La perseverante missione della NASA su Marte

da Feb 22, 2021Highlights, News

TRENDING

Le eccellenze del Made in Italy al Gulfood 2021

2500 aziende, di cui 120 Italiane, 85 Paesi, Michelin stars chef, food tech e nuove tendenze, 93.000 metri quadrati di spazio espositivo, il tutto distribuito in 20 halls presso il World Trade Center di Dubai: in pillole questa è la 26ma edizione di Gulfood 2021. Per...

Pillole di Emirati: chi era Bin Majed?

In questi giorni di staycations vi sarà capitato, se siete stati a Ras Al-Khaimah, di esservi imbattuti nella catena alberghiera “Bin Majed”. Il primo pensiero, probabilmente, sarà stato quello di associare il nome al proprietario, magari ad un eventuale “Bin Majed”,...

Emerald Palace Kempinski Dubai: benvenuti a Palazzo

Dubai Start, punto di riferimento per chi vuole esplorare, conoscere e iniziare un business a Dubai, ha stretto una partnership con l'Emerald Palace Kempinski Dubai: ogni mese sono disponibili promozioni speciali e offerte, con pacchetti sia business che leisure, per...

Bin Majed, il primo navigatore arabo

Per chi vuole imparare qualche frase in arabo e per chi semplicemente desidera capire un po’ di più della cultura e della storia del Paese nel quale viviamo. Ecco un’altra puntata della rubrica dedicata a questa fantastica lingua, curata da Eugenio Malatacca,...

Una mattina al souk delle spezie

Una mattina mi viene in mente di cucinare i tozzetti spaccadenti miele e mandorle. E dove acquistare le mandorle se non al mercato delle spezie di Deira? Partiamo dal presupposto che io, con le mandorle, mi ci farei il bagno perché le adoro. In Italia, e ovunque mi...

La perseverante missione della NASA su Marte

Si chiama Perseverance, ha le dimensioni di un Suv, ha viaggiato per 7 mesi e 470 milioni di chilometri ed ha ora raggiunto un altro mondo. Il rover della NASA il 18 febbraio scorso è magistralmente atterrato nel cratere Jazero, un buco profondo 28 miglia, a circa 18...

Tutti pazzi per il delivery

Se il brunch è lo sport nazionale per eccellenza in questo paese, il secondo sport più praticato, sempre nell'ambito alimentare, è il delivery, ovvero la gioia (meno per la bilancia) di poter ordinare, a qualsiasi ora del giorno e della notte, del cibo. Se in Italia...

San Valentino, Papa Gelasio, i cinici e gli innamorati

San Valentino, la festa meno amata tra le feste. Forse perchè inevitabilmente induce a riflessioni sulla propria situazione sentimentale, e diciamocelo, il più delle volte non è esattamente l’argomento su cui si ha voglia di ponderare. Maledetto Amore, che porta in...

Dubaitaly Reloaded

Torna Dubaitaly con nuove rubriche, nuovi collaboratori, ma la passione di sempre per l’informazione, la vita a Dubai e la comunità italiana. Chiuso la scorsa estate, nonostante un numero sempre crescente di lettori e sponsor, Dubaitaly è stato recentemente rilevato...

DraculApp™, benvenuti nella nuova era digitale

Tecnologia, creatività e design possono convivere nella stessa azienda e dare vita a progetti di comunicazione digital vincenti. DraculApp ne è la prova! In Italia è stato tra primi “digital integrator💊” ad offrire soluzioni personalizzate per risparmiare tempo e...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Si chiama Perseverance, ha le dimensioni di un Suv, ha viaggiato per 7 mesi e 470 milioni di chilometri ed ha ora raggiunto un altro mondo.

Il rover della NASA il 18 febbraio scorso è magistralmente atterrato nel cratere Jazero, un buco profondo 28 miglia, a circa 18 gradi dall’equatore. Non il nostro equatore, quello di Marte. Ebbene sì, il marchingegno di inaudita complessità ingegneristica, una volta inseritosi con successo nell’orbita del Pianeta rosso, ha scansionato e analizzato il terreno sottostante, quindi lo ha confrontato con le mappe nel suo database per poi prepararsi al touchdown. Il paracadute di 20 metri di diametro di cui era dotato, si è gonfiato nello spazio, permettendo al rover statunitense di rallentare la sua discesa. 

