NYU Abu Dhabi: “l’università del futuro” festeggia un decennio di eccellenza

da Set 23, 2021Highlights, Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Se si tratta di eccellenze nel mondo Arabo non si può non parlare di NYU Abu Dhabi (NYUAD). Nel giro di 10 anni, questa università fondata con il benestare di sua altezza reale Khalifa Al Nahyan, è riuscita a diventare una delle più prestigiose e selettive al mondo. Con oltre 14,400 richieste d’ammissione ricevute nel corso dell’anno accademico 2020-21, solo il 4% (625) sono state accettate. Circa l’80% degli studenti che vengono ammessi a NYUAD decidono di frequentare l’università, spesso preferendola ad altre Ivy League come Harvard o Yale. Ma come ha fatto un università pensata e costruita negli Emirati a scalare le classifiche mondiali e a scavalcare persino le più antiche e rinomate istituzioni statunitensi?    

Per capirlo, bisogna partire col differenziare NYUAD dal suo omonimo statunitense. In molti confondono NYUAD come un semplice satellite della ben più nota e famosa NYU di New York, ma gli studenti e i professori di NYUAD ci tengono a precisare che la sede di Abu Dhabi è unica nel suo genere. In primis, NYUAD è un vero e proprio microcosmo. Con oltre 115 paesi rappresentati, questa università si classifica come una delle più multiculturali al mondo. Questo dato fa ancora più impressione se si considera che il numero attivo di studenti è minuscolo rispetto ad altre realtà statunitensi. Nell’anno accademico 2020-21, NYUAD conta solo 1800 studenti rispetto ai 27 mila di NYU o ai 22 mila di Harvard. Riuscire a concentrare una tale diversità di bagaglio culturale in cosi pochi studenti rende NYUAD unica sulla faccia della terra. 

La seconda particolarità di questa università è il suo programma di arti liberali. Come diceva l’ex Presidente di NYUAD John Sexton, gli studenti devono essere portati a “suonare un’altra ottava del pianoforte.” Tradotto in gergo colloquiale, prima di specializzarsi in una materia, gli studenti devono sfidare se stessi iscrivendosi in corsi a cui non sono necessariamente predisposti. La motivazione alla base di questo pensiero è che testando le acque in varie materie, gli studenti svilupperanno un pensiero critico che permetterà di mettere insieme una serie di competenze utili per adattarsi al mondo del lavoro in costante evoluzione. 

Per questa ragione, tutti gli studenti di NYUAD devono completare almeno sei corsi del cosiddetto “core curriculum” prima di laurearsi. Questi corsi hanno generalmente un limite massimo di studenti per ogni sessione, cosi da poter assicurare uno stile d’insegnamento “colloquiale” in cui ogni studente ha la possibilità di confrontarsi sia con il Professore che con gli altri compagni provenienti da specializzazioni diverse. Questa situazione fa si che ciascun alunno possa ascoltare e imparare dai vari metodi utilizzati da studenti di discipline diverse per arrivare alla risoluzione di un problema. 

La terza e ultima particolarità di questa università è la procedura di ammissione. Per entrare a far parte di NYUAD esistono due turni di selezione. Gli applicanti che passano la prima scrematura vengono invitati, a costo dell’università, nel campus di Abu Dhabi per un weekend da passare insieme a tutti gli altri candidati. In questo weekend gli aspiranti studenti hanno la possibilità di vedere coi loro occhi il complesso universitario sulla Saadiyat Island e di partecipare ad alcune lezioni per valutare il metodo d’insegnamento adottato dai professori. Gli addetti alle ammissioni hanno invece modo di valutare come ciascun candidato si integri con gli altri selezionati e con la comunità dell’università.   

Per capire meglio che tipo di studenti popolano questa speciale università, abbiamo deciso di intervistare Francesca Antonone, una studentessa Italiana al secondo anno di NYUAD. Riportiamo l’intervista per intero qui sotto. 

Come è nata la scelta di venire a studiare alla NYU di Abu Dhabi?

Fin da quando ero piccola, essendo nata e cresciuta in una piccola cittadina del casertano, ho sempre sentito l’impellente bisogno di evadere da quella realtà. Avevo il desiderio di trascorrere gran parte della mia vita in giro per il mondo, studiare qualcosa che mi appassionasse realmente e incontrare persone con alle spalle diversi background culturali, e ho fatto sì che tutto questo si avverasse. Mi sono trasferita a Roma, ho frequentato un liceo internazionale che mi ha aperto molte porte e mi ha fatto avvicinare a realtà che ad oggi, considero parte integrante di tutto ciò che sono diventata – la Cina e gli Stati Uniti. Per i miei studi universitari, cercavo un’istituzione che fosse garanzia di eccellenza, che avesse una realtà interculturale da vivere quotidianamente e una miriade di input e stimoli da cui partire per iniziare a costruire il mio futuro. Ed NYUAD è una chiara rappresentazione di tutto questo – eccellenza, interculturalità, innovazione.

Cosa ti piace di più dell’università? Cosa la rende unica?

Ciò che rende NYUAD unica nel suo genere è la diversità culturale che da sempre la contraddistingue. Per esempio, mi capita in media di interagire con persone di 15 culture diverse al giorno. E quel che rende magico questo posto, è la capacità da parte di coloro che lavorano quotidianamente per far sì che tutto vada per il meglio, di creare un’atmosfera ideale per tutti noi, indipendentemente dai nostri backgrounds culturali.

 

Partecipi a qualche attività extracurriculare? Se sì, quale? E ci puoi spiegare un po di più in cosa consiste?

Sono parte del team di giornalisti al The Gazelle, il giornale dell’NYUAD – un giornale che viene letto non solo da studenti dell’università, bensi da un numero considerevole di persone provenienti da tutto il mondo. Scriviamo e facciamo informazione, sensibilizzando tematiche attuali e coinvolgendo i lettori con le scelte degli argomenti che trattiamo.

 

Come ti trovi nel campus a Saadiyat Island?

L’ambiente qui è straordinario. Lo staff è estremamente gentile, i professori sorprendentemente disponibili e gli studenti incredibilmente motivati. Tutti sono qui perché appassionati, entusiasti e volenterosi di fare grandi cose nella vita.

 

Consiglieresti agli studenti italiani di venire a studiare qua negli Emirati? Che tipo di esperienza possono aspettarsi?

Assolutamente si, solo se si è disposti però a lavorare sodo, mettersi continuamente alla prova e immergersi in un mondo completamente diverso. Quella a NYUAD è un’esperienza che ti cambia la vita – ti fa crescere, scoprire quel che sei veramente e identificare le strade più adatte alla tuo essere.

Francesca Antonone è una studentessa Italiana al secondo anno di NYU Abu Dhabi. Si sta laureando in Scienze Politiche e Studi Legali. 

Articoli correlati

La Terra dell’oro rosso

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

La Terra dell’oro rosso

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Share This