Rolex Middle Sea Race, Expo Dubai e sostenibilità con Giovanni Soldini

da Nov 7, 2021Expo 2020, Highlights, Italian Stories, News

TRENDING

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...

Shaping the Future: URB Launches World’s Largest Agritourism in Dubai

Shaping the Future: URB Launches World’s Largest Agritourism in Dubai. While Dubai is establishing itself as a global economic and financial hub, it is turning its gaze to sustainability and "green" urbanization. Among the champions of innovation and transition...

‘We the UAE 2031’: continua la crescita vertiginosa degli Emirati Arabi

Giunge di martedì 22 novembre, l'annuncio da parte dello sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, relativo al lancio di "We the UAE 2031" vision. Il nuovo piano strategico, in linea con quello relativo all'anno 2021, individua gli obiettivi di governo per il prossimo...

Emirati Arabi Uniti, come tutto ebbe inizio

Beduini, mercanti e pirati. Perle, incenso e datteri. E poi il deserto e il mare, da sempre spettatori silenziosi di incursioni, antiche carovane e flotte di esploratori. Su queste terre, oggi conosciute come Emirati Arabi, è approdato Alessandro Magno, hanno...

Con “Farfalle”, ITACA porta a Dubai un pezzo del teatro italiano

Il 19 e 20 Novembre prossimi, ITACA – Italian Theatre And Culture Association- presenterà al pubblico italiano di Dubai “Farfalle”, una commedia noir vincitrice dei premi “Hystrio- Scritture di scena 2015” e “Mario Fratti Award 2016”. Lo spettacolo andrà in scena...

EAU: al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione

Al via il regime di assicurazione contro la disoccupazione volto a tutelare cittadini ed espatriati impiegati nel settore privato e nei dipartimenti del governo in caso di perdita del lavoro. Il nuovo schema offrirà sostegno finanziario per la durata di tre mesi in...

“Catching up with the Far East”: la tavola rotonda sull’andamento dei mercati Asiatici

Si è conclusa nella mattinata di mercoledì 19 ottobre, la tavola rotonda dal titolo “Catching up with the Far East” organizzata ed ospitata dagli uffici Kelmer Group di Dubai. Una kermesse che ha visto imprenditori, esperti del settore e rappresentanti delle Camere di...

#maiunagioia: lo spettacolo tutto italiano va in scena a Dubai

Grande attesa per lo spettacolo teatrale  #maiunagioia ideato da Lamya Tawfik e Valentina Danubio, prossimamente in scena presso The Junction, Alserkal Avenue, il 28 ottobre e il 4 novembre 2022. Noi di Dubaitaly abbiamo intervistato Lamya e Valentina per saperne di...

Rivoluziona il tuo shopping con Restyle

Uno stile di vita, un movimento sociale ed individuale per gli amanti della moda, ma sensibili ed attenti all’impatto ambientale del consumismo di massa. Restyle nasce sull'impronta del mercatino dell’usato in perfetto stile italiano: pezzi unici, selezionati ed al...

Legge sul Copyright: quella degli EAU tra le più rigide al mondo

Il trattamento di dati, contenuti e proprietà intellettuale negli Emirati Arabi Uniti non va preso alla leggera. Il Paese dispone ad oggi di uno dei regolamenti copyright più rigidi al mondo. Questo, al duplice scopo di proteggere i diritti dei marchi internazionali...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Ha l’aria pacata e la pelle abbronzata, capelli schiariti dalla salsedine e l’espressione di chi possiede l’esperienza di mille vite maturata nell’acqua, al sole e nel sale dei tanti mari che ha navigato. Giovanni Soldini, l’eccellenza del velismo italiano, fa appassionare anche i più profani di questa specialità grazie alle ormai innumerevoli prodezze cui ci ha abituato. Una vita vissuta a suon di record, tra giri del mondo –due per l’esattezza- e traversate transoceaniche. Sei Québec-Saint Malo, sei Ostar, tre Transat Jacques Vabre.