Atterrare su Marte, come è facile immaginare, non è cosa semplice. Gli esperti ne parlano come i “7 minuti di terrore”. In questa manciata di minuti, gli ingegneri spaziali sono infatti impossibilitati, per via della distanza, ad intervenire in qualsivoglia modo su eventuali complicazioni durante l’ingresso in orbita della sonda. 

Alcuni attimi di interminabile silenzio ed il Jet Propulsion Laboratory della NASA è stato travolto da grida di esultanza e scroscianti applausi quando la prima immagine un pò offuscata della superficie marziana è stata inviata dal rover appena atterrato. 

La comunicazione dell’avvenuto ammartaggio è arrivata con un tweet, direttamente dalla sonda: “Sono sana e salva su Marte”. E poi: “La perseveranza vi porterà ovunque”, aggiunge, a ricordare delle sfide e delle difficoltà, ultraterrene, per l’appunto, affrontate fin ora perché questo obiettivo potesse essere raggiunto. 

Difatti, a rendere il viaggio verso Marte ancora più complicato, ha concorso la necessità di sfruttare il cosiddetto momento di opposizione: quando Sole-Terra e Marte sono perfettamente allineati. Circostanza che però si verifica solo ogni 26 mesi, determinando una possibile “finestra di lancio” di due settimane, in cui la traiettoria verso il pianeta rosso risulta essere più corta. 

Ogni due anni dagli anni ’60 vi sono state diverse missioni su Marte. Tra il 1976 e il 1992 molte finestre sono rimaste “inutilizzate”. Ma mai nella storia tre agenzie spaziali hanno sfruttato simultaneamente la stessa finestra di lancio. Attualmente infatti, sono 10 i veicoli spaziali operanti su Marte o nella sua orbita. Questi provengono da  Stati Uniti, Unione Europea, India, Cina ed Emirati Arabi Uniti. 

Adesso Perseverance ha un obiettivo ben preciso da portare a termine: individuare tracce biologiche nell’antico delta  del fiume, ormai prosciugato, in prossimità del cratere Jezero. Inoltre, la sonda produrrà per la prima volta ossigeno sulla superficie marziana per studiarne la resistenza e gli effetti sull’atmosfera di Marte.

Le ricerche della sonda sono iniziate, e procederanno senza sosta per un anno (marziano), della durata di 687 giorni terrestri. Questa potrà raccogliere campioni di roccia sfruttando un braccio robotico lungo 2,1 metri. Mentre le 23 telecamere di cui è dotata permetteranno di riprendere ogni scoperta, restituendo alla terra immagini 3D.  Degli appositi microfoni poi, registreranno i rumori del vento e dei noti diavoli di sabbia, il più temuto fenomeno meteorologico del pianeta

Perseverance possiede quindi ogni strumento per regalare un’esperienza interattiva di elevato valore scientifico, alla scoperta delle rosse ed ostiche meraviglie di Marte. 

Source: Perseverance è su Marte. Com’è avvenuto l’ammartaggio e cosa succede ora, 9 Febbraio 2021, Patrizia Caraveo

Articoli correlati

Dubaitaly Reloaded

Dubaitaly Reloaded

Torna Dubaitaly con nuove rubriche, nuovi collaboratori, ma la passione di sempre per l’informazione, la vita a Dubai e la comunità italiana. Chiuso la scorsa estate, nonostante un numero sempre crescente di lettori e sponsor, Dubaitaly è stato recentemente rilevato...

Il Padiglione Italia e la magia del David

Il Padiglione Italia e la magia del David

Simbolo del Rinascimento italiano, dell’armonia scultorea, della forza giovanile. La statua per eccellenza e capolavoro di incomparabile bellezza, sarà il fulcro del Padiglione Italia alla prossima fiera mondiale, Expo 2020 di Dubai. La scelta di esporre l’imponente...

Dubaitaly Reloaded

Dubaitaly Reloaded

Torna Dubaitaly con nuove rubriche, nuovi collaboratori, ma la passione di sempre per l’informazione, la vita a Dubai e la comunità italiana. Chiuso la scorsa estate, nonostante un numero sempre crescente di lettori e sponsor, Dubaitaly è stato recentemente rilevato...

Il Padiglione Italia e la magia del David

Il Padiglione Italia e la magia del David

Simbolo del Rinascimento italiano, dell’armonia scultorea, della forza giovanile. La statua per eccellenza e capolavoro di incomparabile bellezza, sarà il fulcro del Padiglione Italia alla prossima fiera mondiale, Expo 2020 di Dubai. La scelta di esporre l’imponente...

Share This