Assistenza sanitaria italiana e Aire: cosa c’è da sapere

da Gen 13, 2021Lifestyle

TRENDING

Toscana Promozione Turistica: Roadshow Emirati Arabi-Oman 2024

Nel suggestivo scenario della capitale emiratina di Abu Dhabi, in data 8 gennaio 2024, Toscana Promozione ha dato inizio ad uno straordinario roadshow di promozione del territorio, con il prezioso supporto del Tour Operator italiano Tourmeon, che da anni collabora...

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai! 

Stagione Alta: Massimizza i Tuoi Guadagni con The Smart Concierge a Dubai!   Se sei un orgoglioso proprietario di una residenza a Dubai, allora non puoi permetterti di perdere l'opportunità della Stagione Alta con The Smart Concierge! The Smart Concierge...

Gli EAU annunciano le regole sulla tassazione degli investimenti immobiliari

Le regole fiscali degli Emirati Arabi Uniti e l'immobiliare Il Ministero delle Finanze ha annunciato le regole sulla proprietà in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Queste stabiliscono i casi in cui le società straniere e i proprietari di immobili residenti all'estero...

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai

Vetrina negli Emirati Arabi: La virtual influencer d’Italia all’ATM di Dubai. Prima tappa negli Emirati Arabi per la Venere influencer protagonista della nuova campagna del Ministero del Turismo ed ENIT. Nella nuova comunicazione, accompagnata dal claim “Open to...

La Terra dell’oro rosso

La leggenda narra che le gocce di sangue di uno dei compagni ferito accidentalmente dal dio Hermes, una volta cadute in terra, avessero dato vita ad un magnifico fiore rosso, il fiore dello zafferano, da quel momento simbolo di resurrezione. Pepe nero color ebano,...

Antonio Lagrutta conclude la sua esperienza a Dubai: il suo saluto alla comunità italiana

La community' italiana di Dubai, si sa, è un piccolo ecosistema, florido e dinamico, popola una grande metropoli conservando gli aspetti di una piccola realtà cittadina in cui tutti si conoscono, in cui i punti di riferimento sono pochi, ma ben saldi. Antonio...

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l’arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai

Tra antiche pratiche tessili e tintura ad indaco: l'arte visiva di Lisa Mara Batacchi a Dubai presso la mostra (UN)COMMON THREADS ospitata durante la Alserkal Art Week. Noi di Dubaitaly abbiamo avuto il piacere di intervistarla! Lisa, come e quando nasce la tua...

Il Gorgonzola Bassi Dop protagonista a Dubai

Durante la settimana di Gulfood, tenutasi a Dubai dal 20 al 24 Febbraio 2023, il Gorgonzola Bassi Dop, partner di Euro-Toques Italia, è arrivato per misurare nuove frontiere di gusto. Oltre la presenza in Fiera con uno stand dedicato, l’azienda di Marano Ticino (No)...

Chef Antonio Satta: l’alta cucina italiana a Dubai

Chef Antonio Satta: l'alta cucina italiana a Dubai. Negli EAU, come è noto, l'offerta culinaria non manca. Che tu sia un amante della gastronomia giapponese, greca, messicana, francese, libanese, egiziana e persino bavarese, a Dubai non rimarrai insoddisfatto. In...

Countdown per l’inaugurazione della mostra ONEIRISM a Dubai

Parte il countdown per l'inaugurazione della mostra fotografica ONEIRISM di Antonio Saba, ospitata per la prima volta a Dubai. Le porte dell'attesissima esibizione apriranno il 25 gennaio 2023 alle 18:30, presso la galleria d'arte Foundry Downtown di EMAAR. Ad...
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

E’ una delle domande più frequenti tra gli italiani che si trasferiscono qui a Dubai: “ho ancora diritto al medico della mutua e all’assistenza sanitaria in Italia nel momento in cui prendo la residenza negli Emirati?”. La risposta è no o, meglio, non del tutto: nel momento in cui ci si iscrive all’Aire (quindi si dichiara di non essere più residenti in Italia) si perde il diritto ad avere il medico di base, all’assistenza ospedaliera tramite mutua, alla possibilità d’acquisto dei medicinali dietro pagamento di ticket.

