Da Matera a Dubai: a Expo 2020 si concepiscono le metropoli del futuro

da Ott 25, 2021Expo 2020, Highlights, News

TRENDING

Aggiornamento normativa che regola il pagamento salariale: come funziona il WPS

Il Ministero delle risorse umane e dell'Emiratizzazione (MOHRE) ha recentemente emesso la risoluzione ministeriale n. 43 del 2022, un aggiornamento del WPS. Secondo tale risoluzione, almeno il 90 per cento dello stipendio minimo di un dipendente deve essere pagato...

Sulle orme del Profeta: la mostra unica nel suo genere inaugurata a Dhahran

In occasione dei festeggiamenti del capodanno islamico, sabato, 30 luglio,  ha inaugurato a Dhahran, Arabia Saudita, la mostra Sulle orme del Profeta. La prima ed unica nel suo genere, si propone di ripercorrere con minuzia ed accuratezza storica le tappe della...

Convertire la patente di guida a Dubai: tutti gli aggiornamenti

Fino a poco tempo fa, per ottenere la conversione della propria patente di guida a Dubai era necessario recarsi in uno dei centri della Roads and Transport Authority. Solo di recente RTA ha avviato la piattaforma tramite la quale poter avviare il procedimento...

Diluvia sul deserto: Quale è la causa del maltempo negli Emirati?

Negli ultimi giorni la costa orientale degli Emirati Arabi Uniti è stata recentemente colpita da piogge torrenziali e venti forti. Inondazioni improvvise in alcune parti del Khor Fakkan di Sharjah e allagamenti sembrano non dare tregua all’area interessata dal...

EAU: validità del visto in caso di soggiorno all’estero prolungato

Alcune categorie di residenti negli Emirati Arabi possono rientrare nel paese anche se hanno vissuto all'estero per più di sei mesi conservando lo status di residente. Le linee guida in merito sono state recentemente aggiornate. Tali aggiornamenti riguardano esenzioni...

Gli EAU si preparano a celebrare il Capodanno Islamico

Nel mondo arabo-islamico ci si prepara a festeggiare il capodanno islamico, noto anche come capodanno arabo o capodanno hijri, primo giorno di Muharram, il primo mese del calendario islamico. Il primo anno di questo calendario iniziò nel 622 dC gregoriano quando il...

Opzione voto in Italia: tutto quello che devi sapere

A seguito del recente scioglimento delle Camere da parte del Presidente della Repubblica, è stata fissata al 25 settembre 2022 la votazione per l'elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. Riportiamo il comunicato del Consolato Generale d'Italia...

Tutto quello che devi sapere sull’attestazione di un documento negli EAU

L'attestazione di un documento, sia esso di nascita, di matrimonio o di istruzione, potrebbe essere necessaria quando ci si trasferisce in un nuovo Paese. Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MoFAIC) ha attuato una modifica nel...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...

Cervelli italiani in fuga: i giovani Expat di Dubai

Sono alla ricerca di opportunità, desiderano crescere professionalmente, aspirano a retribuzioni che soddisfino più dei meri bisogni primari, puntano al riconoscimento delle proprie competenze, fanno le valigie e partono. Sono i giovani laureati italiani, protagonisti...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Cos’hanno Matera e Dubai in comune? All’apparenza nulla. Per storia,  cultura, e sviluppo urbano, le due città non potrebbero essere più agli antipodi. Dubai è nata nel deserto del golfo arabo circa 200 anni fa e ha vissuto il suo periodo di massima espansione dopo l’unificazione degli Emirati avvenuta nel 1971. Matera è nata nel decimo millennio avanti cristo, ed è considerata una delle città abitate più antiche al mondo. Mentre Dubai si adorna di grattacieli futuristici, Matera rimane fedele ai suoi Sassi che sono stati riconosciuti dall’Unesco come patrimonio dell’umanità. Eppure, queste due città cosi diverse tra di loro, hanno deciso di collaborare insieme ad Expo 2020 per re-immaginare gli spazi urbani del futuro.