Dalla Maserati Vor70, fulmine dei mari, come dimostrano gli importanti primati raggiunti nella Cadice-San Salvador o nella New York-San Francisco Gold Route, alla Maserati Multi 70, il trimarano oceanico di 21,20 metri con un albero alare di 29, a bordo del quale lo skipper italiano ha iniziato nel 2016 la sua nuova avventura. Pochi giorni fa il rientro in Italia dopo aver sfidato più di 20.000 miglia e conquistato il secondo posto alla Rolex Middle Sea Race 2021, una prova durissima per Giovanni ed il suo team fosse anche solo per il vento che soffiava implacabile oltre i 30 nodi.

La Rolex Middle Sea Race è la regata che si svolge nelle acque del nostro Mediterraneo attorno ad arcipelaghi e vulcani, lungo lo stretto di Messina e poi verso le Eolie, le Egadi, Pantelleria e Lampedusa, sino all’arrivo a Malta.

Lo abbiamo intervistato per avere il suo punto di vista non solo su quest’ultima prova, ma anche per ciò che riguarda l’inaugurazione del Padiglione Italia ad Expo 2020 Dubai, alla quale il primo ottobre scorso ha partecipato in qualità di ospite speciale.

Quale è stato il momento più intenso della Middle Sea Race?

“È stata una regata intensa, combattuta miglio dopo miglio contro Argo e Mana, due barche molto simili a Maserati. Siamo riusciti a girare a Trapani per primi con un bel vantaggio su Argo, ma poi siamo entrati in una vasta zona piena di temporali e buchi di vento e, nei vari bordeggi, i nostri avversari sono riusciti a superarci. Al passaggio di Lampedusa, con 6 miglia di ritardo, proprio mentre stavamo cercando di attaccare al massimo, si è rotto il cilindro idraulico che tiene la sartia e quindi l’albero è caduto sotto vento. Quello è stato il momento più drammatico. Fortunatamente, siamo riusciti a salvare l’albero e a fare una riparazione “last minute” che ci ha permesso comunque di arrivare secondi.”

Le tue impressioni su questa Expo?

“La partecipazione all’apertura di Expo ed in particolare all’inaugurazione del Padiglione Italia è stata indubbiamente un’esperienza affascinante, con così tanti Paesi riuniti in solo luogo a condividere con il mondo intero le idee più all’avanguardia e le tecnologie più avanzate. Il Padiglione Italia mi è piaciuto molto, così come sono rimasto colpito dai tanti elementi innovativi relativi soprattutto al tema della sostenibilità. A questo proposito, il mio auspicio è che si insista con sempre maggior determinazione per il raggiungimento di un’economia sostenibile.”

Secondo te in occasione di Expo, l’Italia ha apportato il suo contributo al tema della sostenibilità ambientale?

“Penso che la direzione e la voglia ci siano, ma è giunto il momento di mettere in pratica azioni più concrete e, soprattutto, coraggiose. Credo si possa ottenere molto di più dall’impiego delle energie rinnovabili, ma bisogna avere il coraggio di puntare fino in fondo a quest’obiettivo. È necessario, quindi, snellire la burocrazia e fare in modo che, finalmente, anche in Italia sia possibile investire nei settori più sottovalutati, come quello eolico, fino ad oggi sacrificato e bloccato dalla burocrazia e dalle scelte politiche del nostro Paese. Abbiamo sole e vento in abbondanza ed è ora che si inizi ad investire seriamente nel rinnovabile e nel sostenibile, cosa che ci permetterebbe di diventare in una nazione virtuosa. Tutto questo è possibile! Ed è anche l’unica strada che abbiamo per costruire un futuro in equilibrio con la natura.”

 

La presenza di esponenti dello sport, in occasione dell’apertura del Padiglione, un Padiglione dedicato alla sostenibilità, ha restituito l’immagine di un Paese che connette, unisce e far convergere temi ed interessi a livello si diplomatico ed istituzionale, ma anche, e soprattutto, a livello umano. In fondo la sostenibilità, come la tutela dei nostri mari e delle nostre terre, ci riguarda individualmente.

Articoli correlati

Share This