Che fare, quindi, se mentre si è in Italia si ha bisogno di assistenza sanitaria? Secondo una legge del 1996, ai cittadini con lo stato di emigrato che rientrino temporaneamente in Italia – e con il termine emigrato la legge si riferisci esclusivamente ai cittadini nati in Italia e poi trasferiti all’estero –  sono riconosciute, a titolo gratuito, solo le prestazioni ospedaliere urgenti per un periodo massimo di 90 giorni per ogni anno solare a condizione che l’espatriato non abbia una copertura assicurativa.

Per usufruirne, occorre presentare alla propria Asl di riferimento una dichiarazione dello status di cittadino italiano residente all’estero rilasciata dal Consolato Generale Italiano oppure è possibile effettuare un’autocertificazione in cui si dichiara, oltre al proprio stato di emigrato, che non si è in possesso di una copertura assicurativa pubblica o privata. In questo modo, quando ci si trova in Italia ad esempio per le vacanze estive, si possono avere una tessera sanitaria e un’iscrizione temporanea alla propria Asl. Una precisazione: le norme variano da Regione a Regione. Occorre dunque informarsi sulle diverse procedure richieste nelle diverse Asl.

Ricapitolando, esiste quindi la possibilità di usufruire delle prestazioni ospedaliere urgenti (al pronto soccorso o in ambulatorio), per un periodo limitato di tempo. Ci teniamo però a precisare – poiché in molti non ne sono a conoscenza – che questo diritto è riservato solo ai cittadini nati in Italia. I molti bimbi che sono nati qui a Dubai, ad esempio, nonostante siano cittadini italiani, perdono anche il diritto alle prestazioni urgenti, proprio perché non rientrano nella categoria di “emigrati” prevista dalla legge.

Si tratta infatti di una normativa emanata – e non più aggiornata nel corso degli anni – quando il numero degli italiani nati all’estero era molto elevato (in particolare le seconde e terze generazioni di italiani nati nei Paesi del Sud America) e il Sistema Sanitario Nazionale non poteva coprire tutte le prestazioni di quanti tornavano in Italian per alcuni periodi dell’anno.

Nel caso, dunque, i propri figli siano nati qui negli Emirati, è consigliabile stipulare un’assicurazione sanitaria che copra qualsiasi tipo di prestazione anche all’estero. Tra le assicurazioni mediche che si sottoscrivono comunemente a Dubai, quasi tutte offrono l’opzione di copertura sanitaria fuori dagli Uae.

In breve

  • L’assistenza sanitaria è assicurata per un periodo massimo di 90 giorni nel corso dell’anno solare.
  • L’assistenza è limitata alle sole prestazioni urgenti ospedaliere di malattia, infortunio e maternità.
  • L’assistenza specialistica è limitata a visite ed accertamenti diagnostici nei presidi ed ambulatori pubblici.
  • L’assistenza ospedaliera è limitata alle prestazioni in forma diretta negli ospedali pubblici e strutture convenzionate.
  • All’arrivo in Italia occorre registrarsi presso l’Asl della città nella quale si risiede.
  • Per usufruire della copertura, occorre ottenere una dichiarazione dello status di cittadino italiano residente all’estero rilasciata dal Consolato Generale Italiano oppure è possibile effettuare un’autocertificazione nella quale si dichiara, oltre al proprio stato di emigrato, che non si è in possesso di una copertura assicurativa pubblica o privata. 

Per approfondire: in questa pagina del sito del Ministero della Salute trovate riassunta la normativa e i diversi casi possibili a seconda dei Paesi di residenza.

Articoli correlati

Share This