National Food Security Strategy: l’ambizioso obiettivo degli Emirati entro il 2051

da Giu 14, 2021Food, Highlights, News

TRENDING

Cinque porzioni di ortofrutta per una vita longeva? Arriva la conferma di Harvard

Non è solo un detto: consumare cinque porzioni tra frutta e verdura ogni giorno fa veramente bene al nostro corpo. Non tutta l’ortofrutta è uguale e non basta questo per lavarsi la coscienza da altri vizi, certo è però che consumare con costanza cinque porzioni...

Investimenti immobiliari a Dubai: Missoni firma un nuovo grattacielo a Business Bay

ll mercato immobiliare di Dubai si conferma più che mai attivo ed in fibrillazione. E’ stata da poco lanciata una nuova torre residenziale brandizzata Missoni, noto marchio dell’alta moda italiana.   Se volete Investire in immobili a Dubai e cercate qualcosa di...

Padova, tesoro dell’umanità, ora riconosciuta dall’UNESCO

“Dopo aver attraversato in pieno sole il giardino dell’Arena entrai nella cappella di Giotto, dove l’intera volta e gli sfondi degli affreschi sono così turchini da far credere che la radiosa giornata [...] sia venuta per un attimo a porre all’ombra e al fresco il suo...

Italy Muslim Friendly da il via all’internazionalizzazione delle imprese calabresi in Medio Oriente

Nasce in Calabria l'Italy Muslim Friendly, il percorso di ricerca scientifica sull’internazionalizzazione delle imprese calabresi nei mercati arabi-musulmani e di collaborazione, studio e formazione per giovani laureati calabresi e al loro affiancamento alle tante...

Alimentazione in estate: come gestire la dieta per combattere il caldo?

Ormai tutti sappiamo che la dieta può aiutarci in davvero tante cose. Sappiamo del suo potenziale nella cura delle patologie, del suo potere in ambito di prevenzione per altre e dell’aiuto che può dare nella terapia farmacologica in altrettante. Ma oltre al benessere...

Arafah day e Eid Al Adha: perchè l’Islam festeggia

Nella cittadina di Mina, a pochi chilometri da La Mecca, si trova una piccola collina nota come “Monte della Misericordia” e nel giorno di Arafah che precede la grande festa dell’Eid al Adha (la festa del sacrificio) i pellegrini si riuniscono in preghiera dall’alba...

Arts Club: Da Mayfair a Dubai

“C'era una volta il sabato sera all'Arts Club, un luogo affollato di scrittori e artisti che si ritrovavano per rilassarsi dopo il lavoro” Al 40 di Dover Street, nel quartiere Mayfair, una caratteristica townhouse del XVIII secolo ospita il salotto per eccellenza di...

Fatima bint Mubarak Women Center, un passo in più verso l’emancipazione delle donne

Contribuire ad un ambiente favorevole alla realizzazione delle donne, sensibilizzare l'opinione pubblica sui ruoli di genere nel mantenimento della pace e migliorare lo status della donna attribuendole ruoli  decisionali all'interno della società araba. Sono questi...

L’ascesa di Dubai: il villaggio di pescatori divenuto impero commerciale del Golfo

Molto prima di trasformarsi nella “Manhattan d’oriente” e prima ancora di divenire il frutto della visione di un solo uomo, prima del petrolio e di essere definita dallo stesso Sceicco “Dubai ink”, la città emiratina era un piccolo insediamento di case arish e...

Qasr Al Watan, il luogo in cui si parla di futuro preservando la storia

Riflette al sole come una perla, la stessa da cui tutto ebbe inizio più di 7000 anni fa e che poi fece la fortuna della costa del Golfo, di Dubai e di Abu Dhabi.  Si colora d’oro al tramonto quasi come se non fosse fatto di granito ma di sola luce. Il bianco ed il blu...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Vorrei rassicurare ogni cittadino e residente degli Emirati Arabi Uniti: il nostro Paese è capace di fornire a tutti il cibo e le medicine necessarie. Siamo più che preparati ad affrontare qualsiasi sfida si presenti.” Ha affermato Sua Altezza lo sceicco Mohammed Bin Zayed Al Nahyan il 18 marzo 2020.

Secondo le più attendibili previsioni di stima entro i prossimi trent’anni la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi di persone, di cui il 70% vivrà in città, mentre la domanda alimentare aumenterà del 50%.  Ad oggi un terzo del cibo va sprecato. Una persona su tre soffre di malnutrizione. 785 milioni di persone non usufruiscono di servizi idrici di base e 2.2 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile.

Numeri che all’evidenza, senza attendere il 2050, lasciano sin d’ora comprendere la delicatezza della problematica e la necessità sempre più avvertita di interventi correttivi. 

A fronte di tali sfide gli Emirati Arabi Uniti, ispirati da quella che è stata la visione del Padre fondatore del Paese, lo sceicco Zayed, si prefiggono di giocare un ruolo attivo nella promozione della sicurezza alimentare globale e locale ed intendono rinnovare il proprio impegno a raggiungere una maggiore prosperità in una terra che scarseggia di acqua ed è ostica alla coltivazione e, per questo, rimane dipendente per il 90% dalle importazioni di cibo. 

Nasce così in seno al Ministero per la sicurezza alimentare e l’agricoltura il National Food Security Strategy 2051, che mira a trasformare il Paese in un hub leader mondiale nella sicurezza alimentare guidata dall’innovazione. L’ambiziosa strategia fa perno su una serie di iniziative a breve e lungo termine allineate con la UAE Vision 2051 e la UAE National Agenda 2021. La Strategia Nazionale per la Sicurezza Alimentare supervisionera’ l’attuazione delle iniziative che aiuteranno a posizionare gli Emirati Arabi al primo posto del Global Index of Food Security entro il 2051, indice all’interno del quale, ad oggi, il Paese ricopre il ventunesimo posto. 

Tra le iniziative, anche la fondazione dell’Emirates Food Security Council e l’annuale FoodTech Challenge, un concorso globale che mira ad identificare ed implementare soluzioni sostenibili elaborate da aziende o istituti di ricerca scientifica.  Parte della strategia implementata dal Food Security Council, in collaborazione con il Ministero del cambiamenti climatici e dell’ambiente, e’ l’elaborazione di un nuovo sistema di standard di sicurezza alimentare la cui introduzione e’ prevista nei prossimi due mesi. 

Il ministro Abdullah Al Nuaimi ha affermato che le regole assicureranno che solo i prodotti di prima qualità e conformi ai più elevati standard internazionali potranno entrare nel paese. Oltre a rafforzare le ispezioni di sicurezza sulle operazioni di produzione locale, il nuovo sistema mirerà a fornire uno screening rapido dei prodotti alimentari che fanno ingresso nella regione. Con un’importante campagna di marketing lanciata in collaborazione con il settore privato il ministero prevede inoltre di incoraggiare il pubblico a scegliere alimenti coltivati ​​localmente.  Nell’ambito poi di un ulteriore progetto gli agricoltori degli Emirati verranno sollecitati ad adottare pratiche agricole sostenibili e tecnologie avanzate, come l’agtech, finalizzate alla preservazione delle risorse naturali. 

Articoli correlati

Share This