivo in un altro paese, non si ritrovino come pesci fuor d’acqua incapaci di cavarsela in tutte le situazioni, ma abbiano nel frattempo sviluppato pure loro il nostro “sesto senso” istintivo.

Articoli correlati

Educare con Gioco

Educare con Gioco

Secondo la statistica sulla popolazione emiratina rilasciata da Globalmediainsight.com il 14.20% di essa ( 1.36 milioni) è composta da bambini tra 0 e 14 anni; dai dati in possesso del consolato italiano negli UAE, il 27% degli iscritti all'AIRE (Anagrafe Italiani...

10 percorsi per correre a Dubai

10 percorsi per correre a Dubai

Amate correre? Siete da poco arrivati in città e non conoscete ancora tutti i percorsi? Oppure siete stufi del solito giro e siete in cerca di nuovi panorami? Ecco i migliori 10 luoghi dove correre consigliati da Dubaitaly. Dubai Marina Tra i grattacieli e il mare,...

Educare con Gioco

Educare con Gioco

Secondo la statistica sulla popolazione emiratina rilasciata da Globalmediainsight.com il 14.20% di essa ( 1.36 milioni) è composta da bambini tra 0 e 14 anni; dai dati in possesso del consolato italiano negli UAE, il 27% degli iscritti all'AIRE (Anagrafe Italiani...

10 percorsi per correre a Dubai

10 percorsi per correre a Dubai

Amate correre? Siete da poco arrivati in città e non conoscete ancora tutti i percorsi? Oppure siete stufi del solito giro e siete in cerca di nuovi panorami? Ecco i migliori 10 luoghi dove correre consigliati da Dubaitaly. Dubai Marina Tra i grattacieli e il mare,...

Share This