Le strade di Dubai

da Set 16, 2018Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Nessuno è perfetto, si sa, e devo riconoscere che il senso dell’orientamento non è decisamente fra le mie doti. Come dice una cara amica, se mai un domani qualche neurologo dovesse definire il concetto di dislessia tridimensionale, io ne risulterei sicuramente affetta. Vero è che solo ieri mi sono trovata a dover inviare in allegato Whatsapp la mia posizione su Google Maps a mio marito, all’estero per lavoro, a seguito di un dubbio sulla direzione presa dal Careem sul quale viaggiavo e della mia incapacità, circondata da sabbia, tristi edifici e piloni dell’alta tensione, a capire dove fossi.

Ma non era tutta colpa mia: fra la mia distrazione e la parlata sconnessa dell’autista, non avevo capito che quello che a me suonava come Meydan – da me frainteso come “Signò, passo pe’ Meydan?” – fosse invece un normalissimo appellativo Madam nei miei confronti. Insomma, eravamo sulla Al Khail, dove dovevamo essere. Cose che succedono a Dubai, luogo nel quale le persone provengono da tutte le parti del mondo e passeggeri, autisti e tassisti hanno gli accenti più disparati: addirittura molti anni fa mi capitò un tassista che chiaramente non sapeva nemmeno leggere i cartelli stradali perché, appena arrivato, non aveva ancora imparato a decifrare i caratteri occidentali o arabi… probabilmente aveva ottenuto la licenza o semplicemente il taxi in prestito dal cugino del fratello della zia del nipote del cognato vedovo della moglie: a quei tempi ancora funzionava così.

Problemi linguistici a parte, l’introduzione dei navigatori satellitari in tempi recenti sta diventando quasi fattibile in una città nella quale, come notai sin dall’inizio, le strade cambiano all’improvviso spostandosi come le scalinate della scuola di magia di Harry Potter. Non solo: nemmeno quelle fatte e finite sono cosa certa, perché a volte cambiano anche i nomi, con situazioni estreme come il caso “Emirates Road”, denominazione storica della E311 che ora non si chiama più così, ma “Sheikh Mohammed Bin Zayed Road”… e adesso la targa di “Emirates Road” è assegnata alla E611.

Stesso nome, strade completamente diverse. Poi uno dice che ci si confonde. Per forza di cose qui non esistono gli indirizzi come li intendiamo noi. Per capire dove andare a Dubai è bene rinunciare al concetto di via, civico, codice postale e quant’altro e affidarsi invece a quello di landmark, ovvero di edificio di riferimento più vicino. Chi deve andare in un posto isolato è perduto per sempre. L’abitudine di cambiare nomi o di usare nomi di uso comune invece di quelli riportati ufficialmente sulle cartine si è tra l’altro estesa anche alle fermate della metropolitana, che insieme alla rete autobus è molto utilizzata.

Proprio per questa situazione indefinita relativa agli indirizzi, sta prendendo sempre più piede l’uso del GPS e del Makani, ossia la posizione in forma di coordinate satellitari. Ciò non garantisce comunque di arrivare per tempo nel punto desiderato perché non è detto che le mappe stradali riportate nel navigatore siano esattamente aggiornate o fedeli alla realtà, ma con un po’ di esperienza e magari con un quattroruote che consente di avanzare nella sabbia od oltrepassare cordoli e muretti ci si può arrangiare.

Un altro elemento di confusione è causato dalla disposizione dei cartelli segnaletici, posti a volte in luoghi non immediatamente visibili o adeguati a far capire tempestivamente in quale punto svoltare. Adesso va un po’ meglio, ma in passato non era raro, soprattutto spostandosi verso gli emirati vicini, trovare indicazioni direzionali piazzate subito dopo la via che sarebbe stato necessario imboccare. E a Dubai sbagliare strada non è cosa da poco: i chilometri da percorrere prima di trovare una inversione a U in certi casi sono leggendari. Inoltre: la forma a dir poco anticonvenzionale di alcuni svincoli (qui il quadrifoglio ha raggiunto livelli di fioritura mai visti; si mormora in modo semiserio che ciò sia dovuto al fatto che in origine chi costruiva le strade venisse pagato a chilometro, quindi non sempre la via più conveniente per andare da A a B era la retta), il criterio di entrata e uscita nelle strade a grande percorrenza, l’uso randomico delle rotonde e chi più ne ha più ne metta… tutti fattori che, uniti a stili di guida disinvolti, non agevolano le cose.

Facili ironie o sbuffate vere e proprie a parte, è importante anche comprendere la storia delle strade di questa città e dei dintorni. Di recente ho letto, e non ne avevo la minima idea, che solo nel settembre del 1966 a Dubai è stato introdotto l’obbligo di guida sul lato destro. Ai tempi dei Trucial State la guida era a sinistra, come nel Regno Unito. La conversione avvenne con un preavviso agli automobilisti di appena 15 giorni, tramite un semplice cartello affisso su una via parecchio frequentata di Deira. All’inizio riguardò solamente Dubai, creando qualche difficoltà per chi si muoveva in direzione Abu Dhabi, dato che solo più tardi la capitale avrebbe introdotto la nuova modalità di guida.

Ci furono a latere problemi per quel che riguardava il mercato dell’usato, e molti iniziarono ad alterare le automobili facendo rimuovere e spostare a sinistra il volante dal meccanico improvvisato di turno, fino all’adozione di normative più stringenti e precise negli anni Ottanta. È pur vero che negli anni Sessanta le strade erano praticamente larghi sentieri di fango e ciottoli che si interrompevano e riprendevano, e che Dubai contava solo 3.000 abitanti circa, dei quali pochissimi dotati di veicolo proprio, quindi il rischio di incidenti seri che non coinvolgessero cammelli ma solo automobili, pulmini o camioncini era minimo. In effetti Al Seef Road fu la prima ad essere asfaltata, quasi 60 anni fa. Successivamente, 51 anni fa, sempre a Dubai venne introdotto il primo sistema di illuminazione stradale pubblica.

Insomma, di strada da allora ne è stata percorsa davvero tanta, è proprio il caso di dirlo. Municipality e Polizia insieme hanno ottenuto risultati un tempo impensabili, se ragioniamo rimettendo le cose in prospettiva. anche e soprattutto in termini di miglioramento della sicurezza e del rispetto delle regole, in particolare nell’ultimo decennio. Molto poi sta a chi si mette alla guida, ma quello purtroppo è un altro discorso.

Articoli correlati

Share This