Sebastiano Maio e i sapori di casa da Golositalia

da Feb 2, 2021Highlights, Italian Stories

TRENDING

Le eccellenze del Made in Italy al Gulfood 2021

2500 aziende, di cui 120 Italiane, 85 Paesi, Michelin stars chef, food tech e nuove tendenze, 93.000 metri quadrati di spazio espositivo, il tutto distribuito in 20 halls presso il World Trade Center di Dubai: in pillole questa è la 26ma edizione di Gulfood 2021. Per...

Pillole di Emirati: chi era Bin Majed?

In questi giorni di staycations vi sarà capitato, se siete stati a Ras Al-Khaimah, di esservi imbattuti nella catena alberghiera “Bin Majed”. Il primo pensiero, probabilmente, sarà stato quello di associare il nome al proprietario, magari ad un eventuale “Bin Majed”,...

Emerald Palace Kempinski Dubai: benvenuti a Palazzo

Dubai Start, punto di riferimento per chi vuole esplorare, conoscere e iniziare un business a Dubai, ha stretto una partnership con l'Emerald Palace Kempinski Dubai: ogni mese sono disponibili promozioni speciali e offerte, con pacchetti sia business che leisure, per...

Bin Majed, il primo navigatore arabo

Per chi vuole imparare qualche frase in arabo e per chi semplicemente desidera capire un po’ di più della cultura e della storia del Paese nel quale viviamo. Ecco un’altra puntata della rubrica dedicata a questa fantastica lingua, curata da Eugenio Malatacca,...

Una mattina al souk delle spezie

Una mattina mi viene in mente di cucinare i tozzetti spaccadenti miele e mandorle. E dove acquistare le mandorle se non al mercato delle spezie di Deira? Partiamo dal presupposto che io, con le mandorle, mi ci farei il bagno perché le adoro. In Italia, e ovunque mi...

La perseverante missione della NASA su Marte

Si chiama Perseverance, ha le dimensioni di un Suv, ha viaggiato per 7 mesi e 470 milioni di chilometri ed ha ora raggiunto un altro mondo. Il rover della NASA il 18 febbraio scorso è magistralmente atterrato nel cratere Jazero, un buco profondo 28 miglia, a circa 18...

Tutti pazzi per il delivery

Se il brunch è lo sport nazionale per eccellenza in questo paese, il secondo sport più praticato, sempre nell'ambito alimentare, è il delivery, ovvero la gioia (meno per la bilancia) di poter ordinare, a qualsiasi ora del giorno e della notte, del cibo. Se in Italia...

San Valentino, Papa Gelasio, i cinici e gli innamorati

San Valentino, la festa meno amata tra le feste. Forse perchè inevitabilmente induce a riflessioni sulla propria situazione sentimentale, e diciamocelo, il più delle volte non è esattamente l’argomento su cui si ha voglia di ponderare. Maledetto Amore, che porta in...

Dubaitaly Reloaded

Torna Dubaitaly con nuove rubriche, nuovi collaboratori, ma la passione di sempre per l’informazione, la vita a Dubai e la comunità italiana. Chiuso la scorsa estate, nonostante un numero sempre crescente di lettori e sponsor, Dubaitaly è stato recentemente rilevato...

DraculApp™, benvenuti nella nuova era digitale

Tecnologia, creatività e design possono convivere nella stessa azienda e dare vita a progetti di comunicazione digital vincenti. DraculApp ne è la prova! In Italia è stato tra primi “digital integrator💊” ad offrire soluzioni personalizzate per risparmiare tempo e...
Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Sebastiano Maio Golositalia

Gli italiani a Dubai potranno anche non conoscere il suo nome, ma i suoi cornetti sono una leggenda e il suo locale è il punto di ritrovo per eccellenza della comunità italiana: durante il fine settimana, soprattutto, la colazione da Golositalia è ormai un’istituzione, un po’ come scendere nella piazzetta del paese o entrare nel bar di quartiere. E poi pizze e pizzette, lasagna e parmigiana, granite e gelati: sapori di “casa” a qualunque ora del giorno, resi ancora più speciali dall’accoglienza che Sebastiano e il suo staff riserva agli avventori.

Come sei arrivato a Dubai e quando?

 Per sbaglio, nel gennaio 2012. Pensavo da un po’ di tempo di andare via dalla Sicilia e aprire qualcosa da qualche parte nel mondo dove avrei potuto lavorare ma anche godermi la vita.

Tramite un’amica di mia sorella organizzo una vacanza di 7 giorni durante i quali fisso degli appuntamenti per aprire società di “food”, nello specifico: pasticceria siciliana.

Naturalmente le domande che mi sono fatto sono state tante, più vivi Dubai più ti rendi conto che devi avventurarti, conoscere le abitudini e le varie realtà presenti.  

Dovevo anche capire cosa volevo fare di preciso e chi doveva essere il mio cliente “tipo”: mi sono reso conto che la mia idea di prodotto era indirizzata agli italiani residenti in questa città e ai turisti che arrivano numerosi, ogni anno di più. Ho girato molto, mi sono goduto la città approfittandone per parlare con più gente possibile. Grazie a questo mi sono reso conto che il mio target si concentrava tra JLT e Marina ed ho iniziato la mia ricerca in questi quartieri. Proprio l’ultimo giorno, mentre mi stavo recando ad un meeting a JLT, mentre attraversavo una strada, ho trovato il posto giusto per aprire la mia attività. E’ dove si trova tutt’ora.