Tutto è nato quando Matera è stata riconosciuta come capitale europea della cultura nel 2019. Il prestigioso riconoscimento ha dato a Matera una visibilità mondiale. Pensate solo che nel 2019 le presenze turistiche in città sono incrementate del 33,4% rispetto a un anno prima. Ma l’importanza di Matera è cresciuta ulteriormente quando l’Unione Europea l’ha selezionata come partner per l’ambiziosa iniziativa “New European Bauhaus” (NEB). 

Il NEB è un movimento nato a inizio 2021 che ha come obbiettivo quello di trasformare gli spazi urbani del futuro per renderli più accessibili, inclusivi, e sostenibili. L’unione europea ha ammirato il lavoro svolto da Matera nel recuperare i tanti luoghi inutilizzati della città. Un’esempio è il teatro nato sui rioni dei sassi che oggi ospita opere teatrali italiane di vario genere. Matera è riuscita a reintegrare nel proprio tessuto urbano spazi vuoti che per anni sono stati abbandonati al proprio destino. 

All’apparenza, può sembrare complicato e alquanto irragionevole paragonare la situazione di Matera con quella di Dubai. In un luogo dove nuovi grattacieli spuntano come funghi in ogni dove, viene difficile pensare che ci possano essere similitudini. Eppure, alla radice, il progetto del NEB di cui Matera è sponsor, centra in pieno le questioni che si pone Dubai sul futuro dello sviluppo urbano. 

Innanzitutto, bisogna comprendere la storia di questo Emirato. Per motivi geografici e ambientali, Dubai rischiava seriamente di rimanere una periferia del mondo globalizzato. Ovvio, le risorse petrolifere hanno rappresentato la chiave di volta dal punto di vista economico. Ma è stata la visione e la determinazione da parte di sua altezza Mohammed bin Rashid Al Maktoum a rendere Dubai una meta ambita non solo per i suoi pozzi ma anche per l’offerta di vita della città. Dubai ha saputo rigenerarsi e reinventarsi, da una colonia immersa nel vuoto del Deserto Arabico è riuscita a diventare una vera e propria metropoli internazionale. Seppur su scala diversa, la creatività che ha illuminato Dubai nel trasformare i propri spazi desertici è compatibile con l’ingegno che ha portato Matera a riqualificare i propri luoghi perduti. 

Ma è sul futuro dello sviluppo urbano che le due città si possono realmente dare del tu. Entrambe si trovano ora a dover fare i conti con degli spazi urbani troppo pieni. Matera per motivi naturali – i sassi per anni sono stati terra di nessuno – mentre Dubai per questioni artificiali. Le due città si confronteranno al padiglione Italia il 30 Ottobre con l’intento di trovare soluzioni innovative a questo quesito. Come continuare a fornire spazi abitativi e ricreativi alla popolazione senza tuttavia diminuire la qualità di vita dei propri residenti? Ovviamente, ogni iniziativa dovrà essere trainata dalla sostenibilità ambientale, che giocherà un ruolo chiave nel progettare gli spazi urbani del futuro.

Da questo punto di vista, Dubai ha già compiuto un passo avanti importante con l’ideazione del Distretto 2020 che sorgerà nell’area Expo al termine dell’esibizione. Il Distretto 2020 andrà a riqualificare una zona inutilizzata che precedentemente veniva considerata periferica alla città di Dubai. Questo distretto non solo diventerà un luogo dove poter vivere e lavorare, ma punta anche a diventare uno dei luoghi più sostenibili al mondo tramite l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia. È dunque possibile costruire un mondo dove zone periferiche ed inutilizzate riescano a trasformarsi in nuovi centri urbani sostenibili? Matera e Dubai sono chiamate a darci una risposta, e chissà se il recupero dei Sassi possa dare qualche spunto creativo anche a una megalopoli come Dubai.      

Articoli correlati

Share This