Ad aprile 2012 inizio a definire il progetto pensando di aprire a giugno dello stesso anno, ma alcuni intoppi mi hanno portato ad aprire effettivamente la mia attività nel maggio 2013. 

Perché hai scelto di fermarti a Dubai?

Mi è scattata una molla dentro! Mi sono chiesto se potessi immaginarla come “casa” e mi sono risposto “perché no”! Mentirei se non dicessi che, inizialmente, anche l’assenza di tasse sul reddito ha influito sulla mia scelta! -(E fa una risata)-. Inizialmente ho dovuto lottare anche perché mi chiedevo spesso come mai non esistesse già qualcosa di simile a quello che volevo fare io e avevo paura che non funzionasse. Adesso sono indubbiamente più tranquillo, mi sento sicuro del mio lavoro e mi sento a casa.

Quali sono state le maggiori sfide che hai dovuto affrontare?

Prima di tutto la lingua inglese, inizialmente ho fatto un po’ fatica, non lo nego.

Ho impiegato circa un anno per “settarmi”. 

Poi ho dovuto affrontare la differenza culturale, i clienti provenienti da tutte le parti d’Italia e del mondo e adeguarmi alle loro esigenze. 

Ho dovuto trovare dei collaboratori idonei per portare avanti la mia “vision” e di conseguenza istruirli, soprattutto alla puntualità.

Mi sono anche scontrato con la difficoltà di voler inserire un prodotto artigianale e quindi “acculturare” i clienti… è stata una bella avventura.

La sfida più grande però è stata con me stesso, ho dovuto allargare la mia visione delle cose, staccarmi da quella mentalità che aveva caratterizzato tutta la mia vita fino a quel momento, modificare il mio modo di lavorare… Pensa, mi ero detto che non avrei mai messo le uova nel menù perché non rientravano nella mia idea di “colazione all’italiana”, e invece ora mi ritrovo a preparare in vari modi circa 2500 uova al mese solo per le colazioni. Come dicevo è stata una bella avventura! 

Quali le tue maggiori soddisfazioni?

Tantissime, naturalmente prima di tutto quella economica: si lavora per guadagnare! Ma anche vedere arrivare un cliente non italiano che ti chiede il panettone, perché sei stato tu ad averglielo fatto conoscere ed apprezzare; o lo straniero che ti chiede la granita siciliana, grande orgoglio della mia terra, o il cliente italiano che ti dice che i cornetti, che prepariamo con tanta passione, sono più buoni di quelli che si trovano in Italia.

L’emozione più grande, però, ce l’ho quando vedo il locale pieno di clienti soddisfatti e penso che tutto questo l’ho creato io!

Diventare un riferimento come un albero di Natale, essere la piazzetta siciliana a Dubai dove la gente ha il piacere di stare insieme, mi riempie il cuore. 

Cosa ami particolarmente di Dubai?

La cosa che mi ha colpito di più è la sicurezza: la mia famiglia è al sicuro e la multiculturalità un arricchimento.

Vero che “Casa”, quella con la “C” maiuscola, a volte manca, ma qui ti rendi conto che vivere sereni è un valore aggiunto.

La seconda cosa è il clima, passare l’inverno in modo diverso è certamente un plus. 

A cosa devi il tuo successo?

Fato, fortuna, idea giusta!?! Devo indubbiamente molto all’educazione ricevuta dai miei genitori ed al rispetto per il lavoro che mi hanno trasmesso, agli zii che mi hanno insegnato ad essere un pasticcere, a chi mi ha aiutato ad aprire la società, a mia moglie che mi ha supportato e alla sicurezza a casa, che mi consente di lavorare in serenità.

Cosa consiglieresti a un giovane che volesse venire a Dubai a fare il tuo lavoro?

Non lo consiglio da dipendente, gli consiglio di specializzarsi in qualcosa in Europa e venire qui ben qualificato, qui si chiedono specializzazioni di alto livello.

Consiglio inoltre di non perdere la propria identità e avere costanza. Importante è anche avere “le spalle coperte” per investire, perché i primi anni si perde, e questo rischia di essere demotivante.

Articoli correlati

La perseverante missione della NASA su Marte

La perseverante missione della NASA su Marte

Si chiama Perseverance, ha le dimensioni di un Suv, ha viaggiato per 7 mesi e 470 milioni di chilometri ed ha ora raggiunto un altro mondo. Il rover della NASA il 18 febbraio scorso è magistralmente atterrato nel cratere Jazero, un buco profondo 28 miglia, a circa 18...

La perseverante missione della NASA su Marte

La perseverante missione della NASA su Marte

Si chiama Perseverance, ha le dimensioni di un Suv, ha viaggiato per 7 mesi e 470 milioni di chilometri ed ha ora raggiunto un altro mondo. Il rover della NASA il 18 febbraio scorso è magistralmente atterrato nel cratere Jazero, un buco profondo 28 miglia, a circa 18...

Share This